Venezia 2022. LA MIA CLASSIFICA FINALE del concorso

Tutti i film del concorso sono stati proiettati alla stampa e tra poco lo saranno anche al publico. L’ultimo a essere sttato presentato, No Bears dell’iraniano Jafar Panahi (non certo una rivelazione), è balzato subito in testa alla mia personale classifica. In un concorso senza il capolavoro indiscutibile, è il più serio candidato al Leone. E non fa niente se Panahi è un maestro consolidato che si mantiene anche troppo fedele a sé stesso e al prprio cinema senza osare innovazioni: questo suo nuovo film è, semplicemente, perfetto. Il migliore tra gli ultimi suoi, compreso quel Taxi Teheran vincitore alla Berlinale qualche anno fa. E non fa niente se unl Leone d’oro lo ha già vinto in tempi lontani per Il cerchio. Rispetto alla mia classifica parziale precedente trovate qui qualche piccola variazione di posizione e di valutazione, ma sono cose di poco conto, nessun cambiamento clamoroso.

Khers Nist (No Bears – Nessun orso)

1) Khers Nist (No Bears – Gli orsi non esistono) di Jafar Panahi. Voto 8 e mezzo
2) Athena
di Romain Gavras. Voto 8
3) The Whale di Darren Aronofsky. Voto tra il 7 e l’8
4) Bones and All di Luca Guadagnino. Voto tra il 7 e l’8
5) Saint Omer di Alice Diop. Voto 7 e mezzo
6) Shab, Dhakeli, Divar (Beyond the Wall) di Vahid Jialilvand. Voto 7+
7) Argentina, 1985 di Santiago Mitre. Voto 7
8) The Banshees of Inisherin di Martin McDonagh. Voto 7

9) Il signore delle formiche di Gianni Amelio. Voto 7
10) White Noise di Noah Baumbach. Voto 7
11) BARDO, falsa cronica de unas cuentas verdades di Alejandro G. Iñarritu. Voto tra il 6 e il 7
12) TÁR di Todd Field. Voto tra il 6 e il 7
13) Love Life di Koji Fukada. Voto tra il 6 e il 7
14) Un couple (A Couple) di Frederick Wiseman. Voto tra il 6 e il 7
15) The Eternal Daughter di Joanna Hogg. Voto tra il 6 e il 7
16) Les Enfants des Autres di Rebecca Zlotowski. Voto 6 e mezzo
17) Les Miens di Roschdy Zem. Voto 6+
18) All the Beauty and the Bloodshed di Laura Poitras. Voto 6
19) The Son di Florian Zeller. Voto 5 e mezzo
20) L’immensità di Emanuele Crialese. Voto 5 e mezzo
21) Blonde di Andrew Dominik. Voto 5
22) Monica di Andrea Pallaoro. Voto 5
23) Chiara di Susanna Nicchiarelli. Voto 4 e mezzo

 

 

Questa voce è stata pubblicata in cinema, classifiche, Container, Dai festival, festival, film e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.