Il film imperdibile stasera in tv: THE WITCH (lun. 20 agosto 2018, tv in chiaro)

The Witch, un film di Robert Eggers. Italia 1, ore 23,40, lunedì 20 agosto 2018. Prima tv.
Secondo i critici americani, uno dei migliori horror degli ultimi anni, e una tappa fondamentale del nuovo cinema d’autore che non ha paura di guardare ai generi. Squisitamente girato dal trentenne Robert Eggers, con senso dello stile e con richiami assai evidenti al cinema alto, altissimo, della rarefazione e dell’implosione drammatica di Carl Tehodor Dreyer, tra i Grandi Maestri, quello che con più consapevolezza ha frequentato l’horror, con Vampyr ma anche con Dies Irae, film produttore di incubi come pochi. E anche qui in The Witch ambienti severi e modi di estremo rigore del protestantesimo più intransigente come nel gran danese. Siamo difatti nel New England del Seicento, in una delle comunità puritane che fecero da incubatore di quelli che oggi chiamiamo Stati Uniti. William è un predicatore, ma i suoi eccessi rigoristici e le sue evocazioni del Male allarmano il villaggio, sicché ne verrà decretato l’allontanamento: di lui e della sua incolpevole famiglia, moglie e cinque figli. Finiranno ai margini di una foresta che si rivelerà essere uno scrigno di misteri, di fatti inquietanti, di strane prsenze. Sparisce nel nulla l’ultimogenito, mentre la figlia maggiore, in comunicazione con un Oltre minaccioso, verrà sospettata – perfino nella sua stessa famiglia –  di stregoneria, di commercio col demonio. I riferimenti a quanto successe a fine Seicento a Salem, New England, sede di uno dei processi di stregoneria più famosi della storia, sono evidenti. Ne esce un film ibrido che, attraverso certi codici dell’horror, si fa quadro storico di un periodo cruciale dell’America e indagine dell’incoscio di una nazione allo stato nascente. Ma The Witch resta altamente, inesorabilmente ambiguo, sospeso com’è tra scoperchiamento e denuncia dei mostri psichici che infestano i buoni cittadini e i buoni credenti, e l’accreditamento di quegli stessi mostri. Il diavolo esiste, sembra dire The Witch. Da allora, 2015, il giovane regista Robert Eggers ha girato solo un corto, sicché l’attesa di un suo nuovo lungometraggio è grande. E intanto l’horror di fascia alta continua a conquistare pubblico e recensori, ed è il caso recente di Hereditary. La protagonista di The Witch, Anya Taylor-Joy, una faccia che non si dimentica, l’abbiamo poi vista in Split di Shyamalan.

Questa voce è stata pubblicata in cinema, Container, film, film in tv e contrassegnata con , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.