Torino Film Festival 2013: però, che concorso modesto (finora)

31tff_verticale_hiMartedì 26 novembre, ore 2,30. Esco fresco fresco dalle proiezioni stampa di stamattina di due film in concorso, prima il giapponese A Woman and War, poi il doc italiano Il treno va a Mosca. Il secondo modestissimo, di un modestia imbarazzante (ne riparleremo), il primo sgangherato assai, ma almeno rispetto all’italico con quelle follie e quei trucidumi di massimo godimento che gli orientali ci sanno procurare. Signori, se questo è il concorso c’è mica da stare allegri e c’è da preoccuparsi sinceramente per le non magnifiche e non progressive sorti del TFF. Perché un festival è anche il suo concorso (parafrasiamo l’ex direttore artistico del Locarno Festival, Olivier Père, secondo il quale “un festival è il suo palmarès”, che è altrettanto vero). Pure nei giorni scorsi non è che si sian viste in competizioni grandi cose (il resto del programma e delle sezioni è altro discorso). Oltretutto parecchi film son già stati visti e magari premiati in precedenti festival (come Pelo Malo) e non sono neanche delle novità. Mancano ancora un po’ di titoli, e speriamo bene.

Questa voce è stata pubblicata in cinema, Container, festival, film e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.