Venezia Festival 2013: i film che ho visto oggi (giovedì 5 sett.). Sacro Gra, Garrel, Andrea Segre e altro ancora

La prima neve, di Andrea Segre

La prima neve, di Andrea Segre

Venezia, giovedì 5 settembre 2013. Sera.

I film ch ho visto oggi.
1) Sacro GRA di Gianfranco Rosi (Concorso)
Giudizio: Doc italiano sul grande raccordo anulare che cinge e stringe la capitale nostra. Storie e fatti, più o meno vicini, più o meno lontani dal GRA. Che però per essere il protagonista del film compare piuttosto poco. E allora? Applauditissimo. Sopravvalutatissimo. Magari si becca pure un premio.
2) La jalousie di Philip Garrel (Concorso)
Giudizio: Da Garrel padre, confesso, mi aspettavo un qualcosa di più. E però avercene. Un uomo, una donna, l’amore, la gelosia. Un discorso amoroso di grande eleganza e girato in autoriale b/n. Dialoghi colti e assai chic-parigini. Ovviamente c’è Louis Garrel.
3) Traitors di Sean Gullette (Giornate degli Autori)
Giudizio: Il Marocco (siamo a Tangeri) che non ti aspetti. Rockettare punk assai toste, traffico di coca, boss cattivissimi. Tra il film engagé di denuncia e il thriller. Molto ben costruito.
4) Yurusarezarumono (Unforgiven) di Lee Sang-il (Fuori concorso)
Giudizio: Remake giapponese del grandissimo Gli spietati di Clint Eastwood. Qui siamo nel Giappone del 1880, con i samurai pro-shogunato sconfitti e braccati dal nuovo potere imperiale Meji. Lento ma non ieratico, verbosissimo. Strano film, irrisolto, ma con sequenze notevoli, il cui motivo di maggior interesse sta nel come ci racconta il passaggio dall’era feudale a quella occidentalizzante.
5) La prima neve di Andrea Segre (Orizzonti)
Giudizio: De Amicis è tornato, e Carolina Invernizio pure. Però in versione multiculturale-buonista. In una valle del Trentino un africano rifugiato, vedovo e con figlioletta a carico, e un ragazzino del luogo orfano di padre. Il film più edificante che il cinema italiano ci abbia consegnato ultimamente. Preparate i fazzoletti, perché si piange, e son lacrime politicamente correttissime. Sarà un successo in sala.

Questa voce è stata pubblicata in cinema, Container, festival, film e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.