Flm stasera in tv: LA CAMBIALE di Camillo Mastrocinque (sab. 28 sett. 2019, tv in chiaro)

La cambiale di Camillo Mastrocinque, Rai Storia, ore 21:10. Sabato 28 settembre 2019.
In La ronde di Max Ophüls (tratto da Schnitzler) i personaggi passano da un’alcova all’altra, da un coito all’altro trasmettendo piacere e fors’anche qualche poco gradito bacillo. In questo film del 1959, sospeso tra avanspettacolo e la più compiuta e ambiziosa commedia all’italiana, quello che i personaggi di volta in volta passano all’altro è una cambiale. La quale, arrivata alla fine della catena umana, ricomincia il suo percorso alla rovescia tornando al punto, anzi nelle mani iniziali (mentre in La ronde il movimento dell’eterno, inesorabile ritorno è perfettamente circolare). Canovaccio e infallibile schema narrativo replicabile in infiniti altri contesti che qui, stavolta, è il pretesto per inanellare una sequenza di sketchettoni assolutamente autonomi, celibi, collegati al resto del racconto solo dal pezzo di carta del titolo. E per ogni step della cambiale, anche un attore-mattatore, o più di uno a occupare la scena. Sicché in questo film del grande artigiano Camillo Mastroncinque, che amava firmarsi nei credits Mastro5, son da guardare con devozione le esibizioni travolgenti di Totò, Vittorio Gassman, Ugo Tognazzi, Peppino De Filippo, Aroldo Tieri, Raimondo Vianello, Erminio Macario. E naturalmente si toccano, col pretesto della cambiale in movimento, gli ambiti e gli anfratti dell’Italia di allora, dai salotti e salottini borghesi e piccolissimo-borghesi ai tuguri del lumpenproletariato. Miserie e nobiltà. In un come eravamo nel quale oggi fatichiamo a (non vogliamo?) rispecchiarci.

Questa voce è stata pubblicata in cinema, Container, film, film in tv e contrassegnata con , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.