26 film stasera in tv (sabato 8 agosto 2020, tv in chiaro)

Operation Chromite

Il genio della truffa

La piccola principessa

Cliccare per la recensione di questo sito. Acune recensioni si possono riferire a precedenti messe in onda.

Il buono, il brutto, il cattivo di Sergio Leone, Rai 3, ore 20:30.
Seduzione pericolosa, Iris, ore 21:00.
L’incredibile vita di Norman di Joseph Cedar, Rai Movie, ore 21:10.
Ciakmull, l’uomo della vendetta di Enzo Barboni, Cine34, ore 21.10.
Italian western scomparso dalla memoria collettiva e perfino da quella degli specialisti del genere (non compare nemmeno nel pur fondamentale Stracult – Dizionario dei film italiani di Marco Giusti). Eppure può contare su un cast dignitosissimo, un’idea narrativa non così banale, la regia di Enzo Barboni aka E.B. Clucher che di lì a poco sfonderà con Lo chiamavano Trinità. Un uomo che intuiamo dal passato turbolento e colpito da amnesia si ritrova a essere l’inconsapevole pedina di una mente criminale. Con Leonard Mann, il grande Woody Strode e una Evelyn Stewart dalla bellezza smaltata.
Il genio della truffa di Ridley Scott, Paramount Network, ore 21:10.
Voglia di ricominciare di Michael Caton-Jones, la7, ore 21:15.
Family drama di busse e violenze psicologiche del 1993. L’unico motivo per dargli un’occhiata è la presenza di una coppia attoriale-mattatoriale d’alto rango, un Robert De Niro già leggenda e un giovanissimo Leonardo Di Caprio. Siamo nella Seattle anni Cinquanta. Un ragazzo complicato e ribelle mal si adatta al nuovo, prepotente nuovo marito di mamma.
The Pusher di Matthew Vaughn, Rai 4, ore 21:20.
La piccola principessa di Alfonso Cuaron, Italia 1, ore 21:20.
Un  film del messicano Alfonso Cuaron vale sempre la visione, anche quando come in questo caso si presenta ocn un pessimo titolo che allontanerebbe anche i meglio disposti. Ma si faccia finta niente, e si dia almeno un’occhiata a La piccola principessa, anno 1995, in cui un Cuaron appena approdato a Hollywood e ancora lontano dai fasti di Gravity e Roma si cimenta con una delle tante storie di infanti soli, orfani, variamente disagiati che hanno innervato fino dalle loro origini letteratura e cinema. Sara vive la sua confortevole vita grazie all’adorato padre expat nell’India colonial. Che però, arruolatosi nell’esercito inglese – è scoppiata la prima guerra mondiale – la lascerà sola. Sara, finita in un collegio severissimo a New York, dopo la sua caduta nella povertà (meglio non dire il perché)  dovrà subire ogni sorta di angherie da parte della sadica direttrice. Sarà dura, ma ce la farà a sopravvivere e salvare la dignità. Un romanzo di formazione a uso delle bambine assertive degli anni Novanta. Molto lodato dai critici americani.
Rebecca – La prima moglie di Alfred Hitchcock, Tv2000, ore 21:24.
Avere vent’anni di Fernando Di Leo, Celo, ore 21:25.
Un piccolo, tardo film nella produzione del grande maestro del noir italiano, Fernando Di Leo. Questo però non è un poliziesco, ma uno strano road movie con due ragazze, Lilli Carati e Gloria Guida, che – siamo nella seconda metà degli anni Settanta – percorrono in autostop l’Italia. Sarà un’avventura estrema, una discesa negli abissi. Una sorta di Thelma e Louise molti anni prima, e senza spocchia ideologica. Urtante, quasi insostenibile in certi momenti, ma da vedere, per capire cos’era quel tempo, e cos’era il cinema italiano di quel tempo.
Il tempo delle mele di Claude Pinoteau, Tv8, ore 21:25.
Operation Chromite di John H. Lee, Spike, ore 21:30.
Bellico made in Korea del 2016 che va a ricevocare patriotticamente un episodio cruciale della guerra tra il Nord e il Sud del paese. 1950, i nordcoreani supportati da Cina e Unione sovietica attaccano la parte meridionale: interviene l’Onu, con un contingente militare multinazionale capitanato dagli Usa e dal leggendario generale MacArthur. C’è solo una possibilità di fermare l’avanzata, impossessarsi del cruciale snodo di Incheon. Si incaricherà della missione (quasi) impossibile un commando composto da otto, ovviamente eroici, sudcoreani che si dovranno fingere del Nord per ingannare il nemico. Interessante, a tratti travolgente, come tutti i film che arrivano dalla Corea, una delle cinematografie più vitali del mondo. E da non trascurare per lo sguardo stavolta coreano e non occidentale su uno dei conflitti chiave del post WWII. Liam Neeson è MacArthur. Una delle proposte meno ovvie di questa serata televisiva.
La vendetta di un uomo tranquillo di Raul Arévalo, Rai 4, ote 22:57. Anche su RaiPlay.
E continuavano a fregarsi il milione di dollari di Eugenio Martin, Cine34, ore 23:02.
Western di coproduzione italo-spagnola e ambizioni international che, nonostante un cast illustrissimo, non sfondò al box office. Tutto ruota, in toni già da commedia da crepuscolo del genere, intorno a un milione di dollari frutto delle rapine di una coppia tipo Bonnie & Clyde. E poi rubato al consorte dalla troppo furba signora. Lui la ritroverà anni dopo sposata a un capo della revolucion messicana, e la caccia ai soldi ricomincia. Con Lee Van Cleef, James Mason e Gina Lollobrigida quale dark lady alla sua prima e unica esperienza nel western.
Il cammino per Santiago di Emilio Estevez, Rai Movie, ore 23:10.
The Art of Steal – L’arte del furto, Paramount Network, ore 23.10.
Uscito di galera, un ladro specializato in furti di opere d’arte raduna i vecchi compari compreso il non sveglissimo fratellastro – per il supercolpo della vita. Del genere: poi ci sistemiamo tutti, e invece ecco cominciare i problemi e le disgrazie. Da noi non se lo è visto nessuno, eppure può esibire su un cast di rispetto capitanato da Kurt Russell e Matt Dillon. Tipico feel good movie per maschi.
Gloria, una notte d’estate di John Cassavetes, ore 23:15.
Il tempo delle mele 2 di Claude Pinoteau, Tv8, ore 23:15.
End of Watch – Tolleranza zero di David Ayer, Spike, ore 23:15.
Basic Instinct 2 di Michael Caton-Jones, Iris, ore 23:15.
L’anonimo sequel, sempre con Sharon Stone ma senza Michael Douglas e soprattutto senza Paul Verhoeven alla regia.
Borotalco di Carlo Verdone, Rete4, ore 23:50.
Blue Nude di Luigi Scattini, Cine34, ore 0:44.
A modo suo, leggendario. Un film semiclandestino, sommerso, la cui circolazione fu quasi impedita dal crollo finanziario della casa di produzione. Peccato: un progetto coraggioso da parte del regista di La ragazza dalla pelle di luna che oggi merita la riscoperta e la rivalutazione. Luigi Scattini va a esplorare  – siamo nel 1977, al tempo delle Times Square-Babilonia di ogni peccato e abiezione di Taxi Driver – i gironi letteralmente infernali del porno newyorkese. Con un ragazzo italiano in America (Gerardo Amato, il fratello di Michele Placido) in cerca di gloria cinematografica e naturalmente, implacabilmente, sospinto verso l’hardcore. Imperdibile.
Enzo Avitabile Music Life di Jonathan Demme, Rai3/Fuori oraio, ore 1:15.
Senza buccia di Marcello Aliprandi, RaiMovie, ore 1:30.
Film fine Settanta di amori balneari e corpi al sole che segna l’incursione di un regista come Marcello Aliprandi, partito con ambizioni di impegno (Corruzione al palazzo di giustizia), nell’erotico per quanto soffice e beneducato. Oltre alla meravigliosa Olga Karlatos, nel cast nomi di culto dei nostri sex movies come Lilli Carati e Ilona Staller.
London Boulevard, Rai 1, ore 2:00.
La piscina di Jacques Deray, Rai Movie, ore 3:10.

Questa voce è stata pubblicata in cinema, Container, film, film in tv e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.