Stasera in tv: cult-movies e altri film (venerdì 6 agosto 2010). Seconda parte

Dopo i film della serata televisiva già segnalati nel post precedente, ecco altri titoli da non perdere.

Giù al Nord, Sky Cinema Mania, h. 1.30. Commedia francese che un paio d’anni ha spopolato in patria con incassi da record. Giustamente, perché fa morir dal ridere e riesce a trattare senza pesantezza temi come il pregiudizio e l’intolleranza. Il provenzale Philippe, dopo aver combinato guai nel suo ufficio postale, viene trasferito per punizione su nel freddo Nord dalle parti di Calais. Dal sole del Sud alle brume dei canali e al livido mare di settentrione. Philippe è disperato, ma al Nord scoprirà di trovarsi benissimo, tra colleghi che lo inizieranno ad abitudine e cibi completamente nuovi. La morale è chiara, ma servita dal regista Dany Boon (anche tra gli interpreti) con il sorriso. Io l’ho adorato. Da vedere assolutamente. Attenzione, sta per uscire un remake italiano, Benvenuti al Sud: nordico deportato in Campania scoprirà che… Con Claudio Bisio, Angela Finocchiaro, Luisa Ranieri. Uscita l’8 ottobre.
Il delitto del diavolo – Le regine, Sky Cinema Italia, h. 2,o5. Incredibile B-movie del 1970 girato da Tonino Cervi che porta tuti i segni del suo tempo, mescolando l’horror al film di protesta anticapitalista che imperava allora. Streghe, figli dei fiori, amore libero, contestazione. Indigeribile, ma da guardare per capire come eravamo. A renderlo imperdibile è anche la presenza della bellissima Silvia Monti, oggi stimata signora De Benedetti (Carlo).
Un’adorabile idiota, Sky Cinema Classics, 22.55. Del 1963, è la risposta francese alla commedia-spy story Sciarada, grande successo del tempo. Anche qui c’è una spia, Anthony Perkins, e una bellissima dal cuore semplice, che è poi Brigitte Bardot al massimo della sua bellezza Da recuperare, anche per capire cos’era la dolcezza di vivere di quegli Early Sixties.
Ballata macabra, Sky Cinema Classics, h. 0,45. L’archetipo della casa maledetta in questo horror del 1976 di Dan Curtis che ha fatto scuola. Tutti i registi successivi del cinema di paura lo considerano un riferimento irrinunciabile. C’è perfino Bette Davis nella parte di una vecchia zia. Si dice che Stephen King l’abbia copiato per il suo Shining, sarà vero?
Il segno degli Hannan, Sky MGM, h. 0,10. Esercizio hitchcockiano di Jonathan Demme, molti annni prima che si affermasse con Il silenzio degli innocenti e Philadelphia. Attentati e strane morti, una lettera misteriosa in aramaico. Sullo sfondo, la cultura ebraica, di cui poi capiremo la centralità. Finalone con inseguimento sotto (sì, sotto) le cascate del Niagara. Avvincente.
La casa nera, Sky Fantasy, h. 22.oo. Non è solo per gli amanti dell’horror, questa ennesima variazione di Wes Craven sul suo tema prediletto della casa stregata. Perché, mettendo in scena un ragazzino alle prese con misteri e fatti inquietanti di vario tipo, La casa nera è anche un racconto di formazione e iniziazione alla vita. Interessante commistione di generi.
I soliti sospetti, Rai Movie (digitale terrestre), h. 22.55. Visto, stravisto. Ma sempre formidabile. Sono dell’idea che I soliti sospetti sia lo psycho-thriller migliore degli ultimi vent’anni, e non è un’iperbole. Nessuno meglio di Bryan Singer in questo film riesce a farti respirare la paura, a comunicarti la minaccia. Colto, europeizzante, con qualcosa del Roman Polanski anni Sessanta-Settanta. Kaiser Söze è ormai leggenda.
Bianca, La5 (digitale terrestre), h. 1.50. Non amo molto Nanni Moretti, devo dire però che questo suo film dell’83 è tra i meno insopportabili. C’è Laura Morante, meravigliosa. C’è l’ormai mitica scena di Nanni con la maxi Nutella. Può bastare.

Questa voce è stata pubblicata in cinema, stasera in tv e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.