Paul Verhoeven presidente di giuria al prossimo Festival di Berlino

paul_verhoeven_web_img_751x342Il solerte e efficientissimo ufficio stampa della Berlinale ha da poco comunicato chi presiederà la giuria della prossima edizione – la numero 67 – del festival di Berlino. E si tratta di una scelta eccellente: Paul Verhoeven, olandese di molte avventure ed escursioni cinematografiche. Compresa quella, lunghissima, a Hollywood che ha prodotto cose da storia del cinema come Basic Instinct, RoboCop e Starship Troopers. Tornato in patria una decina e passa di anni fa, l’Olandese Tonante – come lo chiama il critico Andrea Bruni -, non si è mica pensionato. Macché, per fortuna sua e nostra ha disertato le panchine e i giardinetti di tulipani lungo i canali continuando a fare fare film, e grandi film. Come ha dimostrato, stupendo tutti, all’ultimo festival di Cannes con il formidabile e disincantato come suo solito Elle, un altro capolavoro (trattasi anche del suo primo film prodotto e realizzato in Francia. Uscirà a inizio 2017 e non dovete perderlo per almeno due motivi, la regia beffarda fino alla crudeltà mentale di Verhoeven e l’immensa performance di Isabelle Huppert: tra i due l’incontro è stato perfetto). 78 anni assai disinvolti, a Berlino Verhoeven porterà tutta ls sua sapienza cinematografica, pilotando si spera la giuria verso il verdetto migliore. Già, dimenticavo le date della Berlinale 67. Eccole: 9-19 febbraio.

Questa voce è stata pubblicata in cinema, Container, festival, persone e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.