Un film grandissimo stasera (tardi) sulla tv in chiaro: FRANCESCO D’ASSISI di Liliana Cavani (lun. 28 apr. 2014)

Francesco d’Assisi, Rai Movie, ore 1,00.
3647Lo amo follemente. Me lo ricordo come un qualcosa di assoluto e, a modo suo, una rivelazione: anche di una regista che si chiama Liliana Cavani e che, in quel 1966, esordiva nel cinema così, con questo Francesco d’Assisi che non somigliava a nessuno dei precedenti sul santo (sì, forse un po’ a quello di Rossellini). Austero bianco e nero, e una messinscena pauperistica e di atmosfera  sottoproletaria che veniva direttamente dal cinema di Pasolini. Più una rabbia antagonistica del protagonista, un suo ergersi contro ogni sistema, potere della Chiesa compresa, che attraverso il suo interprete Lou Castel (meraviglioso!) rimandava agli anarchismi e alla radicalità del di poco precedente I pugni in tasca di Marco Bellocchio. Spira già aria contestativa, da Sessantotto, e la storia del poverello d’Assisi è piegata a un discorso, anche a una morale, a una predica, a una pedagogia, che sa di manifesto rivoluzionario e ribellione giovanil-giovanilista, intercettando anche gli umori in quel momento diffusi del dissenso cattolico. Ma, al di là dell’eccesso e sovraccarico di messaggi e significati, il film è mirabile in sé, e la già molte volte raccontata storia di Francesco che abbandona gli agi per farsi ultimo sulla terra acquista nella rielaborazione della Cavani una forza e una vitalità nuove. La parentela con il cinema di Bellocchio è sottolineata dalla presenza nel film del regista piacentino nella parte di Bernardo. Indimenticabile il fraticello di Riccardo Cucciolla. In my opinion, un capolavoro. Nei tardi anni Ottanta Cavani girerà un altro Francesco con la star Mickey Rourke, ma non sarà la stessa cosa.

Questa voce è stata pubblicata in cinema, Container, film, film in tv e contrassegnata con , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.