23 film stasera in tv (venerdì 13 settembre, tv in chiaro)

‘The Captive – Scomparsa’ di Atom Egoyan

‘Viva la libertà’ di Roberto Andò

Cliccare il link per la recensione o la scheda di questo blog. Alcune si riferiscono a precedenti messe in onda.

Apocalypto di Mel Gibson, canale 20, ore 21,11.
It di Tom Lee Wallace (1990), Mediaset Italia 2, ore 21,10.
Pennywise, il clown assassino di Stephen King, nel film che dal romanzo fu tratto nel 1990. Con Tim Curry. Da confrontare ovviamente con i più ambiziosi e produttivamente ricchi It 1 e 2 di Andrew Muschietti (il secondo è adesso nei nostri cinema).
The Twilight Saga: New Moon, la5, pre 21,10.
The Captive – Scomparsa di Atom Egoyan, Rai movie, ore 21,10.
Invito a una sparatoria, 7Gold, ore 21,15.
Western del 1964 che gode di ottima reputazione critica, con un Yul Brinner al suo vertice storico e del suo fascino serpentesco. Un giovane uomo reduce dalla Guerra di Secessione si ritrova spossessato dei suoi beni. Ingaggerà un temibile pistolero creolo per liberarsi di chi lo ha reso povero. Il pistolero – Brinner of course – porta l’incredibile e bellissimo nome di Jules Gaspard D’Estaing.
The Circle di James Ponsoldt, Rai 4, ore 21,20.
La faccia oscura dei tycoon della new economy, della sbornia dogitale, dei social network, in un film fin troppo dimostrativo, ma per niente trascurabile e allarmante al punto giusto. La ragazza qualunque Mae viene assunta da una company il cui carismatico e demoniaco boss ha realizzato il più avanzato e pervasivo dei social. E la sua ambizione di espansione e controllo non si ferma lì. Inizialmente affascinata, Mae si ritroverà sempre più intrappolata in quella che, più che a un’azienda, assomiglia a una setta dogmatica. Con Tom Hanks, stavolta all’opposto dei suoi soliti personaggi positivi e bonari, e Emma Watson.
A Dangerous Method di David Cronenberg, Cielo, or 21,20.
X-Men. L’inizio, Italia 1, ore 21,20.
Il primo dei prequel, il quinto della serie sui diversi dai poteri speciali.
Quo vado? con Checco Zalone, Canale 5, ore 21,20-
Viva la libertà di Roberto Andò, Nove, ore 21,25.
Rombo di tuono 3, Spike, ore 21,30.
Detto anche Missing in Action 3. Trionfo dell’immenso Chuck Norris, prolo-star globale come poche altre.
Gunny di Clint Eastwood, Rete 4, ore 21,30.
Mai Stati Uniti di Carlo Vanzina, Rai 3, ore 22,15.
Commedia di famiglia, come spesso nei Vanzina nella loro fase matura (si pensi a Il pranzo della domenica: da recuperare), di scarso successo al box office, ma interessante per la finezza con cui va a osservare il lento formarsi di una quasi-famiglia che non sapeva di esserlo. Mettendo in scena tipi umani diversi, ma ciascuno a suo modo sigificativo della contemporaneità italiana. Cinque persone, cinque tra uomini e donne, scoprono di essere figli dello stesso padre, da nessuna di loro mai conosciuto: nominati eredi, per poter ricevere quanto loro spetta dovranno andare insieme in Arizona a spargere le ceni del defunto. Tra differenze, conflitti e impreviste affinità, finiranno con lo stabilire una qualche alleanza. L’antico schema narrativo degli sconosciuti costretti a convivere e a scendere a patti uno con l’altro funziona ancora bene. Con Vincenzo Salemme, Ambra Angiolini, Ricky Memphis, Anna Foglietta, Giovanni Vernia.
Dead Man Down, Rai Movie, ore 23,00.
Crank, Rai 4, ore 23,10.
Donne sull’orlo di una crisi di nervi di Pedro Almodovar, Cielo, ore 23,15.
La vera storia di Jess il bandito di Nicholas Ray, 7Gold, ore 23,30.
Come Jesse e Frank James divennero fuorilegge. Una delle storie leggendarie e nerissime del West ri-raccontata nel 1957 dall’outsider di Hollywood Nicholas Ray come una ribellione giovanalistica all’ordine costituito. Con Robert Wagner e Jeffrey Hunter.
Invasion U.S.A., Spike, ore 23,30.
Guerriglieri comunisti cubani attaccano, si infiltrano, distruggono! Ma scende in campo Chuck Norris a salvare l’America. Solo per i suoi fan (tanti, spesso non dichiarati).
Sex List – Omicidio a tre, Rai 2, ore 23,45.
Sud di Gabriele Salvatores, Canale 5, ore 23,55.
Un Salvatores del 1994 non dei più conosciuti, una commedia sudista dove si mischiano fin troppe cose, troppi problemi, anzi: troppe istanze. Mentre in un paese di un Sud italiano astratto che tutti li riassume si sta per chiudere il seggio elettorale, ecco irrompere quattro disoccupati. Che, armi alla mano, vogliono richiamare l’attenzione sul lavoro che non c’è, sulla loro eterna precarietà. E intanto una scheda truccata svela gli imbrogli elettorali del boss locale. Un po’ Quel pomeriggio di un giorno da cani, ma il film, oscillante tra registri troppo diversi – dalla commedia alla denuncia -, non ce la fa mai a trovare la sua strada. Bellissima location credo siciliana. Con Silvio Orlando, Gigio Alberti, Francesca Neri, Claudio Bisio e il grande Renato Carpentieri.
Hunger Games: la ragazza di fuoco, canale 20, ore 23,55.
Salt and Fire di Werner Herzog, Rai 3, ore 0,25.
Ad ogni costo di Giuliano Montaldo, Rai Movie, ore 1,00.
Rivalutare Giuliano Montaldo. Film all’americana, di genere, come allora riuscivamo in Italia a produrre ai massimi livelli. Un colpo grosso di diamanti, con conseguenze e finale imprevedibili. Del 1967. Cast grandissimo: Edward G. Robinson, Klaus Kinski, Riccardo Cucciolla, Adolfo Celi, Janet Leigh, Robert Hoffman.

Questa voce è stata pubblicata in cinema, Container, film, film in tv e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.