Film stasera in tv: IT di Andres Muschietti (venerdì 1 novembre 2019, tv in chiaro)

It di Andres Muschietti, Italia 1, ore 21:14. Prima tv. Venerdì 1° novembre 2019.
Uscito nel 2017, è a oggi l’horror che ha più incassato nel mondo: oltre 700 milioni di dollari. Tratto dal romanzo fiume unanimente considerato il più significativo del suo autore, Stephen King. Già serie televisiva, It diventa finalmente un film di grandi mezzi e alto budget e altrettanto elevate ambizioni nel 2016/17 con la regia dell’argentino Andres Muschietti, chiamato all’mpresa dopo aver dato buona prova di sé con un film di paura non qualunque prodotto da Guillermo Del Toro, La madre (che Italia 1 trsmetterà stasera dopo It). Il risultato è decisamente buono, la reazioni dei critici Usa favorevole, la risposta del pubblico entusiasta, con code chilometriche nel primo weekend di programmazione Usa. Quanto a me, ho moderatamente apprezzato, come del resto moderatamente apprezzo il genere e lo stesso lavoro di Stephen King (ebbene sì, sono costreto al coming out: benché salutati da generazini e generazioni di lettori come il vero grande scritore americano io non sono mai riuscito ad andare oltre un modesto interesse nei suoi confronti e lo stesso vale per gran parte dei film tratti dalla sua opera, con l’eccezione di Carrie di Brian De Palma, Christine di John Carpenter e Shining di Kubrick: film che peraltro lo scrittore disconobbe). It, intendo il film di Muschietti, mi è parso diligentemente diretto, con tutti i passaggi necessari del genere risoettati, senza quellparia da B-movie dei soliti horror, ma non così inventivo come i suoi più furiosi estimatori hanno scritto. La storia: in una smalltown dell’America profondissima (siamo negli anni Ottanta onde allisciare le nostalgie e i feticismi dei millennial, menre il romanzo si svolgeva nei Cinquanta) comoare letteralmente dalle fogne il clown assassino Pennywise. Un bambino – per colpa di una barchetta di carta finita in un canale di scolo – verrà trascinato giù dal clown e scomparirà. Si formerà un gruppo di ragazzini del genere loser, bullizzati, variamente emarginati ecc., che si coalizzeranno per capirci di più di quel mistero, scoprendo che ognuno di loro ha avuto a che fare con un’entità, un mostro, una cosa che chiamano It, in un momento passato della loro vita. La lotta, il confronto-scontro con lui sarà naturalmente il loro processo di formazione, la loro costruzione come giovani adulti, la fase dell’addio all’età infantile. Con un finale aperto. E difatti qualche mese fa ecco puntualemnte arruvare nei cinema It – Chapter Two sempre diretto da Muschietti, con i bambini diventati adulti, ma sempre con Pennywise pronto a colpire. Finora poco più di 400milioni incassati worldwide, assai al di sotto del primo capitolo. Dimenticavo: Pennywise è Bill Skarsgård, figlio di Stellan, fratello di Alexander.

Questa voce è stata pubblicata in cinema, Container, film, film in tv e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.