22 FILM stasera in tv (sabato 17 ottobre 2020)

JFK, un caso ancora aperto

Le Metamorfosi

Cliccare il link per la recensione di questo sito.

Django 2 – Il grande ritorno di Nello Rossati, Cine34, ore 21:00.
Io sono leggenda con Will Smith, canale 20, ore 21:05.
The Lady in the Van con Maggie Smith, Rai Movie, ore 21:05.
8 e mezzo di Federico Fellini, Rai Storia, ore 21:10.
JFK, un caso ancora aperto di Oliver Stone, la7, ore 21:15.
Ferdinand, Italia 1, ore 21:20.
Il cartone del toro gentile e riluttante che non vuole scendere nella plaza a combattere. Me lo ricordo niente male, anche se fin troppo edulcorato e pedagogico.
Il mio piccolo genio di Jodie Foster, Tv2000, ore 21:20.
Esordio alla regia, abbastanza riuscito, di Jodie Foster. Tratta, e gli accenni autobiografici non mancano, di bambini prodigio e talento precoce.
Black Book di Paul Verhoeven, Tv8, ore 21:30.
Contromano di Antonio Albanese, Rai 3, ore 21:45.
Una doppia verità, Paramount Network, ore 22:55.
Un ragazzino è accusato di aver ucciso il padre. Un enigmatico avvocato amico di lunga data della vittima accetta di difenderlo: crede nella sua innocenza, benché il ragazzo sia reo confesso. Tesissimo e classicissimo courtroom movie con qualche affinità con il memorabile La parola ai giurati. Con Keanu Reeves e Renée Zellweger.
Giovane e bella di François Ozon, Rai Movie, ore 22:55.
Keoma di Enzo G. Castellari, Cine34, ore 23:00.
Le metamorfosi di Giuseppe Carrieri, Rai Storia, ore 23:00.
Uno di quei film italiani indipendenti e coraggiosi che non ce l’hanno fatta a rendersi visibili, se non a qualche festival o proiezione speciale (questo è stato presentato a Roma 2019 nella sezione indipendente Alice nelle città). Progetto ambizioso. Dunque, si ricorre alle Metamorfosi di Ovidio per raccontare l’oggi o il domani assai prossimo in una Napoli infelix al sommo della decadenza e dell’abbandono (ormai un manierismo e un cliché narrativo). Con una ragazzina Rom che attraverso il sogno e l’incubo si metamorfizza in altri personaggi, compreso un migrante che in mare ha perso la moglie, come lei variamente disagiati. La voce off di Ovidio è quella di Marco D’Amore, che alterna latino a napoletano antico. E già questo.
Nella morsa del ragno di Lee Tamahori, Iris, ore 23:15.
L’alba del pianeta delle scimmie, canale 20, ore 23:20.
The Son of No One di Dito Montiel, Spike, ore 23:20.
Senza tregua di John Woo, Rete 4, ore 23:30.
Zona d’ombra di Peter Landesman, Rai Movie, ore 0:34.
Un film del 2015 passato nella massima indifferenza nonostante la presenza dell’un tempo superstar Willie Smith. Che è qui in uno dei suoi ruoli per così dire engagé. Zona d’ombra racconta difatti la storia più che vera di un neurologo nigeriano da tempo negli Stati Uniti ma ancor ain attesa di regolarizzazione: finirà nel turbine mediatico quando scoprirà che molti ex gioicatori di football (americano) sono colpiuti dalla stessa patologia degnerativa. Colpa dei traumi subiti in carriera sui campi da gioco? Lancia l’allarme, indica i responsabili, ma ovviamente i poteri forti del sistema sportivo faranno di tutto per bloccarlo. Di quei film che stanno pericolosamente in bilico tra denuncia civile e complottismo. Regista quel Peter Landesman che portò qualche anno fa a Venezia in concorso il mediocre Parkland.
Faccia di Picasso di Massimo Ceccherini, Cine34, ore 0:45.
Solo per il fan club di Massimo Ceccherini,
The Fog War. La guerra secondo McNamara di Errol Morris, la7, ore 1:10.
All’ombra delle donne di Philippe Garrel, Rai 3/Fuori orario, ore 2:00.
La città delle donne di Federico Fellini, Rai 3/Fuori orario, ore 3:10. Anche su RaiPlay.

Questa voce è stata pubblicata in cinema, Container, film, film in tv e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.