22 film stasera in tv (dom. 21 luglio 2019, tv in chiaro)

Oltre le colline

Itaker – Vietato agli italiani

Roger Waters The Wall

Cliccare il link per leggere la scheda o recensione di questo blog (alcune schede si
riferiscono a precedenti messe in onda.

Lo straordinario viaggio di T.S. Spivet di Jean-Pierre Jeunet, Rai Movie, ore 21,10.
King Arthur di Antoine Fuqua, Paramount Channel, ore 21,10.
Da recuperare, assolutamente, anche se quando uscì (2004) fu un flop. Eppure questa ennesima riproposizione del triangolo Artù-Lancillotto-Ginevra ha una ruvidezza, una selvaggeria, ma anche una fedeltà alla storia sconosciute nei precedenti cinematografici. King Arthur è colui che approfitta dell’Impero romano in disfacimento per farsi largo e, lottando anche contro i Sassoni, stabilire il proprio dominio sull’Inghilterra. Sceneggiatura forse troppo ambiziosa e dialoghi sentenziosi, ma la regia del talentuoso quanto sottovalutato Antoine Fuqua (quello del formidabile Training Day per intenderci) con la sua energia ridà una corporalità, una fisicità mai vista alla vicenda. Clive Owen è il re, Keira Knightley è Ginevra, Ioan Gruffudd Lancillotto. Ma a lasciare il segno è il Tristano di Mads Mikkelsen (il villain di Casino Royale, l’eroe guercio di quel gran film che è Valhalla Rising, mai distribuito in Italia).
Itaker – Vietato agli italiani, Rai Storia, ore 21,11.
Insomnia di Christopher Nolan, Iris, ore 21,12.
Arizona Colt di Michele Lupo, 7Gold, ore 23,15.
Italian western del 1966, uno dei più classici e composti, e meno selvaggi. Con Giuliano Gemma bravo pistolero contro tutti.
La contessa bianca di James Ivory, Tv2000, ore 21,17.
Il viaggio di Fanny di Lola Doillon, Canale 5, ore 21,20.
Apollo 11 – Archivi segreti, Nove, ore 22,43.
Se provate ancora un qualche fremito per i 50 anni dell’allunaggio (io non ne posso più, non so voi), ecco un documentario che naturalmente promette di svelarci “tutti i retroscena mai raccontati dietro la grande avventura” del primo uomo lassù.
Oltre le colline di Cristian Mungiu, Rai 5, ore 23,00.
La carne di Marco Ferreri, Cielo, ore 23,00.
Recuperato dai ferreristi intransigenti come un capolavoro assoluto: io per la verità me lo ricordo assai imbarazzante, anche se rapportato a una filmografia sempre deragliata rispetto al senso comune e al comune buon gusto come quella di Marco Ferreri. Ma l’impressione era, è, che una volta dissoltasi la cappa perbene e piccoloborghese che permeava Italia e Occidente fino ai primi anni Settanta anche il suo cinema sovversivo e anarchico sia diventato celibe e sterile. Spuntato e senza più possibili bersagli. La carne è un suo film tardivo, già primi anni Novanta, dove Ferreri riprende e rifrulla infiniti suoi temi precedenti ricombinandoli con certe cronacacce dei tempi. Come quella di un assassino cannibale giapponese di nome Issei Sagawa. La carne ci racconta dell’incontro fatale tra un uomo qualunque e una donna meno qualunque (Francesca Dellera, difatti). Per lui sarà ossessione, e quando lei vorrà andarsene lui farà in modo di averla sempre vicina. A pezzi. Lui è Sergio Castellitto.
Contraband di Baltasar Kormakur, 20, ore 23,05.
Piccolo grande amore di Carlo Vanzina, la5, ore 23,10.
La principessa e il proletario. Un modello narrativo antico che i frateli Vanzina rinfrescano nel 1993 raccontando di una giovane aristocratica che, in fuga dal fodanzato impostole dalla famiglia, approda in un villaggio vacanze in Sardegna: dove incontrerà, ovvio, l’amore vero stravero, incarnato in un magnificente Raoul Bova al suo primo film. I Vanzina al solito mescolano i generi e gli archetipi, citando Vacanze romane e i film balneari italiani anni Cinquanta-Sessanta.
Il giustiziere della notte 2, Spike, ore 23,10.
Il buon cittadino Paul Kersey si incazza un’altra volta e, come nel primo episodio della saga, impugna le armi per fare fuori una banda di carogne assassine. Una della icone degli anni Settanta, il giustiziere Charles Broson, ritorna nel 1982 con questo sequel sempre diretto da Michael Winner. E quante discussioni allora sul fascismo o meno del cittadino armato Bronson.
Roger Waters The Wall, Italia 2, ore 23,23.
A Better Tomorrow III di Tsui Hark, 7Gold, ore 23,25.
In The Name of The King di Uwe Boll, Paramount Channel, ore 23,30.
The American, Iris, ore 23,31.
Letti selvaggi di Luigi Zampa, Rai Movie, ore 0,35.
Il glorioso Luigi Zampa (L’onorevole Angelina, La marcia su Roma, Il medico della mutua), l’esponente della nostra comedia anni Sessanta più naturalmente portato al grottesco e alla deformazione espressionista, torna con questo film nei tardi anni Settanta. Ma è ormai tempo di commediaccia degradata venata di parecchio eros e Zampa è costretto ad adeguarsi al nuovo. Film in otto episodi di molti sberleffi e qualche grevità che ruota perlopiù intorno all’eterna ossessione del sesso e delle corna. Però, che cast: Monica Vitti, Roberto Benigni, Sylvia Kristel, Michele Placido, Laura Antonelli.
Whore – Puttana di Ken Russell, Cielo, ore 0,40.
Zoolander, Tv8, ore 1,00.
La via lattea di Luis Buñuel (1969), Rai 3, ore 1,25.
Kon-Tiki, Paramount Channel, ore 1,30.

Questa voce è stata pubblicata in cinema, Container, film, film in tv e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.