Film imperdibile stasera in tv: L’ETÀ DELL’INNOCENZA di Martin Scorsese (giov. 30 luglio 2020, tv in chiaro)

L’età dell’innocenza di Martin Scorsese, Paramount Network (canale 27 dtt), ore 21:15. Giovedì 30 luglio 2020.
Schermata 2017-05-02 alle 18.15.13Schermata 2017-05-02 alle 18.14.49Uno Scorsese del 1993 che adatta al cinema un romanzo di Edith Warton à la Henry James, e lo fa con uno scrupolo filologico quasi ossessivo. Un film che, ricordo, creò enormi aspettative poi andate in gran parte deluse. Non si seppe come maneggiarlo, questo film in cui Scorsese sembrava cancellare il proprio passato di ritrattista di piccola e grande malavita per immergersi nella New York infelice e altoborghese della New York fine Ottocento. Una scelta enigmatica (da qualcuno malignamente interpretata come operazione aspirazionale di chi, avendo sempre bazzicato narrativamente con ottimo esito i bassifondi, volesse elevarsi agli occhi del mondo critico dando prova di saper raccontare con altrettanta efficacia le classi più elevate), come poi sarebbe accaduto con parecchi altri film suoi, compreso il recente – abbastanza recente – The Wolf of Wall Street. Niente più ragazzi di strada in L’età dell’innocenza, niente più picciotti, solo i tormenti dell’avvocato Newland Archer che, mentre si avvia al matrimonio con la perfetta fidanzata May, finisce con l’innamorarsi dell’infelice contessa Ellen Olenska, signora dal passato complicato e contrverso. Spiazzati gli scorsesiani, che non gradirono o tutt’al più abbozzarono senza entusiasmo. Il più viscontiano dei fllm di Scorsese, il suo personale omaggio – vedi lo scrupolo filologico fino all’ossessione della ricostruzione ambientale – a Il Gattopardo. Ma anche un ritratto  antropologico di un mondo chiuso nei suoi usi, costumi e malcostumi, e un manifesto contro la pervasività delle regole sociali e la loro carica oppressiva e lesiva della libertà. Capolavoro, eppure non così amato. Oscar a Gabriella Pescucci per i costumi. Daniel Day-Lewis giganteggia al solito, Michelle Pfeiffer, mai così bella, è la contessa sofferente, Winona Ryder prima dello scandalo che le avrebbe compromesso la carriera è la sposa promessa.

Questa voce è stata pubblicata in cinema, Container, film, film in tv e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.