20 film stasera in tv – martedì 6 novembre 2018, tv in chiaro

I Guardiani della Galassia
©Marvel 2014

Dear John

Cliccare il link per la recensione di questo blog (alcune recensioni possono riferirsi a una precedente messa in onda).

Il bandito senza nome di Joseph L. Mankiewicz, Rete Capri (66 dt), ore 21,00.
Posta grossa a Dodge City, Iris, ore 21,00.
Nonostantela forma da classico western, una commedia di caratteri intorno a un tavolo da gioco, tra inganni, mosse e contromesse, astuzie, alleanze e tradimenti. In una grande sfida a poker dove tutti si giocano molto, un signore ppena appordato nel pericololso West sviene dopo aver puntato l’intero suo patrimonio. Si siederà al posto suo l’apparentemente ingenua moglie. Provate a indovinare come andrà a finire. Del 1966. La grandissima coppia Henry Fonda-Joanne Woodward da sola merita la visione.
Maximum Risk di Ringo Lam, Cine Sony, ore 21,00.
Transformers – La vendetta del caduto di Mchael Bay, 20, ore 21,00.
I guardiani della galassia, Rai 4, ore 21,06.
Tra tutti i seupereoristico-galattici nati nella costellazione Marvel questo è di sicuro il film (filmone) che meno se la tira e prende sul serio. La solita odissea saziale, il solito star trek si straforma in una commedia di amabili gradassi, mostriciattoli dalla lingua sciolta, creature in apparenza ciniche, più aòtre prsenze umane e non umane vaiamente raccolte qua e là nel cosmo. Il pirata e evventurero Quill viaggia vorticosamente, mostra i muscoli, fa il figo con le ragazze, ma si scontrerà con le mire egemoniche e espasionistiche del trice Ronan. E dovrà fare i conti con il proprio oscuro passato. Certo, non si può non pensare a Star Wars, solo che qui non c’è tutto il peso di una tradizione e di una mitologia ormai ossificate e ingombrantissime. Con il molto, molto simoatico Chris Pratt e Zoe Saldana. Ovvio che questo primo capitolo abbia poi prodotto, visti gli incassi, un franchise.
Io che amo solo te di Marco Ponti, Rai Movie, ore 21,10.
School of Rock di Richard Linklater, Paramount Channel, ore 21,10.
Il paradiso degli orchi, Rai 5, ore 21,15.
Volo Pan Am 73 (Neerja), Cielo, ore 21,15.
Dear John di Lasse Hallström, Nove, ore 21,25.
Desperado di Robert Rodriguez, Spike, ore 23,30.
Dopo l’esordio con El Mariachi che, costato davvero un pugno di dollari era riuscito a diventare un caso, Robert Rodriguez gira il sequel, stavolta con soldi e due attori di fascia alta, anche se ancora (1995) poco familiari al grande pubblico americano, Antonio Banderas e Salma Hayek. Il film, che racconta di un chitarrista in cerca di vendetta per le strade violente del Messico, con la sua visionarietà truculenta, gli eccessi fumettistici e da B-movie (e da spaghetti-western), il suono martellante e fracassone, ha un successo travolgente e afferma Rodriguez come autore da tenere d’occhio. Attenzione, nel film compare anche Quentin Tarantino, ed è il primo step di un sodalizio che poi si consoliderà. Rodriguez resta uno dei registi che più hanno rinnovato codici e linguaggi del cinema popolare a cavallo tra anni Novanta e anni Zero.
In linea con l’assassino di Joel Schumacher, Cine Sony, ore 22,50.
Piccolo grande thriller di Joel Schumacher, con un Colin Farrell asserragliato in una cabina telefonica, in linea con un tizio misterioso che lo tiene sotto il tiro di un fucile e gli intima di non riattaccare. Gli darà man mano degli ordini e lo costringerà a confessare ed espiare colpe di cui (forse) non è responsabile. Quando ancora c’erano le cabine telefoniche (era il 2002, non un secolo fa) e si poteva ancora costruirci sopra un thriller. Oggi non sarebbe più credibile. Colin Farrell regge bene il gioco e la tensione. Un film da guardare senza aspettarsi troppo, un thriller onesto che vuole solo intrattenere e ci riesce.
L’intrepido di Gianni Amelio, Rai Movie, ore 22,55.
Il principio del domino – La vita in gioco di Stanley Kramer, 7Gold, ore 23,30.
Cara mamma, con amore, Cher, Rai 5, ore 23,39.
Tutto in famiglia. Cher in occasione degli 85 anni della madre le dedica (producendolo) questo docu. Nel quale si ricostruisce vita e opere della vitalissima vegliarda, i suoi amori e i suoi sei matrimoni, il suo sogno di diventare una star della canzone (ci provò, con scarso successo). Adesso è finalmente al centro di un film, di questo film tutto suo. Che si lascia guardare, pur nei suoi toni inevitabilmente celebrativi. Mamma Georgia è simpatica, la sua storia così americana merita di essere seguita. E poi ci sono Cher, la sorella. C’è il figlio di Cher e di Donny Bono Chaz, già Chastity prima della transition di genere F to M.
Sfida nell’Alta Sierra di Sam Peckinpah, Iris, ore 23,52.
Nati stanchi con Ficarra e Picone, Rai 2, ore 0,20.
Signori, il primo film della coppia Ficarra & Picone (il cui L’ora legale è in questa stagione cinematografica il miglior risultato italiano al box office). Due ragazzi qualunque di Sicilia senza lavoro e indaffaratissimi a fare concorsi su cncorsi. Finché ne devono fare uno a Milano per un posto di bibliotecari. Ma, come in una classicissima commedia sicula degli equivoci, lì verranno presi per mafiosi. Il guaio per loro, che sotto sotto non vogliono lasciare il paesello, è che stavolta il concorso lo vincono davvero. La comicità dei due, come poi accadrà sempre più spesso nei loro film, al servizio di uno sguardo disincantato sui mali e le pigrizie d’Italia. sempre con quell’impronta di sicilianità inconfondibile. Dell’ormai lontano 2001.
Sud di Gabriele Salvatores, Cine Sony, ore 0,20.
Un Salvatores del 1994 non dei più conosciuti, una commedia sudista dove si mischiano fin troppe cose, troppi problemi, anzi: troppe istanze. Mentre in un paese di un Sud italiano astratto che tutti li riassume si sta per chiudere il seggio elettorale, ecco irrompere quattro disoccupati. Che, armi alla mano, vogliono richiamare l’attenzione sul lavoro che non c’è, sulla loro eterna precarietà. E intanto una scheda truccata svela gli imbrogli elettorali del boss locale. Un po’ Quel pomeriggio di un giorno da cani, ma il film, oscillante tra registri troppo diversi – dalla commedia alla denuncia -, non ce la fa mai a trovare la sua strada. Bellissima location credo siciliana. Con Silvio Orlando, Gigio Alberti, Francesca Neri, Claudio Bisio e il grande Renato Carpentieri.
La caduta – Gli ultimi giorni di Hitler, Rai Movie, ore 0,50.
Ritorno al futuro, parte III di Robert Zemeckis, 20, ore 1,00.
Terzo episodio dell’ormai esausta saga di Ritorno al futuro. Sempre con Zemeckis alla regia.

Questa voce è stata pubblicata in cinema, Container, film, film in tv e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.