EFA Awards: due italiani in corsa per il miglior film

EFA logoLi chiamano impropriamente gli Oscar europei, il loro nome è invece European Film Awards, meglio conosciuti con l’acronimo EFA. Un premio che ha sede in Germania e ogni anno assegna riconoscimenti al cinema europeo. Il più importante, quello al miglior film del continente: l’anno scorso l’ha vinto a mani basse Amour di Michael Haneke. Il meccanismo? Viene stilata una prima lista molto corposa, successivamente ridotta alle nomination vere e proprie. I prossimi EFA verranno consegnati il 7 dicembre a Berlino. Qui sotto trovate la lista completa dei titoli in corsa per il migliore film del 2013. In tutto sono 46, e gli italiani sono due, La grande bellezza di Paolo Sorrentino e La migliore offerta di Giuseppe Tornatore. Intanto sono già stati assegnati, con notevole anticipo, alcuni EFA tecnici (non si può dire minori), due dei quali andati a nostri connazionali: per il montaggio a Cristiano Tavaglioli (La grande bellezza) e per la musica a Ennio Morricone (La migliore offerta). Ancora Italia: Miele di Valeria Golino ha avuto la nomination per la categoria European Discovery/Premio Fipresci e Pinocchio di Enzo d’Alò in quella del film di animazione.

TUTTI I TITOLI IN CORSA PER L’EFA COME MIGLIORE FILM
Cliccare sul link per leggere la recensione di questo blog

1) 8-BALL, Finlandia. Regia di Aku Louhimies.
2) BOY EATING THE BIRD’S FOOD, Grecia, regia di Ektoras Lygizos.
3) THE ETERNAL RETURN OF ANTONIS PARASKEVAS, Grecia, regia di
Elina Psykou.
4) GLI AMANTI PASSEGGERI, Spagna, regia di Pedro Almodóvar.
5) ANNA KARENINA, UK, regia di Joe Wright .
6) ARAF, Turchia/Francia/Germania, regia di Yeşim Ustaoğl.
7) EAT SLEEP DIE, Svezia, regia di Gabriela Pichler.
8) BERBERIAN SOUND STUDIO, UK, regia di Peter Strickland.
9) LA MIGLIORE OFFERTA, Italia, regia di Giuseppe Tornatore.
10) BLANCANIEVES, Spagna/Francia, regia di Pablo Berger.
11) BORGMAN, Olanda/Belgio/Danimarca, regia di Alex van Warmerdam.
12) THE BROKEN CIRCLE BREAKDOWN, Belgio, regia di Felix van Groeningen.
13) THE CONGRESS, Israele/Germania/Polonia/Lussemburgo/Francia/Belgio, regia di Ari Folman.
14) THE COLOUR OF THE CHAMELEON, Bulgaria, regia di Emil Christov.
15) DANS LA MAISON (NELLA CASA), Francia, regia di François Ozon.
16) THE DEEP, Islanda/Norvegia, regia di Baltasar Kormákur.
17) A LONG AND HAPPY LIFE, Russia, regia di Boris Khlebnikov.
18) THE LAST SENTENCE, Svezia, regia di Jan Troell.
19) AN EPISODE IN THE LIFE OF AN IRON PICKER, Bosnia e Herzegovina/Francia/Slovenia, regia di Danis Tanović.
20) LA GRANDE BELLEZZA, Italia/Francia, regia di Paolo Sorrentino.
21) CROSSING BOUNDARIES, Austria, regia di Florian Flicker.
22) IN BLOOM, Georgia/Germania/Francia, regia di Nana Ekvtimishvili & Simon Gross 23) HANNAH ARENDT, Germania/Luseemburgo/Francia/Israele, regia di Margarethe von Trotta.
24) BURNING BUSH, Repubblica Ceca, regia di Agnieszka Holland.
25) IMAGINE, Polonia /Francia/Portogallo, regia di Andrzej Jakimowski.
26) THE IMPOSSIBLE, Spagna, regia di Juan Antonio Bayona.
27) L’INCONNU DU LAC (LO SCONOSCIUTO DEL LAGO), Francia, regia di Alain Guiraudie.
28) IZMENA (TRADIMENTO), Russia, regia di Kirill Serebrennikov.
29) KAPRINGEN (A HIJACKING), Danimarca, regia di Tobias Lindholm.
30) KON-TIKI, Norvegia/Danimarca/UK/Germania/Svezia, regia di Joachim Rønning & Espen Sandberg.
31) CIRCLES, Serbia/Germania/Francia/Croazia/Slovenia, regia di Srdan Golubović.
32) FILL THE VOID (LA SPOSA PROMESSA), Israele, regia di Rama Burshtein.
33) A STRANGE COURSE OF EVENTS, Israele/Francia, regia di Raphaël Nadjari.
34) MY DOG KILLER, Slovacchiia/Repubblioca Ceca, di Mira Fornay.
35) OH BOY!, Germania, regia di Jan Ole Gerster.
36) BLOCK 12, Cipro/Grecia, regia di Kyriacos Tofarides.
37) ONLY GOD FORGIVES (SOLO DIO PERDONA), Danimarca/Francia, regia di Nicolas Winding Refn.
38) PARADISE: FAITH (PARADISO: FEDE), Austria/Germania/Francia, regia di Ulrich Seidl.
39) IL CASO KERENES (CHILD’S POSE), Romania, regi di Călin Peter Netzer.
40) ROSIE, Svizzera, regia di Marcel Gisler.
41) THE SELFISH GIANT, UK, regia di Clio Barnard.
42) I BELONG, Norvegia, regia di Dag Johan Haugerud.
43) THE PRIEST’S CHILDREN, Croazia/Serbia, regia di Vinko Brešan.
44) COME PIETRA PAZIENTE (THE PATIENCE STONE), Francia/Germania/Afghanistan, regia di Atiq Rahimi.
45) IN THE NAME OF, Polonia, regia di Małgośka Szumowska.
46) WHAT RICHARD DID, Irlanda, regia di Lenny Abrahamson.

Questa voce è stata pubblicata in cinema, Container, film, premi e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.