Roma Film Festival ’13: dalla Romania QUOD ERAT DEMONSTRANDUM (recensione)

QED 1Quod erat demonstrandum di Andrei Gruzsniczki (Romania). Con Ofelia Popii, Sorin Leoveanu, Florin Piersic Jr., Virgil Ogășanu, Tora Vasilescu, Marc Titieni. Concorso. Voto 7
Il cinema rumeno è una potenza da festival, stiamo a vedere se anche questo film si porterà via qualcosa da Roma. In rigoroso bianco e nero, Quod erat demonstrandum ci riporta al clima soffocante di delazione, codardie, piccoli grandi tradimenti, negli ultimi anni dell’era Ceausescu. Una donna che aspetta di poter raggiungere con il figlio il marito scappato in Francia; un geniale matematico non allineato al regime ma i cui studi al regime molto interessano; un poliziotto che vuole fare un salto di carriera. Anche i migliori, i più integri, finiranno col cedere alla viltà, al compromesso. L’ennesima, ma sempre necessaria, rievocazione di cosa son stati capaci, nella corruzione delle coscienze, quei regimi dell’est europeo. Un film che carbura lentamente e poi ti avvolge.

Questa voce è stata pubblicata in cinema, Container, festival, film, recensioni e contrassegnata con , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.