Cannes 2021, i 46 FILM che ho visto (e i voti)

Mon Légionaire (Our Men)

Tromperie

Bilancio, almeno quantitativo, di fine Cannes 2021. 46 i film visti tra le varie sezioni del festival –  c’è altro oltre il Concorso da Palma – e le due parallele Quinzaine e Semaine. Niente del superindie Acid (com’era possibile con l’overdose di offerta di quest’anno, anche più delle scorse edizioni?), poco di Un Certain Regard, penalizzato dalla nuova sezione Cannes Première con dentro nomi imprescindibili, da Noé a Desplechin, che gli ha sottratto spettatori. Il rimpianto: non aver potuto incastrare nel fittissimo programma l’ultimo Hong Sangsoo (era in Cannes Première).

LE NUOVE ENTRATE rispetto ai post precedenti

Europa
di Haider Rashid (Quinzaine des Réalisateurs)
Voto 6 e mezzo

Memoria di Apichatpong Weerasethakul (Concorso)
Voto 7+

France di Bruno Dumont (Concorso)
Voto 7 e mezzo

Haut et Fort (Casablanca Beats) di Nabil Ayouch (Concorso)
Voto 6 +

The Story of My Wife di Ildiko Eynedi (Concorso)
Voto 7 e mezzo

Titane di Julia Ducournau (Concorso)
Voto 6

Tromperie di Arnaud Desplechin (Cannes Première)
Voto 7+

Red Rocket di Sean Baker (Concorso)
Voto 7

Feathers di Omar El Zohairi (Semaine de la Critique)
Voto 6

Les Olympiades (Paris 13th District) di Jacques Audiard (Concorso)
Voto 7 –

Ghahreman (A Hero) di Asghar Farhadi (Concorso)
Voto 7 e mezzo

Mon Légionnaire (Our Men) di Rachel Lang (Quinzaine des Réalisateurs)
Voto tra il 6 e il 7

Ali & Ava di Clio Barnard (Quinzaine des Réalisateurs)
Voto 6+

The Souvenir part II di Joanna Hogg (Quinzaine des Réalisateurs)
Voto 7+

Nitram di Justin Kurzel (Concorso)
Voto 4 e mezzo

Les Intranquilles di Joachim Lafosse (Concorso)
Voto 6 e mezzo

Vortex di Gaspar Noé (Cannes Première)
Voto 8 e mezzo

GIA SEGNALATI NEI POST PRECEDENTI

Retour à Reims (Fragments) di Jean-Gabriel Périot (Quinzaine des Réalisateurs)
Voto 7 e mezzo

Tre piani di Nanni Moretti (Concorso)
Voto 5

Evolution di Kornell Mandruczo (Cannes Première)
Voto tra il 7 e l’8

Bergman Island di Mia Hansen-Love (Concorso)
Voto 7

Baby Yar. Contexte di Sergei Loznitsa (Special Screenings)
Voto 8 e mezzo

Drive My Car di Ryusuke Hamaguchi (Concorso)
Voto tra il 7 e l’8

Petrov’s Flu (La fièvre de Petrov) di Kirill Serebrennikov (Concorso)
Voto 6

The French Dispatch di Wes Anderson (Concorso)
Voto 7

Diários de Otsoga
di Maureen Fazendeiro e Miguel Gomes (Quinzaine des Réalisateurs)
Voto 8

The Story of Film: A New Generation di Mark Cousins (Fuori Concorso)
Voto tra il 6 e il 7

Annette di Leos Carax (Concorso)
Voto 8+

Tout c’est bien passé di François Ozon (Concorso)
Voto 7+

Machbarot Shchorot (Cahiers Noirs) di Shlomi Elkabetz (Special Screenings)
Voto tra il 7 e l’8

Ouistreham di di Emmanuel Carrère (Quinzaine des Réalisateurs)
Voto 7

Rehana Maryam Noor di Abdullah Mohammad Saad
Voto 6

Ha’Berech di Nadav Lapid (Concorso)
Voto 8+

Cow di Andrea Arnold (Cannes Première)
Voto tra il 7 e l’8

Lingui – Les Liens Sacrés di Mahamat-Saleh Haroun (Concorso)
Voto 4 e mezzo

Onoda di Arthur Harari (Un certain regard)
Voto 7 e mezzo

Verden Verste Menneske di Joachim Trier (Concorso)
Voto 6+

A Chiara di Jonas Carpignano (Quinzaine des Réalisateurs)
Voto 6

Delo di Aleksej German Jr. (Un certain  regard)
Voto 7 e mezzo

Benedetta di Paul Verhoeven (Concorso)
Voto tra il 6 e il 7

La Fracture di Catherine Corsini (Concorso)
Voto 6 e mezzo

Where is Anne Frank di Ari Folman (Fuori Concorso)
Voto 5

Re Granchio di Alessio Rigo de Righi, Matteo Zoppis (Quinzaine des Réalisateurs)
Voto 7 e mezzo

Compartment n. 6 (Hitty NRO 6) di Juho Kuosmanen (Concorso)
Voto 7+

Flag Day di Sean Penn (Concorso)
Voto 4

Piccolo corpo di Laura Samani (Semaine de la Critique)
Voto 6+

 

 

Questa voce è stata pubblicata in cinema, Container, Dai festival, festival, film e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.