Film stasera (tardi) in tv: MONTE di Amir Naderi (dom. 28 luglio 2019, tv in chiaro)

Monte di Amir Naderi, Rai 3 Fuori Orario, ore 1,20. Domenica 28 luglio 2019.
Viene trasmesso stanotte da Fuori Oraio, questo film italiano del 2016 dell’apolide di origine iraniana Amir Naderi. E non a caso, perché Monte, presentato fuori concorso a Venezia, divenne subito un oggetto di culto, anzi di devozione, per la critica più oltranzista e intossicata di cinefilia e dunque naturalmente destinato alla fascia notturna ghezziana. Quando lo vidi a Venezia non ne restai rapito, francamente. Mi parve sospeso tra i vertici del sublime e gli abissi del kitsch, con approssimazioni e non-rifiniture soprattutto nella direzione degli attori e nella rievocazione-ricostruzione di un tempo mitico forse basso medievale, certo italiano, anche se di un’Italia indecifrabile, indecisa tra il nord aspro delle Alpi e le dolcezze dei borghi tosco-lazial-appenninici. Insomma, un’Italia assai fantastica e astratta, come la può immaginare un internazionalista del cinema, un senza patria per scelta come Naderi (il precedente, e assai migliore Cut, lo aveva girato in Giappone). All’ombra di un monte crudele che, impedendo al sole di farsi largo costringe chi abita alle sue pendici a una vita miseranda e buia, conduce i suoi grami giorni una famiglia, padre, madre, figlio. Con il padre che si ostina a non abbandonare quel posto inospitale, a continuare il suo lavoro di cavapietre e scalpellino. Mentre altri se ne scappano a valle, lui continua la sua sfida al Monte, deciso a distruggerlo con i suoi martelli, le sue mazze ferrate, pezzo dopo pezzo, pietra dopo pietra. Siamo, ovvio, dalle parti della Grande Allegoria sulla Condizione Umana, sull’inferiorità-nullità dell’uomo al cospetto della natura crudele e padrona. Molto non funziona, molto invece funziona benissimo. L’ossessività del protagonista si propaga a tutto il film facendone la visualizzazione di una deriva interiore, di una follia irrimediabile. Monte non è quel capolavoro che i suoi adoranti estimatori pretendono che sia, di sicuro è un’altra prova dell’intransigenza autoriale di Naderi, del suo eclettisimo, della sua adattabilità a universi e climi culturali differenti. Con Andrea Sartoretti e Claudia Potenza.

Questa voce è stata pubblicata in cinema, Container, film, film in tv e contrassegnata con , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Film stasera (tardi) in tv: MONTE di Amir Naderi (dom. 28 luglio 2019, tv in chiaro)

  1. heuresabbatique scrive:

    Leggo solo ora questo tuo post su Naderi, e ne approfitto, se posso, per una mia curiosità personale (spero, in questo caso, come insegna il detto, la curiosità non uccida!): l’ ultimo Naderi, Venezia 75, Magic Lantern, l’ hai visto? Io lo trovai ignobile, un film cosi brutto non lo vedevo da tempo. Eppure scrosci di applausi, e recensioni entusiaste. Ma abbiamo visto, io e costoro, lo stesso film? Chiedo a te, che te ne è parso, se l’ anno scorso riuscisti a vederlo.

    PS ancora una cosa: ma Wicked Games di Seidl e Manor House di Puiu, prima dati quasi certi per Cannes e ad ora assenti anche dalle line-up di Venezia e Toronto? Se ne sa qualcosa? Ciò che non è entrato dalla porta rientra dalla finestra (vedi il Tarantino e il Kechiche a Cannes)?Domando a te se ne sai qualcosa…

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.