14 film stasera in tv (lun. 29 luglio 2019, tv in chiaro)

20.000 leghe sotto i mari

The Double

Cliccare il link per leggere la scheda o recensione di questo blog (alcune schede si riferiscono a precedenti messe in onda.

Sfida infernale di John Ford, Rai Movie, ore 21,10.
Roba da ricchi di Sergio Corbucci, Iris, ore 21,13.
Da un po’ è in atto una rivalutazione massiccia e fighetta di Renato Pozzetto (il suo Ragazzo di campagna è diventato un superculto), secondo uno di quei misteriosi cicli e flussi-riflussi per cui dei e semidei del cinema popolare a loro tempo maltrattati dalla critica borghese vengono poi recuperati da intellettuali di peso e perfino accademici. È capitato a Totò e a Franchi e Ingrassia, capita adesso ai fratelli Vanzina e a Pozzetto. Che qui è al centro di uno dei tre episodi (gli altri ruotano intorno a Lino Banfi e Paolo Villaggio). Con lui Francesca Dellera, e in effetti il binomio non è male. Dirige, in una delle sue ultime regie, Sergio Corbucci, lui sì un grande vero.
Inception di Christopher Nolan, canale 20, ore 21,14.
20.000 leghe sotto i mari di Richard Fleischer, la7, ore 21,15.
Tutte le avventure del sottomarino Nautilus e del capitan Nemo in una meravigliosa trasposizione cinematografica anni Cinquanta. Effetti speciali primitivi ma non così sgangherati, ed è indimenticabile il polipo gigante (o è calamaro gigante?). Un cinema dello stupore, anche grazie al romanzo del mago Jules Verne da cui il film è tratto, che nemmeno i più colossali blockbuster di oggi riescono più a riproporre. Regia di Richard Fleischer. Con James Mason e Kirk Douglas. Più Peter Lorre in parteciazione molto speciale.
La mano sulla culla di Curtis Hanson, Rrai 3, ore 21,20.
Black or White, Rai 1, ore 21,25.
Del 2014, presentato a Toronto e a Roma e poi uscito in sala senza suscitare, almeno in Italia, molta attenzione (ma quante produzioni che non siano cartoni o supereroistici ormai ci riescono?). La frattura americana tra white e black peoppe, una frattura che è sociale, culturale, antropologica, rappresentata attravreso una storia privata che ambisce a farsi esemplare, esemplarissima. Un avvocato (è Kevin Cutner) cerca di assicurarsi l’affido della nipotina, figlia della figlia morta diciassettenne durante il parto, ma le si oppone durissimamente la chiamiamola consuocera: afroamericana, madre del padre della bambina, un tossicomane in rehab. Storia potenzialmente esplosiva, ma silenziata e edulcrata da troppe cautele politicamente corretto. E difatti va su Rai 1. C’è comunque un’Octavia Spencer strepitosa.
Agente 007. Al servizio di Sua Maestà, Tv8, ore 21,35.
L’unico film della serie con l’australiano George Lazenby quale 007. Subito dopo defenestrato causa disastro al box office di questo Al servizio di Sua Maestà. Eppure con il tempo il film si è trasfornato in culto, e Lazenby rivalutato. Per i suoi fans estremi, il miglior James Bond di sempre. Da vedere.
Babadook di Jennifer Kent, Rai4, ore 22,55.
Bandolero! di Andrew McLagen, Rai Movie, ore 23,00.
Vecchio western Usa, fors’anche decrepito ma con una sua allure da nobiltà decaduta, del 1968, quando ormai il nuovo western all’italiana aveva completamente ridisegnato il genere, e anche in America si facevano strada i rivoluzionari alla Peckinpah. Con un totem della Hollywood-com’era quale James Stewart, affiancato dall’esplosiva Raquel Welch e da Dean Martin e George Kennedy. Una banda di fuorilegge viene condannata all’impiccagione dopo una rapina a una banca: a salvarli interverrà il fratello del capo fattosi passare per il boia. Scapperanno tutti verso Sud con una ricca vedova in ostaggio. Con un qualcosa, una sorta di profezia involontaria nella sanguinolenta resa dei conti messicana, del Mucchio selvaggio peckinpahiano che di lì a poco arriverà.
Fight Club di David Fincher, Cielo, ore 23,05.
La storia di Agnes Browne, Zelig Tv, ore 23,20.
The Double, Rai 1, ore 23,40.
Strano, un uomo politico americano viene ucciso secondo metodi tipici di una spia sovietica chiamata Cassio (vedi alla voce Shakespeare-Giulio Cesare). Eppure il killer è morto da molto tempo, o almeno così si crede. Che sia rimasto in sonno per poi tornare a colpire giocando sull’effetto sorpresa? O c’è dell’altro? Per sciogliere il mistero viene richiamato in servizio l’uomo Cia che gli aveva dato la caccia. Ad affiancarlo un giovane collega. Un buonissimo spy-thriller con un credibile Richard Gere.
L’ussaro sul tetto di Jean-Paul Rappenau, la7, ore 23,45.
I lunghi giorni della vendetta di Florestano Vancini, Rai Movie, ore 0,55.

Questa voce è stata pubblicata in cinema, Container, film, film in tv e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.