Film stasera in tv: SPOOR di Agnieszka Holland (merc. 27 giugno 2018, tv in chiaro)

Spoor (Tracce; titolo originale polacco Pokot), un film di Agnieszka Holland. Rai Movie, ore 23,50, mercoledì 27 giugno 2018.
Fa una certa impressione vedere confinato quasi a mezzanotte questo film della polacca Agnieszka Holland che, in concorso alla Berlinale 2017, piacque parecchio alla stampa internazionale e al pubblico, portandosi a casa il premio Alfred Bauer, un riconoscimento che conta. Avrebbe poi avuto un’ottima carriera arthouse Pokot (tale il titolo originale: sta per tracce lasciate da un animale), tra nomination avute o sfiorate nelle varie awards’ season. Ora, al di là del fatto che qundo lo vidi a Berlino non mi piacque per niente – non sopporto gli estremismi e i fanatismi, ancora meno quello animalista del personaggio centrale di Spoor – , francamente non capisco perché Rai Movie, che pure è il canale più cinefilo che ci sia, butti via così a un’ora impossibile un film che nei circuiti arthouse europei e americani ha funzionato molto bene, oltretutto inedito in Italia (non ricordo che sia uscito in sala: se mi sbaglio correggetemi, grazie). E adeso, ecco la mia recensione dalla Beerlinale 2015:
“Un film che cavalca la vague animalista e vegana ormai trionfante e incontenibile cavandone fuori una storiaccia da distopia polacca, in un presente appena appena alterato a prefigurare un possibile vicino futuro, il tutto una zona tetramente boschiva tra Polonia e Repubblica Ceka. Io che detesto la messaggistica ecosostenibile in tutte le sue varianti pauperiste e decliniste e neofrancescane e considero il fenomeno vegano un qualcosa che ha più a vedere con pulsioni irrazionali, ansie salvifiche, oscuri sensi di colpa e bisogni di redenzione che con la salvezza del pianeta, ho molto, molto sofferto vedendo questo Pokot. Film peraltro di una regista sperimentata e internazionalmente conosciuta coma la Holland che qui, tornando a lavorare in patria, mostra i muscoli, tirando fuori l’indubbio mestiere accumulato su tanti set, ma anche una certa rozzezza, una certa mancanza di finezze e sfumature. Con un tocco da fabbroferraio che sega ogni traccia di ambiguità. Con una protagonista genere lesbo-esteuropeo da stagione delle trattoriste sovietiche (era ingegnere costruttrice di ponti in Siria e Libia, ai tempi dell’Urss ancora imperante ed esportatrice di tecnologie nei paesi fratelli e amici). Adesso Duszejko, così si chiama, è retired, vive in una casa in mezzo al bosco come le fate e le streghe con due cani (femmine, of course), insegna inglese alle medie, soprattutto è la nemica dichiarata dei molti cacciatori del villaggio. Che sono una cricca, una cosca unita da complicità e perfino qualche segreto inconfessabile. La divisione tra i buoni e cattivi è stabilita, e la partita va a cominciare. Da una parte i perfidi in quanto cacciatori – tra loro anche sindaco e parroco – dall’altra i crociati pro-natura e pro-animali, capitanati dalla ingegnera. Ci sarà una serie di morti tra i cattivi, teste fracassate, ferite orrende, tanto che il ramo ecologista-animalista-vegano del paesello adombra l’ipotesi che siano stati gli stessi animali a vendicarsi dei loro carnefici (‘Ma non vedete? le uniche orme qui sulla neve vicino al cadavere sono di un cervo!’). L’altra ipotesi invece è che ci sia un serial killer che vuol vendicare la natura sfregiata. In mano a una regista più sottile il film avrebbe potuto assumere un che di inquietante distopia vicina (la rivolta degli animali), o indurre una qualche sana riflessione sui fanatismi cui le buone cause e le migliori intenzioni possono portare. Invece abbiamo un thrilleraccio agreste con una musica da denuncia”.

Questa voce è stata pubblicata in cinema, Container, film, film in tv e contrassegnata con , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Film stasera in tv: SPOOR di Agnieszka Holland (merc. 27 giugno 2018, tv in chiaro)

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.