Mostra di Venezia: il full frontal di Eddie Redmayne (in The Danish Girl)

Schermata 2015-09-05 a 12.35.30Venezia, festival di cinema autoriale come pochi, presenta da sempre anche qualche sottotrama meno appariscente, qualche sub-storia più connessa al costume, alla cronachetta, al gossip, ai rumors, alla curiosità, anche al piccolo voyeurismo. I full frontal maschili, per esempio. Famosi attori o quasi famosi che appaiono nudi in qualche frammento di un loro film proiettato alla mostra. Capitò, se ricordo bene, molti anni fa allo Stefano Acorsi di Ovunque sei, film diretto da Michele Placido. Capitò, ancora più clamorosamente, nel 2011 al Michael Fassbender di Shame che in una breve inquadratura, però subito diventata leggenda, mostrava tutto quello di cui era dotato. Sarebbe diventato un tormentone, tant’è che agli Oscar o erano i Golden Globes?) George Clooney sul palco ci scherzò sopra con la battuta “Michael potrebbe giocare a golf anche con le mani legate dietro”. Si potrebe dire lo stesso di Eddie Redmayne che stamattina, in The Danish Girl, abbiamo visto guardarsi nudo allo specchio e pasarsi la mano sul pene, prima di spingerlo all’indietro per vedere l’effetto che fa a esserne senza, a essere donna. Qualche nanosecondo, e però abbastanza per inserire anche Redmayne negli storici full frontal maschili di Venezia.

Questa voce è stata pubblicata in cinema, Container, Dai festival, festival, film e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.