18 FILM stasera in tv – mercoledì 7 ottobre 2020

‘Exodus: Dei e Re’ di Ridley Scott

River Phoenix in ‘I signori della truffa’

Jack Huston plays Judah Ben-Hur in Ben-Hur from Metro-Goldwyn-Mayer Pictures and Paramount Pictures.

Cliccare il link per la recensione di questo sito.

La leggenda del pianista sull’oceano di Giuseppe Tornatore, Cine34, ore 21:00.
Ocean’s 13 di Steven Soderbergh, Iris, ore 21:00.
Terzo e ultimo capitolo della saga degli uomini di Ocean, naturalmente ancora alle prese con un colpo a un casinò. Si tratta di vendicare un amico e così George Clooney, Brad Pitt, Matt Damon e gli altri si rimettono in pista. Al Pacino è l’antagonista, l’uomo da rovinare. Seguire e applaudire come merita Elliott Gould, uno dei più grandi attori tra Sessanta e Settanta poi finito nel cono d’ombra. Fu – erano gli anni zero – il solito gran successo di pubblico.
The Accountant di Gavin O’Connor, canale 20, ore 21:05.
The Big Sick – Il matrimonio si può evitare… l’amore no di Michael Showalter, Rai Movie, ore 21:10.
Commedia romantica del 2017 di produzione quasi-indie (dietro c’è quel genio di Judd Apatow) di notevole successo e impatto in America, pasata da noi nella più assoluta indifferenza dalle nostre aprti. Invece merita, per come mette in scena il tema assai caliente della coabitazione tra culture, edell’oscilazione tra diverse appartenenze, qui affrontato finalmente attraverso la cifra dell’umorismo abrasivo. E attraverso una storia d’amore dove il distacco ironico va a bilanciare qualche patetismo e rischio di eccesso zuccherino. Kumail è un ragazzo di famiglia pakistana trapiantata a NY, diviso tra i valori clanici e la contemporaneità newyorkese, che per lui vuol dire esibirsi ogni sera in un club di aspiranti stand-up comedian e sognre di farcela (ossessione anche del Joker di Joaquin Phoenix). Performance in cui lui naturalmente racconta con l’arma affilata della comicità non prina di surrealtà le contraddizione di un pakistano a Manhattan. Prevedibili difficoltà a emergere, mentre si profila, inatteso, l’amore con una giovane psicologa, diversamente da lui americana da molte generazioni. Lumail non divrà fare i conti solo con i pregiudizi dei tradizionalisti americani, ma – aspeto ben più interessante – pure con la famiglia che lo vorrebbe sposato secondo le ferree regole etniche a una ragazza pakistana come lui, come loro. Finché Emily non cade malata gravissimanente e allora Kumai si troverà di fronte alla necessità di scegliere. Forse sopravvalutato dai critici Usa, ma certo pieno di arguzia e di quello hunor devastante-intelligente dei signori del cabaret newyorkese. Ispirato alla vera storia del protagonista Kumail Nanjiani e di sua moglie. Con Zoe Kazan, brava, sensibile, parente di Elia (mi pare nipote).
Exodus: Dei e Re di Ridley Scott, Rai 4, ore 21:20.
Sei giorni sette notti di Ivan Reitman, Nove, ore 21:25.
Un pilota d’aerei e una signorina di una rivista fashion newyorkese si ritrovano naufraghi su un’isola tropicale. Scontro prevedib ile di caratteri opposti, poi indokvinate come andrà a finire. Un po’ di Lina Wertmuller e di Bisbetica domata più qualcosa della Regina d’Africa di John Huston. Commedia anni Novanta con Harrison Ford e Anne Heche, allora attrice in ascesa: non fu il successo sperato.
John Rambo di Sylvester Stallone, Italia 1, ore 21:30.
Quarto e assai tardivo – siamo nel 2008 – episodio della saga rambesca. Con Stallone davanti e dietro la macchina da presa. Stavolta triviamo un Rambo rituratosi, ma perché?, nelle foreste birmane: si ritroverà coinvolto nella sporca guerra tra il regime militare e laminoranza oppressa dei Karen. E si darà da fare come sa fare lui.
Miranda di Tinto Brass, Cielo, ore 23:00.
Beverly Hills Cop III di John Landis, Italia 2, ore 23:05.
Il terzo e ultimo episodio (siamo nel 1994) del poliziotto fracassone Eddie Murhpy. Incredibilmente diretto dal John Landis che con lui aveva girato i mitologici Una poltrona per due e Il principe cerca moglie.
Quel treno per Yuma di James Mangold, Ree 4, ore 23:25.
I signori della truffa, Iris, ore 23:35.
Tutti vogliono quel microchip che potrebbe ridisegnare gli equilibri globali tra superp- e sub-potenze. Però Martin Bishop, specializzato in sistemi elettronici, riuscirà a consegnarlo alla parte giusta (indovinate chi?). Thriller cibernetico del remoto 1992, e dunque tecnologicamente superatissimo. Ma c’è Robert Redford, e con lui River Phoenix (il che rende il film ineludibile) e Sidney Poitier.
La verità è che non gli piaci abbastanza, Rai Movie, ore 23:45.
Affresco di vite (soprattutto femminili), di amori, umori e malamori nell’America di oggi. Un film corale leggero ma non privo di profondità. Naturalmente, al centro di tutto, il sempre maledettamente complicato rapporto tra uomo e donna.
Ben-Hur (il remake) di Timur Bekmambetov, Nove, ore 23:55.
The Order, 7Gold, ore 0:00.
Ip Man 2, Rai 4, ore 0:00.
Una pura formalità di Giusepe Tornatore, Cine34, ore 0:10.
Scandalosa Gilda di Gabriele Lavia, Cielo, ore 0:45.
Una promessa di Patrice Leconte, Rai Movie, ore 1:55.

Questa voce è stata pubblicata in cinema, Container, film, film in tv e contrassegnata con , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.