10 film belli e interessanti stasera in tv (mart. 16 agosto 2016, tv in chiaro)

Cliccare sul link per la recensione estesa di questo blog

Side Street (La via della morte) di Anthony Mann

Side Street (La via della morte) di Anthony Mann

'Il socio' con Tom Cruise e Gene Hackman

‘Il socio’ con Tom Cruise e Gene Hackman

È nata una stella di George Cukor, Tv2000, ore 21,00.
Gran melodramma di Cukor con musiche, anno 1954. Con un Judy Garland semplicemente da leggenda. Mentre lui, attore, sprofonda inesorabilmente, lei arriva al successo. Un archetipo citato e replicato infinite volte (The Artist, per dire).
Il bianco, il giallo, il nero di Sergio Corbucci, Iris, ore 21,00.
Un italian-western del 1975, in anni di piena decadenza del genere. Sicché Coprbucci la butta sul farsesco, con tre avventurieri diversamente lestofanti a caccia di un tesoretto. Tomas Milian fa il giapponese in un clamoroso macchiettone, gli altri sono Giuliano Gemma e Eli Wallach. Il buono il brutto il cattivo buttato in parodia.
La via della morte (Side Street) di Anthony Mann, Rete Capri, ore 21,00.
Sionistro titolo italiano per noir diretto nel 1950 da Anthony Mann, destinato a firmare di lì a poco western di gran spessore. Il classico ordinary man si mette nei guai rubando a un boss. Con Farley Granger, uno della gay Hollywood sotto copertura di sciupafemmine (Nodo alla gola, Senso).
Vivere e morire a Los Angeles, Rai Movie, ore 21,10.
Capolavoro im nero di William Friedkin. Un agente Fbi si mette alla caccia di un falsario parente del demonio (è un ghignante e davvero terrificante Willem Dafoe).
Il socio, Nove, ore 21,15.
Un Tom Cruise al suo apice (siamo nel 1991) in uno degli infiniti legal thriller tratti da Grisham, stabolta firmato da un regista di peso come Sydney Pollack. Giovane avocato scopre tutto il marcoume di un grande strudio.
4 mesi, 3 settimane, 2 giorni, Rai 5, ore 21,16.
Non solo atto di fondazione del cinema rumeno contemporaneo, anche esempio di un neo-neorealismo crudissimo cui autori di tutta Europa continuano a guardare come a un modello (vedi Godless, vincitore pochi giorni fa a Locarno). Un aborto illegale ai tempo di Ceausescu. Livido. Palma d’oro a Cannes 2007.
Un’estate in Provenza, Rai Uno, ore 21,25.
Uscito un paio di mesi fa in qualche cinema e già su RaiUno, anche per la stagionalità del titolo immagino. Nipotini raggiungono in Provenza il nonno che non hanno mai conosciuto per via di beghe di famiglia. Sarà scontro all’inizio, poi va a finire cone deve andare a finire un film di RaiUno. Con Jean Reno e Anna Galiena in una delle sue trasferte francesi.
Una pistola per Ringo, Iris, ore 22,50.
Mitologico italian western del 1965 firmato Duccio Tessari, e piattaforma di lancio per Giuliano Gemma. Il lato ironico e leggero del genere, l’altra faccia rispetto all’epica possente di Sergio Leone.
Il fiore delle Mille e una notte, Rai Movie, ore 23,20.
Ultimo della trilogia pasoliniana della vita, prima del funereo Salò-Sade. Trasposizione assai personale della più famosa raccolta araba di racconti. Di una perfezione figurativa da lasciare sbalorditi. Oggi un film semplicemente impensabile.
Ricercati: ufficialmente morti, Rete 4, ore 23,45.
Nick Nolte diretto da Walter Hill su sceneggiatura di John Milius. Tre nomi che valgono la visione di questo film del 1987. Caccia a narcos messicani da parte di un tosto ranger. Mentre sullo stesso obioetivo si muove un manipolo di agenti ufficialmente morti e in realtà operanti sotto copertura con metodi per niente ortodossi.

Questa voce è stata pubblicata in cinema, Container, film, film in tv e contrassegnata con , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.