Film stasera sulla tv in chiaro: LE IDI DI MARZO con Ryan Gosling e George Clooney (ven. 4 luglio 2014)

Le idi di marzo, Rai Movie, ore 21,15.82483_gal
Le Idi di marzo
,
un film di George Clooney. Con Ryan Gosling, George Clooney, Philip Seymour Hoffman, Paul Giamatti, Marisa Tomei, Evan Rachel Wood.  Voto 7

79608_galGeorge Clooney regista azzecca un gran bel film. Ci si aspettava un’opera politica e nobilmente engagée, abbastanza gridata, piuttosto eplicita, di robusta impronta liberal hollywoodiana, con incorporato messaggio netto, forte e chiaro. Invece Mister Clooney ci sorprende con un film d’ombra e penombra, più di silenzi che di parole, cinico e crudele, di quella crudeltà sottile che ci hanno mostrato e insegnato i grandi weimeriani-hollywoodiani, i Wilder, i Siodmak, i Preminger. Cinema della minaccia, della sospensione, del non detto, della paura che mangia l’anima, e del migliore. Non si grida mai in Le idi di marzo (titolo di ispirazione shakespeariana, per ammissione dello stesso Clooney), però i sussurri e le allusioni sono armi letali, come i ricatti, le fughe di notizie pilotate, le rivelazioni a metà. Del plot si è molto detto. Morris è candidato democratico alle primarie e si sta preparando con il supporto del suo motivatissimo staff alla grande battaglia dell’Ohio, perché “chi vince in Ohio ha la nomination in tasca per Washington”. Naturalmente interpretato da Clooney, Morris è un ultraliberal con un programma molto obamiano, niente più interventi militari all’estero, diritti per tutti omosessuali compresi, redistribuzione della ricchezza a favore dei più svantaggiati, attenzione all’ambiente (“vi prometto che tra dieci anni non ci saranno più auto inquinanti”). Come può non piacere uno così? Però i sondaggi non sono così brillanti, l’Ohio è incerto, urge trovare una strategia vincente, urge soprattutto tessere alleanze, anche a costo di scendere a compromessi. Incominciano trame e complotti, in campo amico e nemico. L’addetto alla comunicazione di Morris, il suo speechwriter, un trentenne che lo adora (e che ha la faccia di Ryan Gosling), scoprirà  a poco a poco che anche il suo idolo non è immacolato. Mentre il voto dell’Ohio si fa sempre più incombente, dietro le quinte succede di tutto: rivalità, imboscate, ricatti, fughe di notizie sensibili ai giornali. Non manca una stagista, e si sa che le stagiste in politica portano guai, da Clinton in giù. La regola è confermata anche stavolta. Di lei (che è la meravigliosa e bravissima Evan Rachel Wood) si innamora il bravo addetto stampa Gosling, solo che la ragazza ha già una storia, e non con uno qualsiasi. Intorno al corpo della stagista si gioca la più sanguinosa delle battaglie, con diserzioni di campo e rovesciamenti di allenze. Ci saranno vincitori e vinti, e il bravo ragazzo alla fine si ritroverà anche lui meno innocente, molto meno. Un racconto morale sul potere, ma senza lagne e prediche, svolto con encomiabile economia di mezzi e con asciuttezza. Una messinscena di inganni e veleni e maschere e pugnali, dove a pagare sono i più fragili e i più ingenui. Clooney, che compare poco (il vero protagonista è Gosling), è però indimenticabile come politico piacione cui basta un sorriso sghembo per lasciar trasparire il demone.

Questa voce è stata pubblicata in cinema, film, film in tv e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Film stasera sulla tv in chiaro: LE IDI DI MARZO con Ryan Gosling e George Clooney (ven. 4 luglio 2014)

  1. Pingback: I film più interessanti di stasera (ven. 4 luglio 2014) sulla tv in chiaro | Nuovo Cinema Locatelli

  2. Pingback: Stasera in tv due film con Philip Seymour Hoffman (ven. 4 luglio 2014) | Nuovo Cinema Locatelli

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.