Torino Film Festival 2013: LA MIA CLASSIFICA dei film del concorso (a mercoledì 27 novembre)

Blue Ruin

Blue Ruin

Mancano solo due titoli per completare la visione di Torino 31, la sezione competitiva del festival. Un concorso non eccelso, con troppi film già visti e anche premiati in altri festival, per l’esattezza 5 (Le Démantèlemente: Cannes, Semaine de la Critique; Blue Ruin: Cannes-Quinzaine des Réalisateurs e Festival di Locarno; La bataille de Solférino: Cannes-Quinzaine; Pelo Malo, vincitore del festival di san Sebastian; La Plaga: Berlinale-Forum). Meglio sarebbe stato puntare solo sugli inediti, così come s’è configurato quest’anno il concorso del TFF rischia di perdere forza e quota sul mercato internazionale ipercompetitivo dei film festival. Comunque, ecco la mia classifica. Il migliore, Blue Ruin, l’avevo già visto a Locarno, nessuno degli altri mi ha convinto davvero. La più grande delusione: La bataille de Solférino, da cui mi aspettavo parecchio dopo che i Cahiers du Cinéma l’avevano inserito al decimo posto della loro Top Ten 2013. Cliccare sui link per leggere la recensione di questo blog. 

1) Blue Ruin
2) La Plaga
3) C.O.G.
4) Le Démantèlement
5) Red Family (Bulg-Eun Gajog)
6) 2 Automnes 3 Hivers
7) Pelo Malo
8) Una donna e la guerra (Senso To Hitori No Onna)
9) La mafia uccide solo d’estate
10) La bataille de Solférino
11) Sao Karaoke (Karaoke Girl)
12) Il treno va a Mosca

Questa voce è stata pubblicata in cinema, Container, festival, film e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.