Stasera in tv IL NASTRO BIANCO di Michael Haneke (dom. 7 giu. 2015)

Il nastro bianco (Das weiße Band), Rai Storia, ore 21,30.
the-white-ribbonnastro-bianco-7Fino ad Amour, oscarizzato come migliore film straniero, era questo il film più celebrato e premiato di Michael Haneke, e quello della sua definitiva consacrazione. Palma d’oro a Cannes 2009, per meriti propri e un po’ per via della presidentessa di giuria Isabelle Huppert, attrice-feticcio del regista austriaco (La pianista e Il tempo dei lupi). Non è a mio parere il miglior film di Haneke, e trovo che sia alquanto sopravvalutato. Inquietante come si conviene ad Haneke e al suo cinema della minaccia, ma un po’ troppo capolavoro annunciato, con il bianco e nero che vuole esplicitamente rifare quello dei grandi maestri, da Fritz Lang a Ingmar Bergman a Carl Theodor Dreyer. In particolare il riferimento è agli ultimi due. Il lugubre, inamidato villaggio luterano della Germania nordica e prussiano-baltica del primo Novecento ci riporta subito, visivamente, ai climi cupi di Ordet, di Luci d’inverno, perfino di Dies Irae e Il settimo sigillo. E poi una certa qual fissità ieratica, la recitazione stilizzata, la maniacalità formale, elementi che rischiano di far scivolare Il nastro bianco verso pericolose derive arty. E discutibile è quel richiamo finale al nazismo usato come chiave esplicativa dei terribili fatti raccontati: troppo semplice imputare ogni nefandezza all’animus teutonico che sarebbe già geneticamente predisposto all’abiezione hitleriana. Ma al netto di questi limiti, Il nastro bianco (quello che i bambini secondo il pastore del villaggio dovrebbero indossare come simbolo della propria purezza) resta un film di rara potenza e suggestione. Succedono fatti strani, misteriosi incidenti, il primo è al medico, che si frattura la gamba cadendo da cavallo a causa di un filo invisibile teso da qualcuno tra gli alberi. Emergono intanto le pubbliche virtù e i vizi privati in seno alla piccola comunità, e un gruppo di bambini minacciosi e sinistri si coagula e si compatta davanti ai nostri occhi, e il Male ancora una volta si incarna nelle sembianze dell’innocenza. Finale ambiguo, aperto, e predica del tipo “signori miei, è così che è nato il demone del nazismo”. Troppo facile e sentenzioso, Herr Haneke. Che però anche stavolta è riuscito a farci venire i brividi.

Questa voce è stata pubblicata in cinema, film, film in tv e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.