22 film stasera in tv (mercoledì 15 aprile 2020, tv in chiaro)

Marco Giallini in ‘Storie sospese’

‘Lussuria – Seduzione e tradimento’ di Ang Lee, Leone d’oro a Venezia 2006

Cliccare il link per la recensione di questo sito.

I magnifici tre di Giorgio Simonelli, Cine34, ore 21:10.
La felice stagione tra anni Cinquanta e Sessanta dei comicarelli all’italiana, dove si imbastiva un canovaccio-pretesto per produrre gag comiche a rioetzione, spesso improvvisate da attori di sublime mestiere perlopiù provenienti dalla grande scuola dell’avanspettacolo e della rivista. In questo film del 1961 Walter Chiari, Ugo Tignazzi e Raimondo Vianello – meraviglia! – sono tre maldestri pistoleros ingaggiati in un’immaginaria repubblica delle banane per far fuori il corrotto dittatore. Parodia in stile Cinecittà dei Magnifici sette.
Man of Honor, Iris, oe 21:12.
Uno di quei probi film made in Usa volti alla denuncia indignata di sopraffazioni emarginazioni e razzismi. Storia vera di un afroamericano che si arruola sfidando pregiudizi di ogni tipo: ce la farà nonostante tutto a diventare il primo sub della Marina americano. Carl riprenderà a lottare, con l’aiuto del suo ex trainer, anni dopo contro la buroicrazia per farsi riconoscere i suoi dirittti di invalido. Con Cuba Gooding Jr e Robert DeNiro.
Poli opposti di Max Croci, Rai Movie, ore 21:15.
Inside Job (inserito nel programma Atlantide), un docu di Charles Ferguson, la7, ore 21:15
Il mondo perduto: Jurassic Park di Steven Spielberg, Italia 1, ore 21:18.
Jurassic Park parte seconda: ritorno ai dinosauri. Un classico del cinema pop(olare). Con Jeff Goldblum e Julianne Moore.
Vi presento i nostri di Paul Weitz, Nove, ore 21:25.
Terzo capitolo della saga, con il genero Ben Stiller ancora terrorizzato, benché ormai sposato con prole, dal roccioso suocero De Niro.
Attrazione fatale di Adrian Lyne, la7d, ore 21:30.
Greve e anche trash, questo immenso succcesso firmato Adrian Lyne del 1987. Però che storia potente, e che capacità di colonizzare l’immaginario, l’inconscio collettivo, insomma chiamatelo come volete. Il coniugato Michael Douglas ha una storia di una notte con la riccioluta collega Glenn Close. Per lui è finita lì, per lei no. Sicchè, folle e e invasata, incomincia a perseguitarlo e a rovinargli la vita. Brilleranno lame e scorrerà il sangue. L’innamorata pazza che si trasforma in un’erinni, incarnazione e proiezione dei peggiori incubi castratori maschili: qualcosa che colpì nel profondo lo spettatore globale, e che continua a colpire ancora a ogni passaggio televisivo. Uno di quei film medi-mediocri che però diventano importanti ed esemplari e travalicano i propri limiti. Più che mai attuale, oggi che le persecuzioni d’amor folle si chiamano stalking e finiscono spesso in cronaca, quella dai colori scuri. Solo che a non convincersi che è finita, a rifiutare ostinatamante e ossessivamente di voltare pagina, sono soprattutto gli uomini. Sono loro, oggi, nella realtà, i veri epigoni della Glenn Close di Attrazione fatale.
Un uomo per tutte le stagioni di Fred Zinnemann, Tv2000, ore 22:15.
Next di Lee Tamahori, canale 20, ore 22:58.
Nicolas Cage ha il dono della profezia, di uno sgardo che scandaglia il futuro. Diventerà una preda dei poteri forti. Da Philip K. Dick. Purtroppo dirige Lee Tamahori, e ogni finezza va perduta.
Amore all’italiana di Steno, Cine34, ore 23:01.
Il film a epiaodi: un genere, o meglio un formato, che ebbe una fortuna immensa nei nostri anni Sessanta.  Amore all’italiana con le sue dieci microstostorie non sarà al livello dei titoli maggiori e storici del genere come I mostri e Boccaccio ’70, ma, nel suo mostrare le infinite facce del sesso e del desiderio nazionale di allora, è ancora oggi massimamente godibile. Regia di Steno. Con Walter Chiari, Paolo Panelli, Isabella Biagini, Raimondo Vianello.
La mafia uccide solo d’estate di Pif, Rai Movie, ore 23:20.
Ted di Seth MacFarlane, Italia 2, ore 23:12.
Bocca da fuoco di Michael Winner, 7Gold, ore 23:30.
Non memorabile, anzi, spy-story del 1979 firmata dal regista del Giustiziere della notte. Che qui dirige un cast di culto: Sofia Loren in uno dei suoi ultimi film da diva, James Coburn, Eli Wallach e, incredibile a dirsi, O.J. Simpson.
Storie sospese di Stefano Chiantini, Rai 2, ore 23:35.
Solo leggendo la sinossi mi son reso conto di averlo visto, questo piccolo film italiano assai indipendente del 2014. Protagonista: un Marco Giallini rocciatore professionista ingaggiato per monitorare una parete rocciosa in una valle abruzese. Scoprirà che l’incarico copre sporche manovre volte a nascondere la fragilità geologica della zona e il rischio di frane. Obettivo, impedire che il cantiee di un traforo autostradale venga chiuso. Apologo fin troppo esemplare nella sua denuncia di loschi appetiti affaristici che non si fermano di fronte alla distruzione ambientale e alla messa in pericolo di una comunità. Ma il regista Stefano Chiantini riesce a imprimere al suo racconto un andamente riflessivo, un tono rigoroso e privo di ogni affettazione e retorica ammirevoli. E i paesaggi appenninici sono una meraviglia. Con  Maco Giallini, Maya Sansa e Sandra Ceccarelli. Più che meritevole di una visione.
Ore 10: calma piatta di Phillip Noyce, la7d, ore 23.45.
Get On Up – La storia di James Brown, Iris, ore 23:56.
Torneranno i prati di Ermanno Olmi, Rai Movie, ore 0:00.
Lussuria – Seduzione e tradimento di Ang Lee (Leone d’oro a Venezia 2007), Cielo, ore 0:30.
Due contro tutti, Cine34, ore 0:53.
Urla del silenzio di Roland Joffé, la7, ore 1:40.
Il film che denunciòal mondo lpinmfamia dei killing feilds cambogiani, i canmpi dove i khmer rossi di Pol pot deportarno e mandarno a morte milioni di connazionali.
Il gioco di Ripley di Liliana Cavani, la7d, ore 1:45.
Racconti romani di Ganni Franciolini, Rai Movie, ore 2:05. Anche su YouTube in Film & Clips. Anche su RaiPlay.

Questa voce è stata pubblicata in cinema, Container, film, film in tv e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.