VeneziaFestival2014. Recensione: RED AMNESIA. Chi minaccia la signora Deng? Cercare tra le (ex) guardie rosse

11632-Chuangru_Zhe_3Red Amnesia (Chuangru zhe) di Wang Xiaoshuai. Con Lü Zhong. Cina. Venezia 71-Concorso.
11628-Chuangru_Zhe_2Fosse durato mezz’ora di meno, sarebbe stato un grande film, così è un buonissimo film. Che per un’ora e più non capisci dove voglia andare a parare, e che poi rivela la sua natura di thriller. Con parecchie implicazioni politiche. Una vecchia signora viene minacciata da un misterioso persecutore. Perché? La risposta è tra le (ex) guardie rosse. Film che sdogana nel cinema di Pechino l’omosessualità (uno dei due figli della signora è gay). Voto 7+
11547-Chuangru_Zhe_1Per un’ora non capisci che film sia questo Amnesia rossa del cinese Wang Xiaoshuai. Vedi una signora anziana madre di due figli maschi, uno sposato e l’atro invece gay (vorrà pur dir qualcosa in un film cinese, no?), che fan la vita loro, ma che lei non lascia mai in pace, impicciona com’è. Sempre a cucinare e pulire anche quando non le viene richiesto. Poi cominciano strane cose, telefonate mute alla nostra anziana ma indomita signora che di nome fa Deng, quindi le rompono un vetro con un mattone, seguono altre cosacce come un bidone di spazzatura svuotata davanti alla porta. Chi è che le vuol male? Chi la minaccia e la perseguita? E se fosse un po’ matta e avesse l’Alzheimer e quelle telefonate mute se le fosse inventate? Il regista, anche se la tira troppo per le lunghe, è abilissimo nel lasciarci in sospeso per tutta la prima parte del film, a suggerire varie piste, a seminare indizi senza farci capire. Come un Haneke cinese, anche se meno rarefatto. Poi il fim diventa decisamente un thriller e anche un po’ ghost-story. Il regista ricorre al cinema di genere per raccontarci in realtà dei tempi sciagurati della Rivoluzione Culturale, delle deportazioni in massa nelle campagne, del fanatismo di allora, della gente manipolata, di chi per otenere un favoro o elimiare dei rivali non esitava a siare, denunciare, tradire. Quel che accade alla protagonista del film affonda le radici in quel tempo buio, in un’infamia commessa allora che avrebe cambiato il corso di molte vite. Un film parecchio interessante. Se solo fosse stato sforbiciato e snellito sarebbe stato grandissimo.

Questa voce è stata pubblicata in cinema, Container, Dai festival, festival, film, recensioni e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

4 risposte a VeneziaFestival2014. Recensione: RED AMNESIA. Chi minaccia la signora Deng? Cercare tra le (ex) guardie rosse

  1. Pingback: VeneziaFestival2014. LA MIA CLASSIFICA FINALE dei film del concorso | Nuovo Cinema Locatelli

  2. Pingback: I 50 migliori film dei festival 2014 | Nuovo Cinema Locatelli

  3. Pingback: Recensione: L’ULTIMO LUPO. Avventura (un po’ vetusta) con uomini, lupi e praterie mongole | Nuovo Cinema Locatelli

  4. Pingback: Berlinale 2019. Recensione: SO LONG, MY SONG, un film di Wang Xiaoshui. Dalla Cina ancora ottimo cinema | Nuovo Cinema Locatelli

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.