TorinoFilmFestival. Recensione del film vincitore KEEPER

KEEPER_01Keeper di Guillaume Sanez. Premio come migliore film. Voto 7
KEEPER_02Già dato a Locarno a Cineasti del presente, e adesso eccolo in concorso qui al TFF. Un altro film del neo-neorealismo belga che nel cinema dei Dardenne ha il proprio ineludibile riferimento e modello. Anche se qui non siamo nelle fasce sociali di margine come nei film dei due fratelli D., ma nella media borghesia dei lavori sicuri e del discreto benessere. Maxime e Mélanie hanno quindici anni, sono compagni di scuola, stanno insieme, si vogliono bene. Succede che lei rimane incinta. Succede quello che abbiamo visto molte volte al cinema gli ultimi anni, lo stupore infantile dei due ragazzi, la pressione da parte degli adulti perché la ragazza abortisca, la cocciuta resistenza di lei che quel figlio lo vuole. Tutto abbastanza scontato. Ma il film poi ha svolte e torsioni inaspettate, e diventa un racconto tesissimo. Finché Maxime e Mélanie si troveranno su fronti opposti, non più innamorati ma rivali in una partita troppo grande e con pesanti interferenze degli adulti. Con un finale straziante, tra i più perturbanti di questo festival. Keeper più che il tema sensibile delle gravidanze adolescenti tocca quello, altrettanto sensibile e però assai più rimosso, di quale debba essere il ruolo del giovane padre in simili frangenti. Uno dei pochi film del concorso che potrebbero trovare una distribuzione italiana.

Questa voce è stata pubblicata in cinema, Container, Dai festival, festival, film e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.