Film-capolavoro stasera in tv: LA CASA DALLE FINESTRE CHE RIDONO (mart. 30 aprile 2019, tv in chiaro)

La casa dalle finestre che ridono, Iris, ore 0,34. Martedì 30 aprile 2019.lino-capolicchio-in-una-scena-de-la-casa-dalle-finestre-che-ridono-366271Tra i migliori horror italiani di sempre, insieme a qualche Dario Argento e Mario Bava (e Lucio Fulci). E, in my opinion, anche uno dei 50 film italiani migliori  di sempre. Quando Pupi Avati era uno dei talenti più bizzarri e imprevedibili del nostro cinema. A rivederlo oggi La casa dalle finestre che ridono impressiona per la quantità di talento immaginifico e di invenzioni (narrative, di messinscena) che ci intravedi, e non capisci, non ti rassegni a come Pupi Avati sia oggi il cantore in cinema della piccolissima borghesia ansiosa di rassicurazione, l’autore di film provinciali e minori non solo per quanto raccontano, ma anche per il linguaggio e lo stile, per la deliberata rinuncia a ogni azzardo. Nel 1976 invece, ancora voglioso di rotture e innovazioni, realizza questo thriller padano (zona Delta del Po), davvero paurosissimo, su un restauratore (Lino Capolicchio) chiamato a sistemare un inquietante affresco in una chiesa. Andrà incontro a un mistero sepolto da decenni, un mistero di sangue ovviamente. Strepitoso, anche a rivederlo oggi. Il finale è pazzesco, tra l’Hitchcock di Psycho (non dico di più, sarebbe spoiler) e il Georges Bernanos di un piccolo, maledetto romanzo dimenticato eppure tesissimo, Un delitto. Echi di Ligabue (il pittore della Bassa) e delle sue follie, e perfino del culto camp di San Sebastiano. Una sorta di Padania rovesciata, colta e mostrata nel suo lato dark e barbarico, sanguinolento, da macello, come già aveva intuito Bertolucci nel suo mitologico docu-corto sul rito dell’uccisione del maiale. Io, come moltissimi altri, lo adoro. Siamo dalle parti del capolavoro del genere. Lino Capolicchio, attore molto rappresentativo di quegli anni Sessanta-Settanta (Escalation, Il giardino dei Finzi Contini, Mussolini ultimo atto), al suo meglio.

Questa voce è stata pubblicata in cinema, film, film in tv e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.