12 film stasera in tv (merc. 31 genn. 2018, tv in chiaro)

Sapori e dissapori

Paradiso proibito

Cliccare il link per la recensione. Le schede possono riferirsi a precedenti messe in onda del film o alla sua uscita in sala.

Paradiso proibito di Anatole Litvak, Capri Television (66 dt), ore 21,00.
Chi è davvero Henriette? Arrivata nel Nuovo Continente dalla Francia per insegnare in un educandato, è avvolta da un’aura maudite, perseguitata da voci malevoli. Che la accusano di aver ucciso, quand’era governante in una famiglia, la moglie del padrone. Ispirato a un fatto di cronaca che fece delirare la Francia ottocentesca di Luigi Filippo e sembra anticipare il caso novecentesco delle sorelle Papin. Che sarebbe stato celebrato dai surrealisti come ribellione e sfregio all’ordine borghese-patriarcale. In Paradiso proibito (anno 1940), diretto da uno degli émigré a Hollywood dal centro Europa, Anatole Litvak, il noir si fa melodramma, con mattatrice la grandissima, e non si esagera, Bette Davis. Con lei il sempre ambiguo Charles Boyer.
Monster, Oscar a Charlize Theron, Cine Sony (55 dt), ore 21,00.
La rapina perfetta, Rai Movie, ore 21,10.
Sapori e dissapori, la5, ore 21,10.
Il fantasma dell’opera, Rai 5, ore 21,15.
The Water Diviner di Russell Crowe, Italia 1, ore 21,15.
Dark Places – Nei luoghi più oscuri, Rai 4, ore 23,04.
Creed – Nato per combattere, Tv8, ore 23,20.
The Whistleblower di John Woo, Rai Movie, ore 23,30.
Sleepers di Barry Levinson, Iris, ore 23,37.
Saga gangsterica del 1996 di molte pretese firmata dal buon artigiano aspirante all’alto-autorialitàBarry Levinson, con il limite di arrivare parecchio in ritardo, anzi fuori tempo massimo, rispetto ai fasti del genere Padrino. Quattri ragazzi, quattro amici, la loro educazione criminale, il loro tragitto complicatissimo di formazione. C’è chi ne uscirà diciamo così normalizzato, chi invece ingoiato dal sottomondo criminale. Tratto da un’autobiografia sulla cui veridicità ci furono a suo tempo parecchie perplessità. Siamo naturalmente all’ombra di Scorsese e Coppola, in un quartiere di stracci e coltelli e soprusi di Manhattan. Fu un discreto successo, nonostante l’accumulo esorbitante di cliché del genere. Tra i ragazzi faticosamente cresciuti c’è Brad Pitt. Vittorio Gassman quale anziano boss eletto a proprio guru dai ragazzacci del quartiere è grandissimo, e da solo vale la visione. C’è anche De Niro, ovvio. Poteva mancare in un film di gangster, lui che del genere è un’icona, un totem?
Ore 10: calma piatta, Paramount Channel (29 dt), ore 1,00.
Diaz – Don’t Clean Up This Blood di Daniele Vicari, Rai Movie, ore 1,20.

Questa voce è stata pubblicata in Container. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.