Dal 13 gennaio torna il cinema alla Fondazione Prada: 15 film scelti da Iñarritu

Alejandro González Iñárritu (foto Brigitte Lacombe, Fondazione Prada)

Alejandro González Iñárritu (foto Brigitte Lacombe, Fondazione Prada)

Flesh, Mind and Spirit: 15 film selezionati da Alejandro González Iñárritu. Milano, Fondazione Prada. 13 gennaio-1 febbraio 2016.
Ingresso gratuito previa prenotazione telefonica al numero: +39 02 56662613 (tutti i giorni dalle 11 alle 17). Per il calendario cliccare qui.

'Silent Light' di Carlos Reygadas

‘Silent Light’ di Carlos Reygadas

'Ordet' di Car Theodor Dreyer

‘Ordet’ di Carl Theodor Dreyer

Torna il cinema alla Fondazione Prada, aperta solo pochi mesi fa e già diventata punto sensibile e ineludibile nella mappa dei consumi culturali di Milano. Una ex fabbrica meravigliosamente restaurata e riconcettualizzata per farne un centro di propulsione, produzione e programmazione di mostre e molte altre belle cose, subito amata e adottata senza riserve dai milanesi (che quando amano, amano davvero). C’è anche il cinema, lì dentro, in una sala tra le più belle, comode e tecnologicamente avanzate che ci siano in città, e non solo. Alla FP si era cominciato, molto bene, con la retrospettiva di Roman Polanski e un pugno di film da lui scelti in quanto centrali nella sua formazione, ed è stato un successo anche al di là delle aspettative. Adesso il cinema in Fondazione continua con un altro ciclo, 15 film selezionati da Alejandro González Iñárritu, il regista messicano premio Oscar 2015 per Birdman e neo Golden Globe per The Revenant (e, sempre per The Revenant, probabile nominato agli Oscar 2016: la conferma o meno l’avremo giovedì 14, quando alle 14.30 – ora italiana – saranno annunciate a Los Angeles le candidature). Un grappolo di film che Iñárritu, in collaborazione con il critico e curatore al LACMA di Los Angeles Elvis Mitchell, aveva già proposta sempre per Prada a Seoul e che adesso ritorna. Con parecchi motivi di interesse e suggestioni in più, dovuti all’accresciuta e consolidata statura autoriale di Iñárritu rispetto ad allora. Colpisce la libertà con cui il regista messicano ha scelto i suoi film di riferimento, svariando tra epoche, stili e modi assai lontani tra loro. 14 titoli divisi in tre categorie, Flesh, Mind e Spirit, più uno fuori categoria.

Flesh
I pugni in tasca di Marco Bellocchio (1965)
Aguirre, furore di Dio di Werner Herzog (1972)
Le stagioni di Artavazd Pelešja (1975)
Killer of Sheep di Charles Burnett (1977)
Padre padrone di Paolo e Vittorio Taviani (1977)
Yol di Serif Gören, Yilmaz Güney (1982)
Il buono, il matto, il cattivo di Jiwoon Kim (2008)

Mind
L’anno scorso a Marienbad di Alain Resnais (1961)
Soy Cuba di Mikhail Kalatozov (1964)
La Ciénaga di Lucrecia Martel (2001)
You, the Living di Roy Andersson (2007)

Spirit
Ordet – La parola di Carl Theodor Dreyer (1955)
Madre e figlio di Alexander Sokurov (1997)
Silent Light di Carlos Reygadas (2007)

Più:
Lonesome – Primo amore di Pál Fejös (1928)

Consigli per la visione. Quali vedere? Tutti, se possibile. E però bisogna almeno segnalare qui i titoli meno celebri, più oscurati, soprattutto in Italia. Perché se è probabile che gli innamorati del cinema abbiano già visto L’anno scorso a Marienbad, I pugni in tasca o il meraviglioso Ordet di Dreyer, credo non si possa dire altrettanto di cose come Silent Light del grande messicano Carlos Reygadas o il lungo d’esordio di Charles Burnett, autore capitale del cinema black-indie americano ma in Italia pressoché sconosciuto. E ancora: You, The Living di Roy Andersson, il regista svedese che l’anno scorso a Venezia ha vinto il leone d’oro con Un piccione seduto su un ramo riflette sull’esistenza. O La La Ciénaga dell’argentina Lucrecia Martel (capolavoro!). Sorprende, per la sua differenza rispetto agli altri film, l’inserimento del bellissimo e selvaggio western manchuriano-coreano Il buono, il matto, il cattivo, hommage scatenatissimo a Sergio Leone. Una miscela in 15 film dai molti e diversi sapori, e però, che bella rassegna.

'Padre padrone' dei fratelli Taviani

‘Padre padrone’ dei fratelli Taviani

'I am Cuba' di Mikhail Kalatozov

‘Soy Cuba’ di Mikhail Kalatozov

Questa voce è stata pubblicata in al cinema, cinema, Container, film e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

6 risposte a Dal 13 gennaio torna il cinema alla Fondazione Prada: 15 film scelti da Iñarritu

  1. Pingback: Recensione: REVENANT è un film enorme, e DiCaprio si merita l’Oscar | Nuovo Cinema Locatelli

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.