26 FILM stasera (e stanotte) in tv – domenica 4 aprile 2021

Little Children

El Cid

Risorto

Cliccare il link per la recensione di questo sito.

Il grande silenzio di Sergio Corbucci, 7Gold, ore 19:15.
Indiana Jones e l’ultima crociata di Steven Spielberg, Paramount Network, ore 19:55.
Il meno riuscito (anche se oggi tutto di Spielberg si apprezza e ammira) della tetralogia di Indiana Jones. Allora sembrò fiacco e inutilmente ripetitivo, oggi chissà, grazie all’effetto nostalgia potrebbe guadagnarci. Difficile comunque anche accettare, per questioni anagrafiche, Sean Connery come padre di Harrison Ford, già allora non proprio un virgulto.
La grande bellezza di Paolo Sorrentino, Cine34, ore 21:04.
Il ragazzo invisibile – Seconda generazione di Gabriele Savatores, Rai Movie, ore 21:10.
Francesco di Liliana Cavani, con Mickey Rourke, Rai Storia, pre 21:10.
Purtroppo non il primo Francesco d’Assisi di Liliana Cavalli, quello ribelle e pre-hippie del 1966, con un Lou Castel appena uscito dal rabbiosi Pugni in tasca bellocchiani. Quello era un capolavoro, questo autoremake degli anni Ottanta non lo è: solo un film decoroso con qualche deriva manierista. Con l’allora star Mickey Rourke quale Francesco. Helena Bonham-Carter è Chiara.
L’intrigo della collana, Iris, ore 21:13.
Intrighi alla corte di Luigi XX ( o si dovrà scrivere  ome vogliono le nuove regole semplificatorie e populiste Louis 15?), con una contessa arrivista a tutto disposta per salire le scale sociali. Anche a organizzare una truffa ai danni di Maria Atonietta: oggetto, una clamorosa collana. Mah. Con Hilary Swank.
El Cid di Athony Mann, 7Gold, ore 21:15.
La tela dell’assassino, Cielo, ore 21:15.
Una detective della polizia di San  Francisco (è Ashley Judd) indaga sua una serie di delitti misteriosi opera probabilmente dello stesso killer. Sarà per lei una discesa agli inferi e nei labirinti più oscuri della sua vita, anche perché tutte le vittime hanno avuto con lei una storia di una notte. Del 2004, fu un flop, nonostante le ambizioni di andare oltre i cliché del genere e la firma di un regista non qualunque come Philip Kaufman (Uomini veri, L’insostenibile leggerezza dell’essere). Da rivedere.
Pirati dei Caraibi – Oltre i confini del mare di Rob Marshall, Italia 1, ore 21:26.
Stanchissima quarto episodio della saga horror-fantastico-piratesca. Semprec on Johnny Dep, ovvio, ma con Rob Marshall alla regia al posto di Gore Verbisnki. Spariscono Orlando Bloom e Keira Knightley, arriva Penelope Cruz.
Risorto, Rai 1, ore 21:20.
Gesù di Nazareth di Franco Zeffirelli (quarta parte), Tv 2000, ore 21:20.
Sette anni in Tibet di Jean-Jacques Annaud, la7, ore 21:30.
Baciato dalla fortuna, Rete 4, ore 21:30.
Solo per ferventi ammiatori di Vioncenzo Salemme. Portatore, bisogna riconoscerlo, di una comicità napoletano non fracassona, non plebea, se mai borghese o piccolissimo borghese (a me ha sempre ricordato in qualche postura Eduardo). Film del 2011 stavolta non diretto dallo stesso Salemme (la regia è di Paolo Costella). C’è anche Alessandro Gassmann.
Left Behind – La profezia con Nicolas Cage, Rai 4, ore 21:20.
Uno dei molti film-spazzatura di Nicolas Cage. Qui si ha a che fare con certe profezie bibliche e relative catastrofi. Straculto.
Indiana Jones e il regno del teschio di cristallo di Steven Spielberg, Paramount Network, ore 22:15.
Il quarto della serie, e il peggiore. Arrivato a distanza di diciannove anni dall’episodio numero tre, mostra un Harrison Ford visibilmente fuori parte e invecchiato. E la programmata staffetta con il giovane Shia LaBeouf non sortisce l’effetto sperato. Si tratta di dare la caccia a un prezioso teschio che sembra quello massimamente kitsch tenpestato di pietre e dimanti di Damien Hirst. C’è anche Cate Blanchett. Alla regia c’è sempre Steven Spielberg, ma non si direbbe.
Big Daddy – Un papà troppo forte, Rai Movie, ore 22:55.
Come un giovane uomo vittima della sindrome di Peter Pan riesce a diventare adulto. Sonny si ritrova a doversi occupare di un bambino figlio di un  amico. La sua vita cambierà. Tutto risolto in chiave di urban comedy. Con Adam Sandler.
Cube – Il cubo di Vincenzo Natali, Italia 2, ore 22:58.
Il canadese Vincenzo Natali, quello di Splice per intenderci, gira nel 1997 questo strano, indefinibile, ipnotico oggetto cinematografico. Thriller, noir, fantasy, prison movie. Questo e altro è Cube. Sei persone variamente assortite sono rinchiuse in una cella cubica, incastrata come altre della stessa forma e dimensione in una megastruttura a cubo. Per capirci, una sorta di grande cubo di Rubik che qui diventa un universo concentrazionario. Come fuggire? Come salvarsi? Se dalla cella apri la porta sbagliata rischi di morire, se apri quella giusta sopravvivi ma ti ritrovi in un’altra cella analoga, sempre prigioniero. Eppure la strada per uscire ci deve essere. Un gioco, un sogno, un incubo. Un film astratto e concettuale, costruito secondo rigorosi modelli matematici e ispirato alla cosiddetta Teoria dei giochi e al suo Dilemma del prigioniero.
Bright Star di Jane Campion, Rai 5, ore 23:08.
Little Children, Iris, ore 23:18.
L’amico del cuore di Vincenzo Salemme, Rete 4, ore 23:27.
Incredibile, in questo film di Salemme – era il 1998 – c’è Eva Herzigova. E tanto basti.
Pallottole cinesi, canale 20, ore 23:29.
Strano e non disprezzabile action-avventuroso del 2000 con l’incredibile coppia Jackie Chan-Owen Wilson (e io, che di Wilson sono un estimatore, lo segnalo per la sua presenza, mica per altro). Nevada secondo Ottocento: una principessa cinese – Lucy Liu, chi se no – viene rapita. Per liberarla ci si metteranno tre suoi connazionali più un avventuriero americano. Contaminazione bislacca tra action hongkonghese e western.
La dolce vita di Federico Fellini, Cine34, ore 23:40.
Il bene mio di Pippo Mezzapesa, Rai 3, ore 0:05.
C’è un cinema neomeridionale e fors’anche meridionalista alquanto scostato dal mainstream, sommerso, perfino catacombale. Assolutamente altro, per stili linguaggi antropologie, rispetto all’invece rigoglioso e visibile, fin troppo, genere gomorristico-camorristico-campano. Sergio Rubini ne è, da molto tempo, uno degli esponenti più rigorosi e convinti. Rubini che compare qui come attore protagonista, ma non come regista (che è Pippo Mezzapesa, di cui era circolato in qualche festival Il paese delle spose infelici). Gli tocca il ruolo di un uomo rimasto il solo, l’ultimo, a custodire le memorie, i fantasmi, le pietre cadenti di un villaggio del Sud abbandonato dai suoi abitanti.
Niente può fermarci, Rai Movie, ore 0:30.
Visto alla sua uscita e subito dimenticato.Uno di quei piccoli film italiani decorosi, con dentro qualche discreta idea, realizzati professionalmente, ma che finiscono col non incidere e non lasciare traccia. Del 2013, diretto da Luigi Cecinelli, Niente può fermarci è un racconto di formazione a quattro. Tanti sono i ragazzi al centro della storia, tutti segnati da una qualche differenza, da un qualche scostamento rispetto alla presunta medietà. Si va dal narcolettico all’affetto da sindrome di Tourette. Ebbene, si alleeranno e scapperanno insieme dalla struttura di riabilitazione in cui i genitori li hanno mandati. Sarà un’avventura da cui usciranno cambiati, ovvio.
I fratelli Grimm e l’incantevole strega di Terry Gilliam, Paramount Nework, ore 0:30.
Opera di quel gran visionario che è Terry Glliam, uno tra i pià accreditati eredi di Fellini, insieme a Jeunet e pochi altri. Anche lui, purtroppo, prigioniero dei fantasmi e delle immagini della sua mente, al punto da riprodurle narcisticamente, quasi per automatismo, senza ormai più preocupparsi di costruire un racconto purchessia. Peccato, Gilliam se appena appena si sottoponesse alla disciplina di una narrazione compatta o almeno plausibile, sarebbe un maestro assoluto. Quki rivisita in chiave alquanto dark e barocca l’immaginario favolistico dei Grimm mescolandolo a frammenti della loro vera vita. Cast enrme: Matt Damon, Heath Ledger, Monica Bellucci, Jonathan Pryce.
Detenuto in attesa di giudizio di Nanni Loy, la7, ore 2:20.

Questa voce è stata pubblicata in cinema, Container, film, film in tv e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.