18 FILM stasera in tv (lun. 15 luglio 2019, tv in chiaro)

Cliccare il link per leggere la scheda o recensione di questo blog (alcune schede si riferiscono a precedenti messe in onda.

Casey Affleck e Christian Bale in ‘Il fuoco della vendetta (Out of Furnace)’

Roger Vadim, l’uomo delle stelle

La storia di Ruth

La storia di Ruth di Henry Koster, Tv 2000, ore 21,09.
Colosso biblico del 1960 diretto dall’Henry Koster di Bernadette. Ruth, allevata dai Moabiti, ne diventa sacerdotessa con l’incarico di procedere a terribili sacrifici umani. Ma l’incontro con dei giudei inoculerà in lei il germe del dubbio e dell’abiura. Messa in racconto (cinematografico) del cruciale scontro culturale e religioso tra il popolo del Dio unico e il paganesimo idolatrico circostante.
Il fuoco della vendetta (Out of Furnace) di Scott Cooper, Paramount Channel, ore 21,10.
Bandolero! di Andrew McLagen, Rai Movie, ore 21,10.
Vecchio western Usa, fors’anche decrepito ma con una sua allure da nobiltà decaduta, del 1968, quando ormai il nuovo western all’italiana aveva completamente ridisegnato il genere, e anche in America si facevano strada i rivoluzionari alla Peckinpah. Con un totem della Hollywood-com’era quale James Stewart, affiancato dall’esplosiva Raquel Welch e da Dean Martin e George Kennedy. Una banda di fuorilegge viene condannata all’impiccagione dopo una rapina a una banca: a salvarli interverrà il fratello del capo fattosi passare per il boia. Scapperanno tutti verso Sud con una ricca vedova in ostaggio. Con un qualcosa, una sorta di profezia involontaria nella sanguinolenta resa dei conti messicana, del Mucchio selvaggio peckinpahiano che di lì a poco arriverà.
Parigi a tutti i costi, Rai 1, ore 21,15.
Film francese assai medio e mainstream (non aspettatevi azzardi autorialistici: su Rai 1 poi) che ha però il merito, e anche il coraggio, di trasformare in commedia a uso delle masse temi centrali e assai sensibili della nostra contemporaneità. L’immigrazione, il multiculturalismo, l’oscillazione tra cultura originaria e cultura di approdo. Maya, nata in Marocco, è ormai da vent’anni a Parigi, dove si è benissimo inserita e lavora come stilista per una delle Maison più importanti. Ma un giorno scopre di essere diventata una clandestina: il suo permesso di soggiorno è scaduto senza che lei se ne accorgesse e adesso rischia di essere espulsa. Che fare?
Roger Vadim – L’uomo delle stelle, Rai 5, ore 21,15.
Come Roger Vadim diventò Roger Vadim. Ovvero l’uomo e il regista che scoprì e/o trasformò in star attrici come Brigitte Bardot, Catherine Deneuve, Jane Fonda (anche sue compagne di vita, almeno di un pezzo della sua vita). Se fosse o no anche un buon autore è questione ancora aperta oggi, a sessnt’anni dai suoi esordi. Comunque lo si giudichi, questo documentario che ce lo racconta merita la visione.
Un giorno di ordinaria follia di Joel Schumacher, la7, ore 21,15.
Casotto di Sergio Citti, Iris, ore 21,16.
Thunderball – Operazione Tuono, Tv8, ore 21,35.
Whore – Puttana di Ken Russell, Cielo, ore 23,00.
Ognuno per sé, Rai Movie, ore 23,05.
Italian western del 1968 diretto da uno bravo e fine, un signore della macchina da presa come Giorgio Capitani. E poi ci sono, oltre all’hollywoodiano dirottato a Roma Van Heflin, Klaus Kinski e George Hilton.
Giovani si diventa di Noah Baumbach, la5, ore 23,08.
The Lincoln Lawyer, Rai 1, ore 23,10.
Attrazione fatale di Adrian Lyne, la7, ore 23,15.
Greve e anche trash, questo immenso succcesso firmato Adrian Lyne del 1987. Però che storia potente, e che capacità di colonizzare l’immaginario, l’inconscio collettivo, insomma chiamatelo come volete. Il coniugato Michael Douglas ha una storia di una notte con la riccioluta collega Glenn Close. Per lui è finita lì, per lei no. Sicchè, folle e e invasata, incomincia a perseguitarlo e a rovinargli la vita. Brilleranno lame e scorrerà il sangue. L’innamorata pazza che si trasforma in un’erinni, incarnazione e proiezione dei peggiori incubi castratori maschili: qualcosa che colpì nel profondo lo spettatore globale, e che continua a colpire ancora a ogni passaggio televisivo. Uno di quei film medi-mediocri che però diventano importanti ed esemplari e travalicano i propri limiti. Più che mai attuale, oggi che le persecuzioni d’amor folle si chiamano stalking e finiscono spesso in cronaca, quella dai colori scuri. Solo che a non convincersi che è finita, a rifiutare ostinatamante e ossessivamente di voltare pagina, sono soprattutto gli uomini. Sono loro, oggi, nella realtà, i veri epigoni della Glenn Close di Attrazione fatale.
Estate romana
di Matteo Garrone, Zelig Tv (canale 63 dt), ore 23,20.
Moon di Duncan Jones, Rai 4, ore 0,00.
Mustang, Rai 3, ore 0,25.
La Venexiana di Mauro Bolognini, Rai Movie, ore 0,45.
Enemy di Denis Villenueve, Paramount Channel, ore 1,00.

Questa voce è stata pubblicata in cinema, Container, film, film in tv e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.