23 FILM stasera (e stanotte) in tv – lunedì 22 marzo 2021

Mine

Effie Gray – Storia di uno scandalo

Pericle il nero

Cliccare il link per la recensione di questo sito.

Vedo Nudo di Dino Risi, con Nino Manfredi. Cine34, ore 21:06.
Uno dei film stasera in onda per ricordare i 100 anni dalla nascita di Nino Manfredi (Castro dei Volsci, 22 marzo 2021). Film a episodi firmato Dino Risi del 1969, Vedo nudo ci mostra un Nino Manfredi in plurime incarnazioni ma sempre malato di ossessioni erotiche. Un Risi già lontano dai suoi capolavorissimi Il sorpasso e I mostri.
Il nome della rosa di Jean-Jacques Annaud, Rai Storia, ore 21:10.
Non la recente, anodina serie, ma il fim del lontano 1986 girato dal francese JJ Annaud. Un successo clamoroso, almeno sul mercato europeo (non funzionò altrettanto su quello di lingua inglese). Riduzione agli schemi narrativi e alle orme del genere thriller del ben più stratificato romanzo di Umberto Eco, ma prodotto di impeccabile confezione. Il Medioevo come generatore di trame oscure e sanguinosi eventi seriali. Con un meraviglioso Sean Connery.
Lettere d’amore di Martin Ritt, Paramount Network, ore 21:10.
The Salvation di Kristian Levring, Rai Movie, ore 21:10.
Chi mai se lo ricorda. questo western del 2014? Eppure ha per protagonisti due attori assai rispettati come Mads Mikkelsen e Eva Green, eppure fu presentato a Cannes tra le ‘Séances de Minuit’. Seconda metà dell’Otticento: un emigrato danese nel West si trasforma in giustiziere per prendersi la sua vendetta nei confronti di chi gli ha ucciso moglie e figlio.
Mine di Fabio Guaglione e Fabio Resinaro, canale 20, ore 21:12.
Effie Gray – Storia di uno scandalo, Iris, ore 21:14.
Ha un che di interessante e di morbide questo period movie inglese che ricostruisce fatti e fattacci cresciuti intorno al gran critico e storico dell’arte John Ruskin. Il quale sposa nel 1840, su pressione della famiglia, una ragazza di cui poco anzi niente gli importa. Ma la signora, dopo cinque anni di matrimonio non consumato in uno scenario già decadente e spossante di suo come Venezia, si ribellerà e tradirà il consorte con il suo migliore e assai avvenente allievo. Triangolo! Con venature omoerotiche neanche così dissimulate. Dakota Fanning è la moglie infelice e ribelle (in tribunale rivelerà l’impotenza del marito e il totale disinteresse sessuale di lui nei suoi confronti).
Showgirls di Paul Verhoeven, Cielo, ore 21:15.
Donnie Brasco di Mike Newell, la7, ore 21:15.
Mafia movie del 1997 di gran successo, con alla regia il Mike Newell di Quattro matrimoni e un funerale e protagonista la gran coppia Johnny Depp-Al Pacino. Il primo quale agente Fbi infiltrato sotto copertura in una gang criminale, il secondo come mafioso di secondo fascia che attraverso l’alleanza con il neoarrivato tenta di dare la scalata al vertice dell’organizzazione. Un film dove i caratteri contano più delle scene d’azione.
The Final Destination 4, Italia 2, ore 21:16.
Anche in qusto quarto episodio di uno dei franchise horror più fortunati e resistenti i protagonisti sfuggono miracolosamente alla morte. Ma la signora con la falce esige lo stesso il suo raccolto e ha già stabilito la destinazione finale.
Red 2, Italia 1, ore 21:20.
Il primo Red, grande quanto inaspettato successo al box office, aveva la peculiarità e anche l’originalità di mettere in scena agenti segreti sull’orlo della pensione e oltre. Ovviamente indomabili: un Marigold Hotel in versione action-spy. E questa è l’inevitabile parte seconda, sempre con Helen Mirren, Bruce Willis, John Malkovich.
The Rock di Michael Bay, Nove, ore 21:35.
Michael Bay allo stato nascente: questo, del 1996, è il suo secondo film e già è chiara la visione di colui che diventerà il più discusso fabbricatore di action movie, il feticista del montaggio frenetico e pulsante anzi pulsionale, il cantore di un cinema come abnorme macchina autoreferenziale svincolata da ogni obbligo di verosimiglianza. Un generale per riportare all’attenzione dlla smemorata America e della sua anciora più smemorata classe politica la sorte di tanti caduti in guerra (e dei loro familiari mai risarciti con una pensione) occupa miltarmente l’isola di Slcatraz, prendendo in ostaggio un gruppo di turisti. Ha rubato dei contenitoridi gas nervino che intende usare ocme arma di ricatto verso le ingrate istituzioni. Detestato dalla stampa, adorato dal pubblico (è Michael Bay). Da rivedere Con Sean Connery e Nicolas Cage.
La mia classe di Daniele Gaglianone, Rai 5, ore 22:21.
Brimstone di Martin Koolhoven, Rai Movie, ore 22:40.
The Italian Job, canale 30, ore 23:24.
Nudo di donna di e con Nino Manfredi, Cine34, ore 23:27.
Dimenticato film dell’81 con un Nino Manfredi davanti e dietro la mdp, un Manfredi che subentra alla regia in corso d’opera dopo che Alberto lattuada ha deciso di lasciare il set. Certo la storia, una sorta di gotico-fantastico nella solita Venezia sede e simbolo e sintomo di ogni mistero e decadenza, poco gli si adatta. Manfredi è un marito in piena crisi con la moglie (Eleonora Giorgi!), troppo più giovane di lui e di estrazione intellettual-borghese non così conmpatibile con la sua. Si lasciano. Ma lui sembra riconoscerla in un quadro a casa di un amico (omosessuale). E qui si comincia con l’altaena tra reale e fantastico: chi è la donna del ritratto, la moglie o una prostituta? Oppure è l’una e l’altra? Difficile immaginare Manfredi immerso in un racconto del genere che ricorda curiosamente un film di Risi dello stesso anno, ma ben più risolto, Fantasma d’amore. Anche perché lì c’erano Romy Schneider e Marcello Mastroianni.
Our Gdfather – La vera storia di Tommaso Buscetta di Mark Franchetti e Andrew Meier (documentario), la7, ore 0:00.
Vita, crimini e collaborazioni con la giustizia del Gran Pentito di Mafia – della mafia sanguinaria di Totò Riina – Tommaso Buscetta. Fino al maxiprocesso di Palermo con in gabbia vertici e picciotti della cosca corleonese e lui quale accusatore-testimone principe. I due autori sono riusciti a rintracciare nonostante il programma di protezione moglie e figlia del pentito e a strappare loro rivelazioni di primo mano. Da confrontare con il successivo Il pentito di Marco Bellocchio.
Non-Stop di Jaume Collet Serra, Nove, ore 0:15.
Una delle collaborazioni tra il roccioso Liam Neeson e il regista venuto dalla Spagna a Hollywood, o almeno nei suoi paraggi, Jaume Collet-Serra. Del 2014, Non-Stop è più thriller che action, comunque cosa di tensione dura e pura. In aereo l’agente Marks riceve un messaggio: se non versi su questo conto 150 milioni di dollari ogni 20 minuti ammazzerò uno dei passeggeri. In volo con l’assassino, e l’idea non è niente male. Ci sono anche Julianne Moore e la meravigliosissima Lupita Nyong’o (12 anni schiavo, Us).
Cerimonia segreta di Joseph Losey, Rete 4, ore 0:52.
Due cuori e una provetta, Tv8, ore 0:55.
Difficile trattare in forma di commedia un tema sensibile come l’inseminazione artficiale, o se preferite fecondazione assistita. L’odore di provette e laboratorio rischia di mandare all’aria anche il lavoro di sceneggiatura più accurato e smaliziato. Si veda il parziale fallimento di Baby Mama con Tina Fey. Non è stato un gran successo al box office nemmeno questo The Switch, nonostante la presenza di un’attrice popolare come Jennifer Aniston. Che è una single ben decisa ad avere un figlio tramite donatore – niente impicci con mariti e fidanzati -, respingendo l’uomo che da anni la ama. Ma costui per sbaglio rovescerà la fatal provetta con dentro lo sperma scelto da Kassie, e naturalmente provvederà a riempirla del suo. Sarà l’inizio di una classicissima commedia degli equivoci con uso e abuso di sentimenti.
Under Suspicion, Rai Movie, ore 1:20.
Uno dei film americani di Monica Bellucci. Del 2000, è il remake made in Usa del francese Guardato a vista di Claude Miller (là nel ruolo di Bellucci c’era Romy Schneider). Claustrofobico. Ossessivo. Con un commissario che cerca di far confessare esercitando ogni possibile pressione e manipolaizone psicologica un presunto killer pedofilo. Ma ci sarà un clamoroso colpo di scena. Duello d’attori tra Morgan Freeman e Gene Hackman.
Straziami ma di baci saziami di Dino Risi, con Nino Manfredi. Cine34, ore 2:00.
Pericle il nero di Stefano Mordini, Rai Movie, ore 3:10.
Ambiziosa trasposizione in cinema di un noir napoletano a firma Giuseppe Ferrandino (ma che fine ha fatto?) di gran successo alla fine degi anni Novanta e consacrato quale letteratura di massima serie dal marchio Adephi. Che lo propose in Italia dopo il sorprendente trionfo francese in edizione Gallimard.
Quanto al film: Riccardo Scamarcio produce, affida a Stefano Mordini la regia e si ritaglia per sé la parte del protagonsita Pericle, un picciotto-killer-picchiatore di camorra implacabile nel punire chi sgarra, chi non paga il pizzo, chi non si piega alle regole del boss. Punizione che vuol dire sodomizzazione della vittima di turno, il marchio di fabbrica di Pericle. «Il mio padrone è Luigino Pizza, che tutti lo chiamano così a causa delle pizzerie … Io mi chiamo Pericle Scalzone … Di mestiere faccio il culo alla gente»: così l’incipit del romanzo. Per evidenti ragioni di coproduzione nel film di Mordini-Scamarcio il racconto viene trasferito assurdamente dal nostro Sud in Belgio, nella Liegi degli emigrati, creando un certo straniamento in chi aveva letto l’originale. Presentato a Un certain Regard a Cannes 2016, ma senza l’esito sperato.
La via lattea di Luis Buñuel, Rai 3, ore 3:50.

Questa voce è stata pubblicata in cinema, Container, film, film in tv e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a 23 FILM stasera (e stanotte) in tv – lunedì 22 marzo 2021

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.