i 12 film italiani più belli di sempre (secondo me)/ posizione #2

Seguirà a breve il n. 1. Avvertenza: ho scelto solo un film per autore.

2) Fellini 8 e mezzo di Federico Fellini, 1963.
large_8_5_blu-ray1x812webQuando l’han dato in versione restaurata lo scorso novembre al Torino Film Festival, c’era fuori una fila che non finiva più, centinaia e centinaia di ragazzi che ne avevan sempre sentito parlare, ma mai l’avevano visto in sala. La visione (per quanto mi riguarda, non so più a quante sono arrivato) ha confermato come questo, signori, resti uno dei vertici del cinema di sempre, e mica solo italiano. Ancora ai primi posti nelle classifiche dei più grandi film della storia stilate dai vari critici e cinemaniaci di ogni parte del mondo, insieme a Citizen Kane di Orson Welles (oddìo, sempre che a votare sia gente non proprio giovanissima, ché le ultime e penultime generazioni cinefile tarantinizzate e pulpizzate e assatanate di B-movies, van su altri lidi e titoli). A Venezia il settembre 2012 l’iraniano della diaspora Amir Naderi, nel suo meraviglioso Cut (visto nella Sezione Orizzonti), disperata dichiarazione di amore per il cinema, metteva Fellini Otto e mezzo in seconda posizione tra i suoi favoriti di ogni tempo. Che dire di un film così? Intendo, di un film totem che continua a influenzare cineasti di ogni risma e latitudine? Rivedendolo oggi risulta non simpaticissimo (come peraltro nel musical-remake Nine) il protagonista così sfacciatamente alter ego di Fellini, un regista viziato e imbelle, di un narcisismo implacabile e insopportabile. Anche l’asse narrativo – costruito sull’autore egoriferito che per noia, inettitudine, crisi di ispirazione fugge dal set e si rifugia alla terme a cullare le sue ossessioni e i suoi fantasmi – qualche fastidio nello spettatore lo suscita. Ma il coro intorno, quello delle molte donne, o della microfauna della Cinecittà-Hollywood sul Tevere, è fantastico, e ci si appassiona alla moglie tradita e dignitosa e poi incazzata (Anouk Aimée), all’amante volgare ma di buon cuore (Sandra Milo, iconizzata da questo ruolo per sempre). Otto e mezzo sbalordisce ancora per la forza visionaria di Fellini, per la composizione barocca e sfrenata delle immagini (vogliamo parlare del colloquio nel bagno turco, tra i vapori da oltremondo, con il cardinale? o della celeberrima sequenza dell’harem con il protagonista-domatore? o dell’esibizione del mago-guitto nella stazione termale, probabile citazione di Mario e il mago di Thomas Mann? o della sarabanda finale, trascinante e di una bellezza che ancora ci commuove?). Insomma, un film che alchemicamente transustanzia anche il banale in qualcosa di sfavillante e sublime. Mastroianni è Mastroianni, cioè al massimo della sua seduttiva indolenza, che riesce a essere Fellini più di Fellini stesso. A crescere oggi, rispetto alla visione che se ne ebbe allora quando il film uscì, è Claudia Cardinale, di una bellezza perfetta, di una dolcezza e femminilità come non esistono più. Vedere e rivedere, amare e riamare.

Classifica parziale (cliccare per leggere la scheda del film)

2) Fellini 8 e mezzo
di Federico Fellini, 1963
3) Rocco e i suoi fratelli di Luchino Visconti, 1960
4) Viaggio in Italia di Roberto Rossellini, 1954
5) Teorema di Pier Paolo Pasolini, 1968
6) Il conformista di Bernardo Bertolucci, 1970
7) Io la conoscevo bene di Antonio Pietrangeli, 1965
8) I mostri di Dino Risi, 1963
9) Per un pugno di dollari di Sergio Leone, 1964
10) Gli uomini, che mascalzoni… di Mario Camerini, 1932
11) Suspiria di Dario Argento, 1977
12) Piccolo mondo antico di Mario Soldati, 1941

Questa voce è stata pubblicata in cinema, classifiche, Container, film e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

3 risposte a i 12 film italiani più belli di sempre (secondo me)/ posizione #2

  1. Film di incredibile bellezza. Io l’avrei messo al primo posto, ma per me è al primo posto nella storia del cinema in assoluto. Un film sulla vita. Anzi, un film che è vita. E penso nessuna scena mi abbia mai trasmesso tanto quanto l’ultima di Otto e Mezzo. Quella giostra finale, quella confusione che da senso al tutto… gigantesco.

    P.S: il fatto che non hai ancora inserito Antonioni, però, mi fa ben sperare per la numero 1 😀

  2. Rimango perplesso dinanzi al fatto che tre fra Rosi, Antonioni, De Sica e Petri rimarranno esclusi.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.