23 FILM stasera in tv (martedì 23 marzo 2021)

Red Sparrow

Il caso Paradine

The Equalizer – Il vendicatore

Cliccare il link per la recensione di questo sito.

Bad Boys II di Michael Bay, Paramount Network, ore 21:10.
Torna – simo nel 2003 – la survoltata coppia di agenti a Miami composta da Will Smith e Martin Lawrence. A caccia – siamo a Miami no? – di narcos e carichi di droghe pesantissime. Michael Bay (rivalutarlo!) imprime al film l’ipercinesi e i fracassonismo che lo distinguono. I due torneranno nel 2020, neanche poi così appesantiti e impresentabili, in Bad Boys for Life (niente male) diretti dal duo belga di radici marocchine Adil El Arbi e Bilall Fallah.
Quartet di Dustin Hoffman, Tv 2000, ore 21:13.
È nata una star? di Lucio Pellegrini, Cine34, ore 21:14.
Non ha funzionato granché  in sala a suo tempo, era il 2012, questa commedia d’ambiente piccolissimo-borghese con una coppia di genitori – Luciana Littizzetto e Rocco Papaleo – che scoprono con prevedibile sconcerto come il figliolo adolescente sia diventato una pornostar. Lui, considerato sempre un indolente senza qualità e invece in possesso di una qualità, misurabile in centimetri, assai apprezzata nel mondo dell’hard. Non male, anche perché il film ce la fa a scansare le più ovvie trivialità consegnandoci un ritratto di famiglia in un interno non privo di sfumature e penombre. Ma il film è da recuperare soprattutto per Pietro Castellitto, qui al suo esordio d’attore e oggi più che una promessa del nostro cinema (vedere per credere il suo I predatori, dov’è protagonista e regista, il miglior film italiano degli ultimissimi anni insieme a Favolacce).
Red Sparrow, canale 20, ore 21:14.
Tentativo non così riuscito – correva l’anno 2018 – di lanciare Jennifer Lawrence come eroina action, al pari di Charlize Theron o di Scarlett Johansson. Nonostante la grancassa promozionale e il notevole budget a disposizione Red Sparrow non ha funzionato, sicché rischia di restare un unicum questa improbabile spy story con una Lawrence che dovrebbe essere scatenatissima ed è invece per niente convinta di quel che le tocca fare: una ex ballerina del Bloshoi, e già questo, reclutata e addestrata perché si infiltri nei servizi americani e scoperchi certi piani antirussi della Cia. Ma sarà attrazione fatale con il nemico. Siamo per capirci tra le bessoniane Lucy e Nikita, però con qualche finezza in più e meno esagitazioni. Cast pazzesco: oltre alla diva Lawrence ci sono Joel Edgerton, Charlotte Rampling, Mattias Schoenaerts, Jeremy Irons. Me lo ricordo abbastanza imbarazzante, ma anche con un suo indiscutibile fascino rétro da vecchio film da guerra fredda. Guilty pleasure?
Il vendicatore del Texas di Tay Garnett, Iris, ore 21:14.
Un tardo western classico (è del 1963) diretto dal Tay Garnett di La taverna dei sette peccati e Il postino suona sempre due volte. A un buon ranchero gliene combinano di ogni per convincerlo a cedere la sua terra a un losco affarista. Quando gli uccidano la fidanzata, passa alla vendetta dura. Con un Robert Taylor in pieno declino, il che conferisce una cert’aura di malinconico disfacimento a tutto il film.
Una notte con la regina di Julian Jarrold, Rai 5, ore 21:16.
Your Highness – Sua maestà di David Gordon Green, Italia 2, ore 21:16.
Un film liquidato alla sua uscita (era il 2011), in America e peggio ancora in Italia, come una cosaccia di iper volgarità, una di quelle raunchy comedy parolacciare e grevi a uso di teenager in tempesta ormonale. Però il cast avrebbe dovuto mettere sull’avviso chi stronca di default e va pigramente per automastismi e schemi mentali. James Franco, Natalie Portman, Zooey Deschanel, Charles Dance e il grandissimo Toby Jones. Se vi sembran nomi da B-movie. E il suo regista, David Gordon Green, di lì a non molto avrebbe spiccato il volo verso i festival di alta gamma, presentando prima a Berlino 2013 Prince Avalanche e poi a Venezia Joe (non ancora uscito in Italia). Allora guardiamolo, questo film, cercando di intenderlo oltre la superficie volutamente grossolana. In un Medioevo assai di maniera a un principe bello un perfido mago porta via la bella promessa sposa. Il nostro si metterà in cerca della rapita, mal aiutato dal fratello neghittoso e riluttante all’impresa, passandone e vedendone di ogni. Con un linguaggio sessualmente esplicitò che scioccò perfino i recensori americani, adusi a tutto. Ma oggi, col senno di poi, e avendo avuto modo di apprezzare David Gordon Green, sarà il caso di riconsiderarlo, questo Your Highness. Che nel suo Medioevo sboccato ricorda (inconsapevolmente) un po’ L’armata Brancaleone e parecchio i nostro boccacceschi-decamerotici anni Settanta
The Equalizer – Il vendicatore di Antoine Fuqua, con Denzel Washington, Rai 4,oe 21:21.
Ultimatum alla terra (il remake) di Scott Derickson, Nove, ore 21:25.
Il classico degli anni Cinquanta diretto da Robert Wise, e con una meravigliosa Patricia Neal, non poteva essere superato. E difatti questo remake del 2008 ne è solo una pallida copia. Si rinnova la storia dell’alieno caduto sulla terra con la missione di convincere gli umani a smetterla con la loro malagestione del pianeta terra. Insomma. Però c’è Keanu Reeves, cui non si può non voler bene, qualunque cosa faccia.
Ghost di Jerry Zucker, canale 5,ore 21:45.
Lui muore per mano di un rapinatore, ma resta accanto a lei in forma di fantasma, per vegliarla e anche per dare una mano a incastrare il colpevole. Solo che per mettere in contatto l’amata con l’amato ormai oltretterno occorre una medium. Un po’ complicato, però si sa che amor omnia vincit, e difatti. Rom-com incredibilmente sposata alla ghost story che nel 1990 fece sfracelli e commosse le platee di ogni angolo del globo. Anche, il film più famoso e fortunato di Demi Moore. Lui è Patrick Swayze, la medium Whoopi Goldberg. Incredibilmente alla regia c’è Jerry Zucker, già co-regista dello scatenato e molto distante da questo L’aereo più pazzo del mondo.
Mi fido di te di Massimo Venier, Cine34, ore 22:50.
Per chi riesce a ridere con Ale e Franz.
Il caso Paradine di Alfred Hitchcock, Tv 2000, ore 22:55.
L’ultimo bacio di Gabriele Muccino, Rai Movie, ore 23:00. Anche su RaiPlay.
Hondo, Iris, ore 23:10. Western assai classico del 1963, con una casa nella prateria abitata da una dona sola con figlioletto. Arriverà il valente Hondo a darle una mano e difenderla dagli Apache. Con la gran coppia John Wayne-Geraldine Page (che attrice signori miei). Dirige John Farrow, sì, il babbo di Mia. Da non confondere con Oro Hondo, titolo aggiuntivo del sanguinosissimo nonché cultistico italian western Se sei vivo spara di Giulio Questi.
Piccole labbra di Mimmo Cattarinich, Cielo, ore 23:10.
Dio mio, gli anni Settanta. Chi potrebbe mai girare oggi un film così? Siamo nel 1979 e Mimmo Cattarinich, regista cresciuto professionalmente come fotografo di scena, cavalca con Piccole labbra (e già il titolo) il filone allora di un certo successo al box office delle ultralolite, genere che ebbe in Eva Ionesco la sua diva: immergendo il tutto nelle atmosfere torbido-decadenti della Finis Austriae per dare un tocco di nobiltà all’operazione. Un ufficiale torna dalla Grande Guerra ferito, e dalle ferite reso impotente. Nel suo rifugio si invaghirà di una dodicenne di nome Eva (appunto), e sarà melodramma, anzi tragedia. Oggi massimamente imbarazzante, e se merita di essere visto è solo per la presenza dell’immenso Pierre Clémenti – un attore, un’epoca, uno zeitgeist – nel ruolo protagonista.
The Final Destination 4, Italia 2, ore 23:15.
Anche in qusto quarto episodio di uno dei franchise horror più fortunati e resistenti i protagonisti sfuggono miracolosamente alla morte (durante una corsa automo bilistca). Ma la signora con la falce esige lo stesso il suo raccolto e ha già stabilito la destinazione finale.
Pearl Harbor di Michael Bay, Nove, ore 23:30.
Melodramma a triangolo con due fratelli aviatori e la donna amata da entrambi . E a fare da sfondo e contenitori agli amori, ai languori e ai dolori ecco l’attacco giapponese alla base americana di Pearl Harbor del 7 dicembre 1941 e l’inizio della guerra nel Pacifico. Non aspettatevi finezze ma spettacolo: dopotutto, è un film di Michael Bay. Con Ben Affleck, Josh Hartnett e Kate Beckinsale.
Mine di Fabio Guaglione e Fabio Resinaro, canale 20, ore 23:58.
Il giustiziere della notte – Death Wish di Eli Roth, ore 0:23.
Non ha lasciato traccia questo remake del 2018 di un mitico film anni Settanta con Charles Bronson. Stavolta il bravo cittadino che si ribella e decide di farsi giustizia da solo dopo l’uccisione della moglie  è Bruce Willis. Ma il nome più inetressante dell’operazione è quello di Eli Roth, signore dell’horror più truculento e gorey (Hostel). Da lui ci si aspettava qualcosa di più personale, di più deciso e fiammggiante, invece il risultato è stranamente piuttosto anonimo.
Lo stallone italiano, Cielo, ore 0:35.
Quando Sylvester Stallone non era ancora una superstar (siamo nel remoto 1970) e prestava, almeno in questo caso, il già suo carnosissimo corpo all’industria semiunderground del semiporno. E si immagina Lo stallone italiano proiettato nei cinemacci intorno a Times Square celebrati da Taxi Driver (e più recentemente da Joker). Film in cui è un macho di italiche radici assatanato e incontenibile come da cliché che finirà con lo scatenarsi in un’orgia. Naturalmente riesumato da chissà quale catacomba dopo l’assunzione di Sky nell’alto dei cieli hollywoodiani.
Sing Sing di Sergio Corbucci, Cine34, ore 0:55.
Movie movie con Celentano e Montesano, nella solita santa alleanza produttiva Milano-Roma per intercettare il pubblico di Nord e Centro-Sud. Vanessa Redgrave fa la regina d’Inghilterra molto, molto prima di The Queen e The Crown, Marina Suma, icona popolare di quei primi anni Ottanta, è una pornostar.
The Big Sick, Rai Movie, ore 1:05.
Una lucertola con la pelle di donna di Lucio Fulci, Rete 4, ore 2:53.

Questa voce è stata pubblicata in cinema, Container, film, film in tv e contrassegnata con , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.