Un film raro stasera in tv: LO SCHIAVO DELLA VIOLENZA (Ho sposato un comunista) di Robert Stevenson – giov. 26 marzo 2020, tv in chiaro

Lo schiavo della violenza (I Married a Communist – The Woman on Pier 13) di Robert Stevenson, Rete Capri (122 dtt), ore 21:00. Giovedì 26 gennaio 2020.
Da vedere assolutamente e nonperché sia un capolavoro, anzi. Ma ci sono casi come questo in cui la visione diventa obbligatoria per come un film risce a dirci del suo tempo, a raccontarci l’extrafilmico, il reale storico, il contesto e il clima in cui è sato generato. Se il titolo italiano, anodino e anonimo, niente ci dice, è invece assai eloquente quello con cui questo film prodotto dal leggendario Howard Hughes uscì la prima volta insala, nel 1949: I Married a Communist, Ho sposato un comunista. Titolo che, dopo il clamoroso insuccesso delle anteprime, sarebbe stato successivamente cambiato in La donna del molo 13. Siamo alla fine degli anni Quaranta, la guerra fredda è ormai in corso e intossica menti e anime anche degli americani meglio intenzionati, la commissione governativa preposta a sorvegliare e reprimere “le attività antiamericane” – leggasi comuniste e pro-sovietiche – lavora a pieno ritmo, anche se il senatore Joseph McCarthy non è ancora sceso in campo (lo farà nel 1952). Sicché ecco film di propaganda come questo in cui si agita lo spettro rosso e si inocula nel pubblico il cliché del nemico comunista e sovietizzante che lavora nell’ombra per scardinare la democrazia americana e spianare la strada al trionfo bolscevico planetario. Lo schiavo della violenza ne è un prodotto esemplae e come tale va visto, per i meccanismi comunicativi e di persuasione che mette in atto, per come cala una crociata ideologica dentro una struttura e macchina narrativa a alta efficacia (almeno nelle intenzioni).
Si mutuano i modi e le ombre cupissime del noir (del resto produce RKO, la casa massimamente specializzata nel genere) per un’operazione di pedagogia e indottrinamento di massa, raccontando di un giovane uomo felicemente sppsato e assai impegnato nell’attività sindacale ma dal torbido passato. Quando apparteneva a una cellula comunista aveva comesso, su ordine del capo, un delitto politico. Per poi pentirsene, uscire dal gruppo e icominciare una nuova vita. Ma adesso ecco spuntare un compagmo di allora che gli ingiunge di riprendere l’attoività clandestina se non vuole che la sua colpa venga rivelata. E comincia una complicata e tesisissima storia non priva di sottotrame amorose e con abbondanti colpi di scena. Robert Ryan, che poi vedremo in infiniti western e bellici, è l’ex comunista sotto ricatto. Il film fu rifiutato da molti registi cui era stato proposto, tra cui Joseph Losey. Accettò Robert Stevenson. Dice qualcosa? Ma sì, il regista di Mary Poppins.

Questa voce è stata pubblicata in cinema, Container, film, film in tv e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.