Film da non perdere stasera in tv: IL POTERE DEI SENSI (Choses Secrètes) di Jean-Claude Brisseau – ven. 31 maggio 2024

Il potere dei sensi (Choses secrètes) di Jean-Claude Brisseau, 2002, Cielo, ore 21:25. Venerdì 31 maggio 2024.

Jean-Claude Brisseau

Tra i film della serata tv, di sicuro il più eccentrico e maledetto. Come il suo autore, il francese Jean Claude Brisseau, scomparso nel 2019, circondato in vita come post mortem da una fama sulfurea per la sua opera intrisa di erotismo, con ampie celebrazioni (esposizioni?) del corpo femminile, incursioni nel surreale e nel fantastico, echi e suggestioni psicanalitiche. Cinema inevitabilmente controverso (di cui il titolo più famoso resta Noce blanche che lanciò l’allora sedicenne Vanessa Paradis). Ad accentuare l’aura maudite intorno a Brisseau c’è stata anche l’accusa e poi la condanna – nel 2006 – per molestie nel confronto di alcune attrici su un suo set. Tanto che nel 2017 la Cinémathèque di Parigi ha dovuto annullare la prevista retrospettiva a lui dedicata in seguito alle proteste di alcuni movimenti femminili.
Ho visto un suo solo film, La fille de nulle parte, al festival di Locarno 2012: a essere sincero, mi sembrò un miscuglio indigesto di freudismi, hitchockismi, liberazionismi sessuali di vario tipo. Evidentemente mi sbagliavo, perché poi alla fine vinse il Pardo d’oro, consegnatogli ricordo da un assai soddisfatto Olivier Père, allora direttore artistico del festival (oggi assai rimpianto). Non ho mai rivisto La fille de nulle part né mi è mai capitato un altro incontro con il cinema di Brisseau. Stasera l’occasione, assai rara in Italia, per me e per tutti di rifare i conti con lui. Cielo manda infatti in onda una delle sue opere più discusse, Choses secrètes, da noi Il potere dei sensi, uscito in patria nel 2002 prima degli scandali che avrebbero messo a rischio la carriera del regista. Due ragazze, Nathalie e Sandrine, lavorano in un strip club, la prima come spogliarellista, la seconda come barista: verranno entrambe licenziate perché si sono rifiutate di avere rapporti sessuali con i clienti. Si ritroveranno a condividere lo stesso appartamenteo e insieme decideranno di usare il proprio appeal erotico per dare la scalata al mondo, cominciando dall’azienda in cui sono state assunte. La strategia sembra funzionare, finché non incontreranno Christophe, il padrone, che ribalterà il gioco. Il sesso (anche) come controllo e potere, un tema assai frequentato da Brisseau.

Questa voce è stata pubblicata in anteprime, cinema, Container, film, film in tv e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.