(re)visioni in streaming: LA CIOCIARA di Vittorio De Sica – RaiPlay

La ciociara (1960), su RaiPlay.
laciociara-thumbPochi film come questo riescono a commuovermi. Mitologica Sofia Loren, che si prese giustamente l’Oscar – era in una parte a inizio progetto destinata ad Anna Magnani. La Ciociara, ricca vedova bottegaia con figlia a carico su cui riversa tutte le sue ansie di riscatto sociale, lascia la Roma dei bombardamenti e dell’occupante tedesco per sfollare sulle montagne del Lazio. Troverà un ragazzo, Michele, che smuoverà il suo cinismo (Jean-Paul Belmondo), incapperà in uno dei più tragici e sottaciuti episodi accaduti in Italia durante la WWII, gli stupri di massa da parte delle truppe marocchine al seguito degli alleati. E quelle violenze su madre e figlia satenarono in quei primi anni Sessanta scatenarono stampa, benpensanti dell’Ialia pudibonda e pure la censura, ma anche trasformarono La Ciociara in evento e caso oltrecinematografico decretandone l’enorme successo di pubblico (accadde lo stesso, e più clamorosamente, con il coevo La Dolce Vita). Regia di Vittorio De Sica, capace come nessuno di raccontare – e rispettare – gli umiliati e offesi dalla storia. Film che non mi stanco mai di guardare e ogni volta, ebbene sì, mi vien da piangere quando la Ciociara rivela, urla, alla figlia che fine ha fatto Michele. Da un racconto di Alberto Moravia. Titolo angloamericano: Two Women (ci si sarà ispirato Altman per il suo Three Women?).Uno di quei film che fissarono presso il pubblico globale una certa idea dell’Italia povera-ma-bella (e passionale, agitata, resistente oltre ogni sofferenza e ogni male inferti dalla storia) ancora oggi non del tutto scalfita.

Questa voce è stata pubblicata in al cinema, cinema, Container, film, streaming e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.