22 film stasera in tv (giovedì 30 aprile 2020, tv in chiaro)

No Escape

Eureka

Cliccare il link per la recensione di questo  sito.

Fire with Fire di David Barrett, Iris, ore 21:00.
Un giovane vigile del fuoco assiste a una rapina con barbaro,duplice omicidio: testimonierà ccontro il copoevole ma, per difendersi dalle sua minacce, sarà costretto a entrare in un programma di protezione. E a stravolgere la sua vita. Crime attento più alle ricadute psicologiche sul suo protagonista che all’action adrenalinico. Con Josh Duhamel, Bruce Willis e Rosario Dawson.
Gothika di Mathieu Kassovitz, Rai Mvie, ore 21:10.
Uno dei film – questo è del 2003 – in cui il Mathieu Kassovitz regista ha masochisticamente e voluttuosamente dilapidato l’enorme patrimonio di credibilità acquisito con il capolavorissimo L’odio, uno dei film fondamentali (e profetici) di fine Novecento. Eppure, anche in nelke sue prove di genere come questo psycho-thriller tendenza horror Gothika girato negli Usa, il suo talento in qualche modo sopravvive e e qua e là riesce ancora a scintillare. Storia o storiaccia di una dottoressa accusata di aver uvcciso il marito. Sarà per lei solo l’inizio di un viaggio negli incubi e negli abissi del proprio passato. Ma anche di un presente che continua a secernere sangue e misteri. Con Halle Berry, Robert Downey Jr., Penelope Cruz.
Il dolce corpo di Deborah di Romolo Guerrieri, Cine34, ore 21:10.
Una bracciata per la vittoria di Russell Mulcahy, Tv 2000, ore 21:10.
La storia vera verissima del campione di nuoto australiano anni Cinquanta-Sessanta Tony Fingleton. Uno di quei film sempre assai commoventi e sempre esemplarissimi in cui lo sport si fa mezzo di un riscatto esistenziale e sociale, di un’uscita dall’inferno. Infanzia e adolescenza assai disagiate di Tony, con un padre alcolista e violento e la madre costretta a prostituirsi per mantenere i figli. Finché scoprirà di poter diventare qualcuno in acqua. Con Geoffrey Rush (il padre) e Judy Davis.
Il giovane Karl Marx di Raoul Peck, Rai 3, ore 21:20.
Detroit di Kathryn Bigelow, Rai 4, ore 21:20.
Estate romana di Matteo Garrone, Zelig tv, ore 21:30.
No Escape – Colpo di stato, Italia 1, ore 21:30.
Un ingegnere idraulico americano trasferitosi in un paese del sud-est asiatico con la famiglia si ritrova coinvolto in un colpo di stato antioccidentale. Parte la caccia agli stranieri e comincerà per l’americano e famiglia la corsa a ostacoli verso la salvezza. Qualche lontana eco di Graham Greene e John Le Carré. Con Owen Wilson e Pierce Brosnan.
The Contract di Bruce Beresford, Spike, ore 21:30.
Action thriller con un everyman che, dopo aver salvato un killer senza ovviamente conoscerne la vera identià né tanomeno la missione, si ritroverà trascinato in un incubo: nel quale si sfumerano man mano i contorni tra bene e male, tra innocenti e colpevoli. Con Morgan Freeman e John Cusack.
Corpi da reato di Paul Feig, Nove, ore 21:35.
Solito film con coppia di sbirri che non van d’accordo, si battibeccano ma poi finiscono con il collaborare. La cosa meno solita è che stavolta si tratta di sue sbirre, un’agente Fbi che se la tira (Sandra Bullock) mandata a indagare su un caso di narcotraffico e una poliziotta da strada e marciapoiede che non ne sopporta i modi (Melissa McCarthy). Dovranno andare d’accordo per forza. Commedia del 2013 che mette insieme due superstar assai bankable a Holywood come Bullock e McCarthy giocando sul sciurettismo della prima e la sboccata comicità della seconda.
Pirati dei Caraibi 5 – La vendetta di Salazar di Joachim Rønning e Espen Sandberg Canale 5, ore 22:05.
Quinto e per ora ultimo episodio di uno dei franchise di maggior incasso degli anni Duemila. Sempre con Johnny Depp quale Jack Sparrow, opposto stavolta a un villain interpretato da Javier Bardem. Rispunta Orlando Bloom. Dirige la coppia registica norvegese di Kon-Tiki, film del 2012 da noi passato nell’indifferenza generale e invece ottimo successo in America.
The Captive: Scomparsa di Atom Egoyan, Rai Movie, ore 22:50.
Orgasmo nero di Joe D’Amato, Cine34, ore 22:55.
Uno dei film caraibici – questo è del 1988 – con abbondanti intrecci e amori multiculturali di Joe D’Amato aka Aristide Massaccesi, venerato dalle frange selvagge della critica come un piccolo grande maestro del nosro softcore più spinto, ai confini dell’hard. Anche se il capostipite e il titolo di riferimento del genere resta Il dio serpente di Vivarelli, dove i misteri caraibici con tanto di voodoo diventano lo sfondo e la materia prima di un film pulsionale e iperdesiderante. Cinema, quello esotico di Vivarelli e poi di D’Amato, dove il sesso si fa innesco e deflagrazione di passioni e tragedie. Qui una coppia europea – lui è in missione etnografica – in un’isola delle Antille si sgretola sotto i colpi dell’eros. Lei si innamora di una ragazza del posto, e sarà l’inizio di una catena di reazioni e controreazioni destinate a sfociare in follia e orrore. Con Richard Harrison e Nieves Navarro.
Carne tremula di Pedro Almodovar, Cielo, ore 23:00.
Laws of Attraction. Matrimonio in appello, Paramount Network, ore 23:00.
Lui avvocato divorzista, lei pure: si battono in tribunale, ma finiranno come potete immaginare. Rom-com che si vorrebbe sofisticata con Pierce Brosnan e Julianne Moore.
Eureka di Nicolas Roeg, 7Gold, or 23:00.
Dark Night di Tim Sutton, Rai 4, ore 23:30.
Double Target – Doppio bersaglio di Bruno Mattei, Cine34, ore 0:15.
Sotto-Rambo (2) di produzione italiana, con un americano che torna in Vietnam per ritrovare la figlia avuta da una ragazza locale duante la guerra. Con Miles O’Keeffe. Dirige il pronto a tutto Bruno Mattei.
Prova a prendermi di Steven Spielberg, Iris, ore 0:35.
Il fiore delle Mille e una notte di Pier Paolo Pasolini, Rai Movie, ore 0:45.
Kiki & i segreti del sesso di Paco Leon, Cielo, ore 0:45.
Enorme successo in Spagna per questo film dove si cerca di buttare in commedia ironica il discorso sul sesso. Che, sappiamo bene, essere uno dei discorsi prevalenti anzi distintivi del cinema madrileno (ecatalano) degli ultimi decenni. Si pensi a Almodovar, Aranda, Bigas Luna. Come nel vecchio Sessomatto di Dino Risi si cerca di illustrare in espidosi di corto-media durata certe bizzarrie da Psycopathia Sexualis di Krafft-Ebing. Cinque racconti su: dacrafilia (eccitarsi nel vedere l’altro piangere), araxofilia (piacere nell’essere derubati), elefilia (i tessuti morbidi come feticcio erotico), sonnofilia (desiderio per una persona dormiente), dendrofilia (vedere le piante come oggetto sessuale). Me lo ricordo abbastanza divertente ma inesorabilmente medio, non così oltraggioso e surreale. Almodovar resta irraggiungibile.
Una squadra da sogno, Tv8, ore 0.50.
Da vedere solo per l’immenso Gérard Depardieu. Un campione di calcio francese di massima arroganza è costretto da un incidente a fermarsi. Consigliato dai suoi maghi dell’immagine, tornerà nella piccola città in cui è nato per allenare una squadra di ragazzini: l’obiettivo è riconquistare la popolarità perduta presso l’opinione pubblica. Sarà, come vuole il genere del ritorno a casa, una resa dei conti con il passato. In particolare con il padre (Depardieu).

Questa voce è stata pubblicata in cinema, Container, film, film in tv e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.