Film stasera in tv: NOVECENTO di Bernardo Bertolucci in versione integrale (parte I e II) – mart. 30 aprile 2019, tv in chiaro

Novecento parte I e II, di Bernardo Bertolucci. Su Rai Movie a partire dalle 21,10. Martedì 30 aprile 2019.
In occasione del 1° maggio, Festa del lavoro, Rai Movie manda in onda di seguito le due parti della fluviale saga di Berttolucci, in una maratona di cinque ore.
Stefania_casini_novecento1900Confesso: non l’ho mai amato. L’ho rivisto in versione integrale qualche mese fa e devo dire che Novecento – anno di uscita: 1976 – appare allo scaltro spettatore di oggi alquanto invecchiato e appesantito dal tempo, massimamente a causa della sua ideologia così insopportabilmente anni Settanta, ideologia evidente soprattutto nella seconda parte. Bertolucci mette in scena la rivoluzione contadina nella Bassa, dispiega bandiere rosse grandi come poderi a mezzadria, dipinge fascisti cattivissimi e pervertiti realizzando uno spettacolo magniloquente e ipnotico come certi film di propaganda sovietici anni Venti (cui chiaramente si ispira). Il tutto, e qui sta l’astuzia bertolucciana, con i dollari dei produttori americani che dopo il successo mondiale di Ultimo tango a Parigi, concessero al regista tutto quello che voleva. La storia dell’Emilia alternativamente rossa e fascia, contadina e padronale, raccontata attraverso le vite vicine, parallele, intrecciate ma esemplarmente opposte per destino e appartenenza sociale, dei due amici d’infanzia Alfredo, figlio di agrari, e il contadino Olmo. Tutti e due nati lo stesso giorno all’alba del secolo. Si comincia con la morte di Verdi, si finisce con le lotte comuniste del dopoguerra, e in mezzo c’è di tutto, c’è la storia italiana di quel mezzo secolo. Solo che oggi Novecento funziona malissimo come manifesto ideologico, mentre ce la fa a coinvolgerci quando diventa furibondo melodramma, verdiano all’ennesima potenza, corrusco, turgido come una romanza tenorile. O, meglio ancora, quando si inoltra, con sensibilità tutta novecentesca, nei labirinti delle relazioni personali dove ambiguamente si mescolano amicizia, amore, sesso, attrazione e repulsione. Con la magnifica coppia Robert DeNiro-Gérard Depardieu (e non si dimentica la scena, assai bertolucciana, di loro due a letto con Stefania Casini). Più uno stuolo di nomi altisonanti: Burt Lancaster, Stefania Sandrelli, Alida Valli, Dominique Sanda, Sterling Hayden. E Laura Betti e Donald Sutherland quale turpe duo fascistissimo.

Questa voce è stata pubblicata in cinema, Container, film, film in tv e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.