23 FILM stasera in tv (venerdì 6 agosto 2021)

Un traduttore

The Raven

Senza freni

Cliccare per la recensione di questo sito.

Un traduttore di Rodrigo e Sebastián Barriuso, Tv 2000, ore 20:54.
1989. Arrivano a l’Avana adulti e soprattutto bambini coinvolti nel disastro nucleare di Chernobyl con pesanti conseguenze nel corpo e non solo: saranno curati dal sistema sanitario castrista, considerato nella sfera di influenza sovietica un’eccellenza (chiedere se la leggenda corrisponda alla realtà alle decine di migliaia di cubani scesi in questi ultimi mesi in strada a protestare contro le tante inefficienze del sistema Cuba). Malin, professore di russo, sarà distaccato dall’università dove lavora e mandato a far da interprete e tramite tra i più piccoli dei pazienti arrivati da lontano e una realtà per loro tutta nuova. Storia sulla carta edificante, e in forte sospetto di propaganda. Se non fosse che i due registi si sono ispirai alla vera storia di loro padre e, pur avendo girato il film a Cuba, non ne sono più cittadini dal 2006, anno del loro espatrio in Canada (vedi intervista da loro rilasciata a Repubblica). Certo non sarà nemmeno cinema del dissenso, visto che Cuba lo ha candidato come proprio rappresentante all’Oscar del migliore film straniero. Con il divo brasiliano Rodrigo Santoro.
1921, il mistero di Rookford di Nick Murphy, Iris, ore 21:14.
Il postino di Michael Radford, Cine 34, oe 21:06.
Benvenuti nella giungla, canale 20, ore 21:12.
Tardo Van Damme-movie (siamo nel 2013) con il mitologico signore dei muscoli belga quale guida di un disgraziato gruppo impegnato in un’escursione aziendal-motivazionale nella giungla. Solo per fan (tra cui mi colloco) di JCVD, che peraltro qui non è neanche protagonista.
Prime di Ben Younger, la5, ore 21:10.
Rom-com del 2005 di un qualche impegno e ingegno e ambizione con Uma Turman (allora all’apice) quale 37enne neodivorziata che si innamora, ricambiata, di un quasi toyboy 23enne. Naturalmente non tutto funzionerà, anzi. Anche perché la madre di lui è la psicoanalista di lei, ed è Meryl Streep. Molto atteso, fu, mi pare di ricordare, una delusione e uno smacco al box-office.
La patata bollente di Steno, la 7, ore 21:15.
The Raven di James McTeigue, Mediaset Italia 2, ore 21:15.
Avere vent’anni di Fernando Di Leo, Cielo, ore 21:20.
Un piccolo, tardo film nella produzione del grande maestro del noir italiano, Fernando Di Leo. Questo però non è un poliziesco, ma uno strano road movie con due ragazze, Lilli Carati e Gloria Guida, che – siamo nella seconda metà degli anni Settanta – percorrono in autostop l’Italia. Sarà un’avventura estrema, una discesa negli abissi. Una sorta di Thelma e Louise molti anni prima, e senza spocchia ideologica. Urtante, quasi insostenibile in certi momenti, ma da vedere, per capire cos’era quel tempo, e cos’era il cinema italiano di quel tempo.
Donnie Darko di Richard Kelly, Rai 4, ore 21:20.
Senza freni, Spike, ore 21:30.
Proprio lui? di John Hamburg, Rai Movie, ore 23:10.
Tutti pazzi in casa mia di Patrice Leconte, la7, ore 23:10.
The Nex Three Days di Paul Haggis, canale 20, ore 23:08.
Marito fa evadere la moglie ingiustamente accusata e incarcerata. Con Russell Crowe e la regia di Paul Haggis. Remake del francese Anythng for her con Vincent Lindon.
Rush Hour – Due mine vaganti, Mediaset Italia 2, ore 23:27.
1998: Jackie Chan sfonda a Hollywood interpretando con Chris Tucker questo cop movie (loro, ovvio, sono la solita strana e malissimo assortita coppia di sbirri però di micidiale sinergia quando passano all’azione). Sarà un successo globale che darà il via a un paio di sequel altrettanto fortunati.
Interceptor – Il guerriero della strada di George Miller, Iris, ore 23:27.
Leoni al sole di Vittorio Caprioli, Cine 34, ore 23:25.
Samba di Olivier Nakache e Eric Toledano, Rai Movie, ore 1:005.
Il film girato dai moneymaker francesi Eric Toledano e Olivier Nakache dopo il campionissimo d’incassi Quasi amici. E ancora con l’irresistible Omar Sy quale protagonista. Fun un buon successo in francia (non da noi però), senza riuscire ovviamente a bissare l’esito clamoroso del film precedente. ‘Tematica’ sociale svolta in chiave di rom-com, con la storia di un clandestino senegalese e di una donna in carriera pentita e logorata dallo stress. Sarà incontro e amore complicatissimo, ma amore. Con Omar Sy c’è la divina Charlotte Gainsbourg, ma la chemistry latita pericolosamente.
Alatriste – Il destino di un guerriero, Iris, ore 1:28.
Bergman 100: la vita, i segreti, il genio di Jane Magnusson, Rai 3, ore 1:30. Anche su RaiPlay.
La ragazza dalla pelle di luna di Luigi Scattini, Rete 4, ore 2:17.
In un posto bellissimo di Giorgia Cecere, Rai Movie, ore 3:00. Anche su RaiPlay.
Flavia, la monaca musulmana di Gianfranco Mingozzi, Cine 34, ore 3:17.
Ciao, Federico! di Gideon Bachmann, Rai 3, ore 3:25. Anche su RaiPlay.
Imprescindibile. Forse il più importante docu mai girato su (e con) Federico Fellini. Il giornalista, fotografo e filmmaker Gideon Bachmann va sul set del Satyricon – siamo intorno al 1968 – immortalando il backstage con attori e regista e tutta la crew, ma anche le visite di amici illustri, tra cui Sharon Tate, venuti a omaggiare il cineasta. E naturalmente conversazioni con Fellini lui-même e sue (finte?) confessioni. Uscito nel 1970 e diventato subito un riferimento per tutti i fellinologi.

Questa voce è stata pubblicata in cinema, Container, film, film in tv e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.