31 FILM stasera in tv (venerdì 13 agosto 2021)

‘L’altro Adamo’ di Pasquale Squitieri

‘Il labirinto del fauno’ di Guillermo Del Toro

‘Showgirls’ di Paul Verhoeven

Cliccare per la recensione di questo sito.

A Royal Weekend di Roger Michell, Tv 2000, ore 20:55.
I laureati di Leonardo Pieraccioni, Cine34, ore 21:05.
Il primo Pieraccioni-movie, anno 1995, e furono incassi pazzeschi al botteghino. Pare sia stata Rta Rusic, allora signora Cecchi Gori, a scoprirlo, creandosi una fama di talent-scout che ancora oggi non si è dissolta. Quattro fuori corso nello stesso appartamento fiorentino, ognuno con le sue (non imprevedibili) storie e storiacce, insomma puro Pieraccioni, anticipatore di ogni ogni successivo bamboccionismo.
Tutto può cambiare (Begin Again) di John Carney, la5, ore 21:10.
Il tuo ex non muore mai di Susanna Foget, Rai Movie, ore 21:10.
Due ragazze coinvolte in un intrigo internazionale. Tutta colpa dell’ex di una di loro, agente segreto che prima di rimanerci in missione le avava affidato un misterioso pacchetto. Diventato ovviamente l’oggetto del desiderio di tutte le spie. Con Mila Kunis.
Il pianeta rosso di Antony Hoffman, Iris, ore 21:12.
Nonostante l’ambizione di partenza e l’ottimo budget, un sci-fi del 2000 che non funzionò per niente e minò la carriera di Val Kilmer (arriverà in Italia il docu appena dato a Cannes in cui si ricostruisce la sua parabola?). Un pugno di audaci viene mandato in missione su Marte per capire come mai la produzione di ossigeno di certe alghe geneticamente modifcare si sia arrestata (le avevano spedite lassù perché preparassero un’atmosfera propizia a un’eventuale colonia umana). Naturalmente si dovrà fare i conti con un’orribile realtà.
Constantine di Francis Lawrence, Mediaset Italia 2, ore 21:15.
Siamo tutti Alberto Sordi?, un docu di Fabrizio Corallo, la 7, ore 21:15.
La ragazzina di Mario Imperoli, Cielo, ore 21:20.
Il primo film di Gloria Guida, allora appena quindicenne (oggi sarebbe mai possibile?). Un erotico molto, molto soft, pruriginoso si diceva a quel tempo, intorno a lei, adolescente alle prese con i primi amori e i primi uomini. Tutti spregevoli, uno peggio dell’altro, of course (mascolinità tossica!).
Il labirinto del fauno di Guillermo Del Toro, Rai 4, ore 21:20. Anche su RaiPlay.
Rocky IV di Sylvester Stallone, Nove, ore 21:35.
Rocky sfida il terribile campionissimo sovietico Ivan Drago. Per Dolph Lundgren il film della vita.
Inception di Christopher Nolan, canale 20, ore 22:47.
La rapina perfetta. The Bank Job di Roger Donaldson, Paramount Network, ore 22:50.
Faccia di Picasso di Massimo Ceccherini, Cine34, ore 22:50.
Solo per la fanbase di Massimo Ceccherini.
Empire State di Dito Montiel, Rai Movie, ore 23:05. Anche su RaiPlay.
Montiel dimentica l’esordio autorialistico di Guida per riconoscere i tuoi santi e passa senza esitazionie al mainstream, con questo heist movie (e un po’ guardie-ladri) senza più il suo attore feticcio Channing Tatum, ma con Dwayne Johnson e il fratello cadetto degli Hemsworth, Liam.
Brevi amori a Palma di Maiorca di Giorgio Bianchi, la7, ore 23:05. Primo e secondo tempo su DailyMotion.
Rocky III di Sylvester Stallone, Nove, ore 23:05.
Rocky mantiene il titolo di campione (ab)battendo uno sfidante dopo l’altro. Finché non arriva il momento della sconfitta. Ma ci sarà la riscossa.
Showgirls di Paul Verhoeven, Tv8, ore 23:15.
Andromeda di Robert Wise (1971), Iris, ore 23:20.
Twister di Jan De Bont, Italia 1, ore 23:29.
Disaster-movie della sottovariante con tornado. Una specialista in cicloni ha messo a punto un apparecchio da lanciare nel vortice onde studiarne dinamica e genesi. Ma se la dovrà vedere con un altro cacciatore di tornado deciso a scoprire il chiamiamolo così segreto ciclonico prima di lei. Film degli anni Novanta. Me lo ricordo non male. L’apparecchio si chiama Dorothy, in chiaro omaggio a Il mago di Oz. Protagonista Helen Hunt.
Zandalee di Sam Pillsbury, 7Gold, ore 23:30.
Triangolo pericoloso nel clima sudato e torrido di New Orleans. Zandalee, un nome che è già peccato,  stanca dell’indolente marito Thierry perde ogni freno inibitore allorché conosce il ben più macho Johnny, di mestiere artista. Amplessi scatenati a New Orleans, mentre il marito cova un piano che darà il via a parecchi disastri. Gli autori hanno sempre detto di essersi ispirati a Teresa Raquin di Zola, ma il riferimento pare essere più l’erotico-esotico di due anni prima Orchidea selvaggia. Domina il film Nicolas Cage quale lato terzo del triangolo, in una delle sue interpretazioni trucido-esagitate. Che hanno fatto di lui un attore controverso ma di straculto.
Colpo grosso al Drago rosso (Rush Hour 2), Mediaset Italia 2, ore 23:36.
Torna la stana coppia di sbirri occidente-oriente formata da Jackie Chan e Chris Tucker. Successo popolar-planetario.
The Big Sick – Il matrimonio può aspettare… l’amore no di Michael Showalter, Rai 3, ore 23.50.
Truth – Il prezzo della verità di James Vanderbilt, Rai Movie, ore 0:45.
Ovosodo di Paolo Virzì, Cine34, ore 0:45.
Un giorno in pretura di Steno, la7, ore 1:05. Primo e secondo tempo su DailyMotion.
Dead Man Down – Il sapore della vendetta di Niels Arden Oplev, Tv8, ore 1:25.
Fur. Un ritratto imaginario di Diane Arbus di Steven Shainberg, Iris, ore 1:47.
L’uomo scimmia (The Ape Man) di William Beaudine, Rai 3, ore 1:55. Anche su YouTube.
Grande Bela Lugosi-movie del 1943, protagonista uno scienziato che, volendo troppo sperimentare (ma si sa, i mad doctors son sempre in preda a irrefrenabile hybris), finisce col trasformarsi in un uomo scimmia. E comincia la ricerca disperata di una cura. L’anno dopo arriverà il sequel, Return of the Ape Man.
Dietro gli occhiali bianchi di Valerio Ruiz, Rete 4, ore 2:26.
Film-intervista a/con/su Lina Wertmüller. Che racconta, rievoca, ricostruisce. Molte cose già viste e sentite più qualcosa di inedito, di sorprendente. Come la parte che riguarda il marito Enrico Job, la migliore del film.
Infanzia, vocazione e prime esperienze di Gicomo Casanova, veneziano di Luigi Comencini, Rai Movie, ore 2:45. Anche su RaiPlay.
Piccolo capolavoro – anno 1969 – di Comencini sull’iniziazione di Casanova all’arte della seduzione. La leggerezza della commedia all’italiana applicata a un racconto di formazione settecentesco, e incredibilmente funziona. Scenografie e costumi del mitico Piero Gherardi ispirati alla pittura veneziana. Della serie: cos’era il cinema italiano di una volta. Cast femminile di culto, con Senta Berger e Tina Aumont. Il protagonista è Leonard Whiting, allora reduce dallo zeffirelliano Romeo e Giulietta.
L’altro Adamo di Pasquale Squitieri, Rai 3, ore 3:00. Anche su RaiPlay
Superculto! L’ultimo e si dice bellissimo film di Pasquale Squitieri, anno 2013, un distopico sull’uomo qualunque Adamo K che, stanco della propria vita di eterno succube e oppresso, cerca di inventarsene un’altra attraverso l’intelligenza artificiale. Chiarissimi i riferimenti a Kafka. Mai distribuito in sala. Assolutamente da vedere (è anche su RaiPlay). Con Lino Capolicchio.

Questa voce è stata pubblicata in cinema, Container, film, film in tv e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.