Cinema e pallone. 4 film sul calcio al Carroponte di Sesto San Giovanni

i due registi di 'Il mundial dimenticato'

i due registi di ‘Il mundial dimenticato’

12 giugno, scatta la World Cup. Match di apertura: Brasile, il paese ospitante, contro la Croazia. Tra i molto maxischermi che a Milano e zone vicine trasmetteranno le partite c’è quello installato al Carroponte di Sesto San Giovanni. Bene, l’associazione cinefila ceCINEpas, da un bel po’ assai attiva nel proporre ora qui ora là film inediti o persi di vista o dispersi, ha avuto la bella idea di abbinare alle partite al carroponte la proiezione di alcuni film sul calcio. Brillante titolo della minirassegna (complimenti al copy): Seleçao. Il cinema nel pallone. Con cose davvero molto, molto interessanti. Si parte giovedì 12 giugno, si prosegue il 20 e 28 giugno, si conclude il 12 luglio. Programma in grado di accontentare il cinefilo più spinto come l’paasionato del pallone (ulteriori infomazioni alla pagina Facebook).
12 giugno: Il mundial dimenticato di Lorenzo Garzella e Filippo Macelloni
Doveva svolgersi in Patagonia nel 1942. Ma quel mondiale in capo al mondo non venne mai fatto, probabilmente per la la guerra in corso che coinvolgeva le maggiori potenze, anche calcistiche, del tempo. Due registi italiani hanno ricostruito quella storia dimenticata.
20 giugno: Maradona – El pibe de oro di Emir Kusturica
Un grande irregolare del cinema come Kusturica (Underground, Il tempo dei gitani) racconta a modo suo la leggenda Maradona. L’incontro ad alta incandescenza tra due fuori rango.
28 giugno: The Referee di Mattias Löw
L’arbitro svedese Martin Hansson resta per tutti colui che, convalidando il gol di mano di Thierry Henry contro l’Irlanda, permise alla Francia di qualificarsi ingiustamente per i Mondiali 2010. Il regista Mattias Löw lo intervista cercando di farlo parlare dell’accaduto, e delle tracce che gli sono rimaste addosso.
12 luglio: Two Escobars di Jeff e Michael Zimbalist
Probabilmente il più interessante dei quattro film della rassegna. Gli intrecci pericolosi tra narcotraffico e calcio nella Colombia dei cartelli. Si chiamano tutti due Escobar, anche se non sono parenti. Uno, Pablo, è il boss di tutti i boss, una leggenda. L’altro, Andres, è uno dei più acclamati calciatori del paese. Il primo finanzia squadre di calcio, il secondo ci gioca. Andres in una partita della nazionale compie un clamoroso autogol. Dopo qualche settimana verrà ucciso. Il film di Jeff e Michael Zimbalist indaga sul caso, i suoi retroscena, i condizionamenti ambientali, cortocircuitando le traiettorie dei due Escobar.

Questa voce è stata pubblicata in cinema, Container, film e contrassegnata con , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

3 risposte a Cinema e pallone. 4 film sul calcio al Carroponte di Sesto San Giovanni

  1. Pingback: Calcio e cinema. Il rumeno THE SECOND GAME, il più radicale di tutti i film nel pallone | Nuovo Cinema Locatelli

  2. Pingback: Recensione: ESCOBAR, IL FASCINO DEL MALE, un film di Fernando León de Aranoa. Virginia e Pablo, la bella e la bestia in chiave narcos-kitsch | Nuovo Cinema Locatelli

  3. Pingback: Recensione: ESCOBAR, IL FASCINO DEL MALE, un film di Fernando León de Aranoa. Virginia e Pablo, la bella e la bestia in chiave narco-kitsch | Nuovo Cinema Locatelli

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.