Recensione: IL SEGRETO DEL SUO VOLTO. Nelly che vive due volte

PHOENIX 2013Phoenix, un film di Christian Petzold. Con Nina Hoss, Ronald Zehrfeld, Nina Kunzendorf. Germania.

Photo credit: International Film Festival RotterdamGermania anno zero. Nelly, ebrea miracolosamente sopravvissuta ai campi, torna con una nuova faccia rifatta dal chirurgo. E riavvicina il marito che l’ha venduta ai nazisti, e che adesso non la riconosce. Una donna che ha vissuto due volte, e con due volti, ricca di echi hitchockiani. Gran bella storia, che il regista Christian Petzold non sfrutta adeguatamente. Ma attenzione: è uno di quei film che potrebbero fare molta strada nella stagione dei premi americani (quelli del 2016). Voto 6+

Photo credit: International Film Festival RotterdamQuando l’ho visto, qualche settimana fa al Rotterdam Film Festival, son stati molti e convinti gli applausi (del pubblico pagante) per questo Il segreto del suo volto della premiata coppia tedesca Christian Petzold-Nina Hoss, lui regista lei attrice e sua musa. Coppia che già con La scelta di Barbara aveva conquistato non solo la patria Germania, ma anche parecchi mercati esteri (e però in Italia, dov’è stentatamente uscito, non se l’è filato nessuno. Al solito). Lo inseguivo da un po’, e con parecchie aspettative, perché Barbara mi era molto piaciuto, e perché quando Phoenix – questo il titolo originale di Il segreto del suo volto – è stato presentato lo scorso settembre a Toronto i critici anglofoni son caduti in deliquio scrivendone meraviglie. E, in un sondaggio indetto da IndieWire, lo hanno addirittura votato quale miglior film del festival. Però un po’ deluso sono, ecco. Petzold impagina diligentemente – con troppe concessioni alla sua musa Nina, e con troppe lentezze e manierismi da cinema d’atmosfera di una volta, anche con vezzi da vecchio cineclub – , una storia fantastica e potenzialmente esplosiva. Per la quale ci sarebbe voluto il mai abbastanza compianto Fassbinder. Lui sì che da un simile canovaccio avrebbe cavato un capolavoro. Un melodramma con una donna che visse due volte, molto hitchcockianamente, e anche, per via della chirurgia plastica, con echi di La pelle che abito di Almodovar e Occhi senza volto di Franju. Berlino, immediato dopoguerra. Germania sconfitta, macerie dappertutto, americani nuovi padroni. Tutto in un clima torbido e amorale tra Germania anno zero, Scandalo internazionale e Il terzo uomo. L’ebrea Nelly, tornata miracolosamente dai campi, è accolta dall’amica sionista Lene, ben decisa a raggiungere con lei la Palestina. Ma Nelly per un incidente è rimasta sfigurata, le devono ricostruire la faccia. Vuole tornare a essere quella di prima, non lo sarà mai più. Guarita e con una faccia nuova, si mette alla ricerca del marito Johannes, pianista, anche se ha saputo che è stato lui a tradirla con i nazisti, per poi subito divorziare. Lo ritrova, in un ambiguo club chiamato Phoenix. Lui non la riconosce, ma resta colpito dalla somiglianza con la moglie che crede morta nei lager. Subito la proposta: fingi di essere lei, di essere sopravvissuta ai campi, così possiamo mettere le mani sul suo patrimonio e poi spartircelo. Nelly accetta per stare vicina a lui, ritrovandosi così a interpretare la parte di se stessa. Con ovvii pirandellismi (mica per niente Come tu mi vuoi è ambientato proprio a Berlino) e hitchockismi rifatti letteralmente. Come quando Johannes le fa indossare i vestiti e le scarpe della presunta defunta, la induce a truccarsi e camminare come lei. Pura citazione di James Stewart e Kim Novak in Vertigo. Non dico altro, in ottemperanza all’ormai dilagante paranoia dello spoiler. Dico solo che c’è un gran bel finale che riscatta parecchio di quello che non va nel film. Come le incongruenze macroscopiche: ma se il marito non la riconosce, perché mai i parenti e gli amici dovrebbero prenderla per la vera Nelly? Petzold non sa cavare dalla sua pur notevole materia narrativa quell’ambiguità e quella sospensione che sarebbero state necessarie a elevare il film oltre il buon mestiere, e anche oltre le buone maniere. Ci sarebbe voluto, che so, non solo un Fassbinder, ma anche il Losey di Mr. Klein, solo che Petzold in tutta evidenza non è fatto di quella stoffa. È bravo, onesto, molto professionale, ma alla fin fine confeziona un morbido film per signore da domenica pomeriggio, non molto di più. Nonostante l’evidente intenzione e ambizione di farne una metafora della Germania post-bellica, delle sue amnesie, ambiguità, delle sue rimozioni ed omissioni. E però attenzione, Phoenix potrebbe diventare sul mercato anglofono un big success, uno di quei film che incantano gli americani e son capaci di beccarsi nomination su nomination a Golden Globe e Oscar (si parla di quelli del 2016, ovvio). Potrebbe insomma ripetere il cursus honorum di Ida, cui lo apparentano superficiali analogie, ma di cui non ha la densità.

Questa voce è stata pubblicata in al cinema, cinema, Container, film, recensioni e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

3 risposte a Recensione: IL SEGRETO DEL SUO VOLTO. Nelly che vive due volte

  1. nori scrive:

    Si. Il film mi e’ piaciuto. Soprattutto il finale, (anche per la canzone: perfetta) Tutti ci aspettavamo che non scendesse dal treno o che gli sbattesse in faccia il documento del divorzio E’ stata curata soprattutto la parte interiore della protagonista che esprime con grande efficacia. Il riconoscimento da parte dei parenti e amici èra normale perché loro erano stati informati della sua sopravvivenza mentre il marito era convinto della sua morte. Si: mi e’ piaciuto!!!!!

  2. Anonimo scrive:

    Bel film, ti sembra lento lento all’ inizio ma non riesci a staccartene, anche a me è sembrata inizialmente un’ incongruenza il fatto che la riconoscessero ma in fondo come giustamente é stato sottolineato gli amici si aspettano che sia lei mentre il marito la vede la prima volta con il volto ancora livido e i capelli non tinti come lei usava fare. Si ha poi la sensazione che per un serpeggiante senso di colpa lui non VOGLIA riconoscerla .

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.