29 film stasera in tv (sabato 6 giugno 2020, tv in chiaro)

The Skeleton Key

Paycheck

Train to Busan

Cliccare il link per la recensione di questo sito. Alcune si riferiscono a precedenti messe in onda o all’uscita del film in sala.

Gli eroi del Pacifico (Back to Bataan) di Edward Dmytryk, Rete Capri, ore 21:00.
Il fuggitivo di Andrew Davis, Iris, ore 21:09.
Quelli della San Pablo di Robert Wise, Rai Movie, ore 21:10.
Una fidanzata per papà (The Courtship of Eddie’s Father), Paramount Network, ore 21:10.
Una ragione per vivere e una per morire di Tonino Valerii, Cine34, ore 21:10.
Il mostro di Luigi Zampa, Rai Storia, ore 21:10.
Dimenticatissima dark comedy all’italiana del 1977 di un Luigi Zampa già parecchio lontano dai successi colossali tipo Il medico della mutua. Un film intriso degli umori atrabiliari e dei veleni del suo regista, uno dei pochissimi a essere ricorso nel nostro cinema al difficile registro del grottesco. Un giornalista frustrato si ritrova tra le mani lo scoop che gli consentirebbe di fare l’agognato salto di carriera quando un serial killer gli comunica il nome della sua prossima vittima. Chiaro che il Barigozzi si farà trovare lì con tanto di macchina fotografica a immortalare il massacro tramite martello, e sarà finalmente per lui il successo. Ma quando gli omicidi continueranno sarà lo stesso Barigozzi a diventare il sospettato numero uno. Finale che non ti aspetti. Amarissimo, con già dentro una satira dei mass media e dei loro misfatti e manipolazioni in anticipo sui tempi. Non tutto funziona, ma Il mostro resta qualcosa di differente e anomalo che una visione se la merita tutta. Con Johnny Dorelli, Sydne Rome, Angelica Ippolito, Renato Scarpa, Renzo Palmer.
L’uomo con i pugni di ferro con Russell Crowe, canale 20, ore 21:11.
Witness di Peter Weir, la7, ore 21:15.
Blitz con Jason Statham, Rai 4, ore 21:20. Anche su RaiPlay.
The Skeleton Key, Italia 2, ore 21:20.
Horror del 2005 non privo di ambizioni che unisce vecchi modi e cliché narrativi (la casa dei segreti inconfessabili e delle porte chiuse) a un approccio più modernamente psy ai personaggi e alle loro dinamiche. Caroline, giovane infermiera, viene ingaggiata per assistere Ben, un signore assai malato che abita in una casa suggestiva quanto sinistra vicino New Orleans (e già questo avrebbe dovuto dissuadere la ragazza dall’accettare, perché si sa che da quelle parti ci sono sopravvivenze di strani riti caraibici e creoli). Sarà una discesa all’inferno e nella paura. Gran cast: Gena Rowlands, John Hurt, Kate Hudson e Peter Sarsgaard.
Spiando Marina di Sergio Martino, Cielo, ore 21:20.
Erotico-noir-spionistico del 1992 firmato da Sergio Martino, il regista di tanto cinema con Edwige Fenech, stavolta impegnato a feticizzare Deborah Capriolio quale oggetto di ogni desiderio, oltre che pedina di un perfido complotto.
Storia di una ladra di libri, Nove, ore 21:25.
Assassinio a bordo di George Pollack, Tv2000, ore 21:27.
Asterix alle Olimpiadi, Italia 1, ore 21:30.
Mi sono sempre chiesto chi mai in Italia pagasse il biglietto per vedersi un film di Asterix.
Agente 007 – Vendetta privata, Tv8, or 21:30.
Uno degli 007 con Timothy Dalton, il James Bond più introverso e meno smargiasso di sempre. Succeduto per giusto contrappasso all’insopportabile piacione Roger Moore.
Premonitions, Rai 4, ore 23:00.
Anthony Hopkins è un medico con lampi di veggenza che guida un detective sulle tracce dell’assassino seriale Colin Farrell.
Due single a nozze – Wedding Crashers, canale 20, ore 23:04.
Paycheck di John Woo, Spike, ore 23:05.
Un John Woo del 2003 tratto nientedimenoche da Philip K. Dick. Fantascienza, dunque, di ambizione alte, eppure il film fu accolto malissimo. Un ingegnere cui vengono rimossi i ricordi alla fine di un lavoro (molto Philip Dick) si ritrova non solo con la memoria svuotata, ma anche senza essere stato pagato da chi l’aveva ingaggiato (ma chi?). Così parte alla ricerca dei misteriosi datori di lavoro e saranno guai, ovviamente. Con Ben Affleck. Una Thurman, Aaron Eckhart e Paul Giamatti, insomma un gran bel cast. Da rivedere e rivalutare. John Woo è sempre John Woo.
Il camionista di Lucio Gaudino, Cine34,, ore 23:21.
Film tv su un camionista che trasporta immigrati clandestini. Un giorno gli capiterà come carico speciale una ragazzina venuta dall’Africa: capirà che dietro ci sono loschissimi traffici e interessi. Con Giorgio Tirabassi. Qualche affinità con il bellissimo The Load (Teret), film del regista serbo Ognjen Glavonić presentato un paio di anni fa a Cannes alla Quinzaine e adesso visibile su Mubi.
Affari sporchi di Mike Fggis, la7, ore 23:30.
Il risolutore con Vin Diesel, Rete 4, ore 23:32.
Un Vin Diesel del 2003 quale agente DEA alle prese con i tremendi cartelli messicani.
State of Play, Iris, ore 23:41.
Black Book di Paul Verhoeven, Tv8, ore 23:55.
The Way Back di Peter Weir, Rai Movie, ore 0:10.
Aquila nera con Van Damme, Rai 4, ore 0:20.
Spy story con Van Damme. Ma a contare più che gli intrighi sono gli scontri a base di arti marziali made in Asia. È il 1988 e all’überdivo del genere VanDamme tocca ancora la parte del villain (sovietico); si riscatterà di lì a poco.
Al di là della legge di Giorgio Stegani, Cine34, ore 1:02.
Oscuro italian western del 1968, non segnalato nemmeno dall’enciclopedico Marco Giusti in Stracult. Eppure ci sono Lee Van Cleef, Antonio Sabàto (culto assoluto), Graziella Granata, Lionel Stander, Bud Spencer. Secondo qualcuno “basato su un dilemma morale”. Mah. Da appassionato del nostro western anni Sessanta segnalo doverosamente.
Le iene di Quentin Tarantino, Spike, ore 1:20.
Il minestrone di Sergio Citti, Rai 3/Fuori orario, ore 2:17.
S’è molto parlato, non sempre a proposito, del cinema di Sergio Citti nei commenti al bellissimo Favolacce dei gemelli D’Innocenzo. Ecco, stanotte – ma niente paura, da domani sarà su RaiPlay -, un Citti-movie del 1981, costruito intorno a  una dei temi ossessivi del regista, la fame, la fame atavica e mai davvero soddisfatta del povero. In quegli anni scomparsa in Italia, pura memoria di un remoto passato, eppure rievocata da Sergio Citti come terrore invincibile, fantasma corporeo di una irredimibile miseria. Come condizione antropologica e condanna di un eterno sottoproletariato senza possibile riscatto. Due senzacasa arrestati dopo essere stati colti a rovistare tra la monnezza si ritrovano in carcere con un autoproclamatosi Maestro delle abbuffate-truffa, della magnate scroccate aggratis. Una volta fuori il trio si metterà all’opera e sarà un viaggio nell’Italia degli affamati, del cibo sempre sognato senza mai arrivare alla sazietà. In una sorta di versione stracciona e miserabile del bunueliano Fascino discreto della borghesia. Con Ninetto Davoli e Sergio Citti naturalmente, più Roberto Benigni e (culto!) Giorgio Gaber.
Train to Busan, Rai 4, ore 2:37. Anche su RaiPlay.

Questa voce è stata pubblicata in cinema, Container, film, film in tv e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.