(visti al cinema) Shirley, visions of reality

shirley_VISIONSfc05d753b26eef58ba5f2c28d3bd3ae598b27ec0Visto stasera (5 luglio 2016) allo Spazio Oberdan di Milano:
Shirley, visions of reality di Gustav Deutsch. Con Stephanie Cumming e Christoph Bach. Austria 2013.
13 quadri di Edward Hopper riprodotti in cinema diventano le tappe di una vita, quella di un’attrice americana di nome Shirley, assai leftist, assai engagée. La seguiamo dalle sue esperienze on stage anni Trenta-Quaranta con autori come Thornton Wilder e registi come Elia Kazan alle performance da strada con il Living negli anni Sessanta (“Sì, a Roma con il Living! ad ascoltare Luigi Nono e la sua musica sui vietcong!”). Solo voce off. Tableaux vivants maniacalmente ricalcati su Hopper e visibilmente, volutamente finti. Lunghe letture-citazioni di Platone (la caverna) e Emily Dickinson. Qualcosa tra la videoperformance- il regista austriaco Gustav Deutsch viene da lì difatti -, il teatro, il cinema. Operazione concettuale e ossessiva. Di ieratica fissità. Bisogna però riconoscere all’autore la capacità di costruire una storia e di non essersi cristallizzato in un puro omaggio visuale, celibe e sterile, al gran pittore della vita americana del Novecento. Esperienza cinematografica differente. Presentato a suo tempo, anno 2013, alla Berlinale nella sezione Forum, la più sperimentalista del festival. Proiettato in questi giorni a Milano all’Oberdan nell’ambito del ciclo ‘Triennale International Exhibition 21st Century. Design After Design. I film‘ (prossimo screening di Shirley, vision of reality il 9 luglio alle 17.00). Certo che l’Austria può contare su un pacchetto niente male di cineautori di assoluto rigore e non negoziabile radicalità, a partire dal maestro Michael Haneke, e includendo Ulrich Seidl, Jessica Hausner, Veronika Franz e Severin Fiala, Nikolaus Geyrhalter. Adesso anche Gustav Deutsch. Quiz per i cinefili: quale è il noir americano di cui vediamo qualche frammento nell’episodio di Shirley maschera in un cinema? Seconda domanda, molto più difficile: qual è il film francese di cui ascoltiamo i dialoghi in un’altra scena?shirley02_stephaniecumming,tomhanslmaier,(c)kgp photo by jerzy palaczshirley05_stephaniecumming,christophbach_,(c)kgp photo by michaelac.theurl

Questa voce è stata pubblicata in al cinema, cinema, Container, film e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.